A1- Ragusa rullo compressore, domata la Reyer, è campione d’inverno

A1- Ragusa rullo compressore, domata la Reyer, è campione d’inverno

Commenta per primo!

Passalacqua Ragusa – Umana Reyer Venezia 70 – 49 (Parziali: 10-14; 28-28; 45-39)

Passalacqua Ragusa: Consolini 9, Gorini 5, Valerio n.e., Erkic 8, Ngo Ndjock, Gonzalez 4, Sorrentino n.e., Nadalin 10, Little 19, Brunson 4, Micovic 11
Umana Reyer Venezia: Carangelo 6, Porcu n.e., Christmas 16, Pan .4, Bagnara 3, Sandri 2, Formica 1 , Ruzickova 6, Dotto 4, Fontenette 7

Totali di squadra:
Passalacqua Ragusa: tiri da 2 21/40, tiri da 3 5/16, t.l. 13/19, rimb. dif. 29, rimb. off. 6, p.p. 8, p.r. 18, assist 5
Umana Reyer Venezia: tiri da 2 14/42, tiri da 3 5/9, t.l. 6/9, rimb. dif. 26, rimb. off. 4, p.p. 16, p.r. 10, assist 1

L’Umana Reyer non riesce questa volta nell’impresa ed esce sconfitta dal Palaminardi con un punteggio che la punisce oltre misura visto quanto le ragazze di coach Liberalotto avevano espresso per tre quarti di gara.
L’inizio vede entrambe le squadre imprecise in attacco, anche a causa della velocità impressa dalle contendenti nelle azioni d’avvio.

L’Umana c’è e recupera valanghe di palloni difendendosi al meglio sotto i tabelloni. E’ Fontenette ad andare per prima a referto subito imitata da Consolini. Ancora la guardia oro granata a bersaglio e subito dopo Christmas dalla lunga sigla il primo break dell’incontro (2-7 a -6,15). La gara è avvincente e viene apprezzata dal folto pubblico presente che fa sentire il proprio caldo sostegno alle padrone di casa. Little sfrutta al meglio un assist, subito emulata da Christmas dalla lunetta. E’ la volta di Erkic a mantenere alte le speranze delle compagne, l’Umana è però capace di un ulteriore strappo con la bomba di Carangelo e 2 punti di Christmas che “obbligano” coach Molino al time out sul punteggio di 6-14. La reazione delle verdi non tarda e Nadalin ed Erkic fanno sentire il fiato sul collo alle veneziane “rosicchiando” punto dopo punto e chiudendo i primi 10’sul 10 a 14.

Partono bene le lagunari nel secondo periodo colpendo il canestro avversario prima con Ruzickova poi con Pan che si rende protagonista di un “numero” nel pitturato ragusano e trovando il fondo della retina cadendo a terra dopo un contrasto. Little ricompatta la Virtus Eirene e Nadalin detta la legge dell’ex con 4 punti “chirurgici” che riportano Ragusa ad un solo possesso (16-18 a-6,21).

Il riaggancio sembra oramai prossimo e puntualmente si concretizza con Little (18-18 a-5,22). La tripla di Carangelo sembra scuotere la momentanea apatia offensiva delle lagunari ma viene subito “ricambiata” dai 6,75 da Little e Consolini che scrivono il primo vantaggio ragusano (24-21 a -4,05). Christmas è precisa “a metà” dalla lunetta ma si fa immediatamente “perdonare” con un rimbalzo offensivo ad altezza impensabile e con 4 punti che tengono a galla i propri colori. Ruzickova costruisce la parità assoluta sul buzzer parziale e ferma le lampadine del tabellone sul 28 a 28. La pausa lunga ritempra le energie del team condotto da Nino Molino che è autore di una ripartenza bruciante. Sandri “aguzza” i gomiti sotto le plance ma il duo USA siciliano fa ottima guardia.

Proprio dalla coppia Little – Brunson parte il parziale che potrebbe rivelarsi decisivo. Sandri e Dotto mantengono alte le speranze e la Reyer dimostra di essere più che mai “viva” lottando con caparbietà su ogni listone del parquet ospite. Purtroppo l’attacco veneziano non riesce a finalizzare il gran lavoro svolto in difesa ed il ferro respinge ripetutamente i tentativi oro granata. Ancora una volta Little da una poderosa spallata alla difesa dell’Umana ed anche Erkic dimostra di aver buona mira. Christmas replica da par suo con quattro punti provvidenziali. Fontenette dai 6,75 riporta l’Umana sul 42 a 39. La Passalacqua riallunga sfruttando al meglio il bonus che la porta in lunetta ad ogni fallo subito. La terza frazione si chiude sul 45 a 39.

Il primo canestro dell’ultimo periodo porta la firma di Consolini mentre Christmas protesta troppo vivacemente su una palla contestata e si vede affibbiare un fallo tecnico. E’ questa la svolta definitiva della gara con Micovic autrice di 6 punti che fanno “volare” Ragusa (53-39 a-7,35). Le siciliane allungano ulteriormente con le triple messe a segno da Gonzalez e Micovic e si appropriano dell’inerzia della gara. Gli ultimi minuti sono una “passerella” per Little che incrementa il proprio bottino personale. All’Umana Reyer non rimane che centellinare le proprie energie in attesa del prossimo impegnativo appuntamento in Europa mentre Ragusa conferma di meritare la prima posizione in classifica.

Fotogallery a cura di Giovanni Cassarino

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy