A1 SF G2 – Ragusa espugna il PalaRomare e riporta la serie in parità

A1 SF G2 – Ragusa espugna il PalaRomare e riporta la serie in parità

Le siciliane violano il fortino scledense battendo le padrone di casa in una partita molto combattuta

Commenta per primo!

Nel giorno del cinquantaseiesimo compleanno di coach Procaccini, Schio non fa il regalo al suo allenatore, perdendo il secondo incontro di semifinale contro Ragusa: dopo aver condotto per buona parte dell’incontro, le padrone di casa cedono nell’ultimo minuto all’offensiva biancoverde, fortunata sulla tripla di Ndour e brava sul canestro da sotto di Larkins. Inutile per le padrone di casa la prestazione super di Jolene Anderson, autrice di 23 punti.

CRONACA DELLA PARTITA

Le squadre si presentano alla palla a due con le stesse formazioni di due giorni fa e con Yacoubou, Martinez, Anderson, Zandalasini e Macchi per Schio, mentre Vanloo, Consolini, Spreafico, Ndour e Larkins formano il quintetto di partenza di Ragusa.

Pronti, via e Gara 2 inizia sulla falsariga di quanto vinto lunedì sera, con Schio che si porta subito in avanti 5-0 grazie ad un pregevole canestro di Yacoubou, che spadroneggia contro Larkins, e ad una tripla di Macchi, che capitalizza il bellissimo lavoro a rimbalzo di Zandalasini. Devono trascorrere due giri di lancette prima che Ragusa muova lo zero sulla propria casella del tabellone: a pensarci è Consolini, che fa 2/2 dopo aver subito il fallo di Yacoubou. Ragusa sembra un po’ confusionaria in attacco e trova il pareggio con un tiro dalla lunga distanza di Ndour, brava a trovare il fondo della retina al termine di un’azione con un giro palla poco lineare. Dall’altra parte è ancora Yacoubou a sfruttare il suo strapotere fisico e riportare Schio avanti sul 7-5 dopo tre minuti esatti di gioco. Ci vogliono quarantatre minuti e mezzo tra Gara 1 e Gara 2 prima che Ragusa riesca a trovare il primo vantaggio momentaneo, ancora una volta con un tiro da tre, capitalizzato da Vanloo, seguita a breve giro da Larkins che porta il risultato sul 7-10. Yacoubou, che anche questa sera vanta un’ottima condizione, accorcia le distanze dalla media, prima di commettere il suo secondo fallo personale, che ingarbuglia i piani di coach Procaccini, e che manda in lunetta Larkins che fa 2/2: dalla panchina scledense si alza immediatamente Ress per dare il cambio al centro francese. Schio prova ad alzare il ritmo e con Macchi e Martinez si riporta avanti sul 13-12, ma Spreafico prima, con l’ennesima tripla biancoverde del primo quarto, e Ndour poi, con il 2/2 dalla lunetta per il fallo di Masciadri, riportano Ragusa avanti sul 13-17. L’ultimo minuto della prima frazione, però, è tutto di marca scledense, con Ress e Masciadri brave a riportare il punteggio in parità sul 17-17 sulla sirena del primo intervallo breve.

Si rientra in campo ed è Ress-show: l’altoatesina, infatti, segna quattro punti consecutivi in appena trentadue secondi e, con la tripla di Anderson, porta il vantaggio delle padrone di casa sul +7. Ragusa sembra sbandare e trova il primo canestro dopo duecento secondi, con Formica che da sotto appoggia al tabellone, ma Anderson è brava ad annullare il canestro della lunga siciliana portando il risultato sul 26-19. A muovere il punteggio per le iblee è ancora Formica, che fa 2/2 dalla lunetta dopo aver subito il fallo da Ress, ma Schio è lesta a recuperare con Yacoubou e ad allungare con Anderson trasforma entrambi i liberi per il fallo di Gorini. Inizia una fase nella quale le squadre iniziano a rincorrersi, in campo e nel punteggio, fino alla penetrazione di Macchi, ad 1:40 dall’intervallo lungo, che vale il momentaneo 35-30. Si mette male la partita del Famila quando Yacoubou, pochi istanti dopo, commette il terzo fallo su Vanloo, che dalla lunetta fa 2/2 e replica poco dopo, per il fallo di Martinez, facendo ancora bottino pieno e portando il punteggio sul 35-34. L’ultimo canestro del primo tempo è una tripla di Macchi, che fa esplodere il PalaRomare e manda le squadre negli spogliatoi sul 38-34.

Si riparte e il ritmo cala rispetto a quanto visto nelle prime due frazioni, con soli 11 punti totali messi a segno nei primi quattro minuti del terzo quarto: a guadagnare due lunghezze di vantaggio, rispetto al parziale sulla seconda sirena, è Schio, che allunga sul 44-38 grazie alla tripla di Anderson. Il Famila ritrova un po’ del suo gioco spumeggiante, e quando Zandalasini si invola coast to coast per il punto del momentaneo +8, coach Recupido è costretto a chiamare immediatamente sospensione per rompere il ritmo delle padrone di casa: al rientro Ragusa si mette a zona in difesa, disinnescando un paio di sortite offensive orange, e trovando il canestro da sotto con Larkins. Ma, in meno di un minuto, sia Consolini che Ndour si caricano del terzo fallo personale, costringendo Gorini e Bagnara ad alzarsi dalla panchina. Schio prova ad approfittare di questo momento, con il gioco da tre di Sottana, che segna e capitalizza il tiro libero per il fallo di Bagnara, ma è proprio quest’ultima a trovare il canestro dalla lunga distanza sulla sirena di fine quarto: 50-45 e tutte in panchina per l’ultimo intervallo breve della partita.

Il primo canestro del quarto arriva dopo appena venti secondi ed è una fotocopia dell’ultimo canestro della terza frazione, con Bagnara che trova il fondo della retina dai 6,75: Schio, però, non subisce il contraccolpo psicologico ed è brava a tornare subito sotto con Anderson, prima che Sottana manda in lunetta Gorini, che ai liberi fa 2/2 portando il punteggio sul 52-50. Ma ci pensa la numero 10 in maglia orange a creare un piccolo break a favore delle padrone di casa, mettendo a segno cinque punti, che portano il parziale sul 57-50. Quando Zandalasini costringe Ndour al quarto fallo personale, la sensazione è che la strada per le campionesse d’Italia in carica si faccia in discesa, ed invece Gorini, Formica e Consolini, segnano sette punti consecutivi che valgono il pareggio sul 57-57. Yacoubou non ci sta e torna a segnare da sotto le plance, ma Consolini da tre e Ndour da due riportano avanti Ragusa sul 59-62: ci pensa Anderson, con un bellissimo gioco da tre ad azzerare il divario, portando il punteggio sul 62 pari. Schio sembra averne un po’ di più e Zandalasini segna quattro punti consecutivi, intervallati dal solo canestro di Ndour, che portano ancora in vantaggio le arancioni sul 66-64: ma è proprio la numero 45 siciliana a scagliare dentro il canestro che cambia il volto della partita, con una fortunosa tripla di tabellone che a trentaquattro secondi dal termine rimette Ragusa avanti di uno. Schio barcolla e Ragusa non molla, con Larkins che segna da sotto a quindici secondi dalla sirena finale, portando il punteggio sul 66-69: per Schio si fa quasi impossibile, anche a causa dei tre soli falli di squadra commessi nell’ultimo quarto, che ritardano il viaggio in lunetta di Ndour, che arriva a due soli secondi dal termine, e che fa 2/2 ai liberi. Inutile quindi, il precedente canestro di Yacoubou e il tentativo finale di Anderson, che manda la palla sul ferro da dietro la linea di metà campo.

Finisce dunque con la vittoria di Ragusa per 68-71 il secondo incontro di queste semifinali scudetto, che ora vedono le squadre in perfetta parità, con una vittoria a testa. La serie si trasferisce ora in Sicilia, dove Ragusa avrà due match-point per chiudere la pratica qualificazione e accedere alla finale senza dover passare nuovamente per il PalaRomare.

Famila Wuber Schio – Passalacqua Ragusa 68 – 71 (17-17, 38-34, 50-45)

FAMILA WUBER SCHIO: Yacoubou I. 15 (7/11), Martinez Prat N. (0/2, 0/2), Bestagno M. , Gatti G. NE , Tagliamento M. , Anderson J. 23 (6/13, 2/7), Masciadri R. 2 (1/2, 0/2), Zandalasini C. 6 (3/11, 0/1), Sottana G. 4 (1/4, 0/2), Ress K. 6 (3/3, 0/1), Macchi L. 12 (2/9, 2/5), All. Procaccini Mauro

PASSALACQUA RAGUSA: Larkins E. 8 (3/9), Consolini C. 11 (2/8, 1/4), Gorini M. 7 (1/2, 1/2), Valerio L. , Spreafico L. 3 (0/1, 1/5), Formica A. 8 (3/5), Bagnara B. 6 (2/2), Brunetti F. NE , Vanloo J. 9 (1/3, 1/3), Ndour Gueye A. 19 (4/7, 2/3), All. Recupido Gianni

ARBITRI:Francesco Terranova, Stefano Wassermann, Valentina Del Monaco

NOTE: Famila Wuber Schio tiri da due 23/55 (41,8%), tiri da tre 4/20 (20%), tiri liberi 10/12 (83,3%), rimbalzi dif. 27, off 13, palle perse 7, rec. 17. Passalacqua Ragusa tiri da due 14/35 (40%), tiri da tre 8/19 (42,1%), tiri liberi 19/20 (95%), rimbalzi dif. 36, off 6, palle perse 17, rec. 8.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy