A1, SF Gara 2– Lucca supera Venezia, la finale arriva dopo un altro overtime

A1, SF Gara 2– Lucca supera Venezia, la finale arriva dopo un altro overtime

Gesam Gas&Luce espugna il Taliercio battendo 68-64 Venezia dopo una gara intensa e dai grandi toni agonistici. Crippa e Harmon: “Ha vinto il nostro cuore”

Commenta per primo!

Vince il cuore di Lucca, quello che tutte le ragazze di Diamanti mettono sul parquet in una garadue che, come la prima, arriva e si decide al supplementare. Finendo contro ogni logica. Vince 68-64 la squadra più corta, con meno cambi, dove il quintetto base sta in campo praticamente sempre (solo 8 i minuti delle panchinare al Taliercio). Quella costruita con un budget limitato e arrivata alla finale scudetto perchè è davvero un gruppo dove – per usare le parole della capitana Martina Crippa – ognuna gioca per l’altra.

C’è molto di più però nel successo di Lucca. C’è soprattutto il sorriso incontenibile di Jillian Harmon, che quasi non riesce a dare sfogo a tutta la sua gioia, quando alla fine del match viene intervistata come mvp: “Sono orgogliosa della mia squadra, abbiamo messo in campo un grande cuore”.

A Venezia va l’onore delle armi. La Reyer ha giocato alla pari, ha messo in campo tutto quello che aveva anche se nell’occasione ha avuto meno dalla sua giocatrice più rappresentativa, l’americana Christmas, fermata a 8 punti dalla difesa di Lucca. Quella che nell’ultimo quarto e nell’overtime ha fatto la differenza. I continui cambi difensivi hanno messo in difficoltà l’Umana, bloccando i rifornimenti sotto canestro a Ruzickova. Crippa è diventata micidiale nel recuperare palloni importanti, tra cui l’ultimo, quello strappato a Fontenette che poi ha consentito a Francesca Dotto di guadagnare il fallo e di mettere i liberi del +3.

Le Mura ha chiuso con tre giocatrici in doppia cifra, Dotto, Wojta e Harmon, tutte meritevoli del titolo di mvp. La play ha aggiunto ai 18 punti 8 assist, Wojta oltre ha 18 punti ha conquistato 8 rimbalzi, Harmon, al di là dei 17 punti, ha messo in campo una leadership, una mentalità vincente che hanno trascinato tutta la squadra. Senza dimenticare Martina Crippa, davvero indomabile in difesa e Kayla Pedersen, con 10 preziosi rimbalzi.

Per le toscane si tratta della seconda finale, dopo quella del 2013 contro Schio. Prima in regular season, giocherà in casa le prime due partite scudetto, martedì 10 e giovedì 12, contro la vincente di garatre fra Famila e Ragusa.

La cronaca. Liberalotto schiera Carangelo, Fontenette, Christmas, Sandri eli Ruzickova. Solito quintetto per Diamanti con Dotto, Crippa, Wojta, Harmon e Pedersen.

Il primo canestro è di Fontenette ma subito si respira grande tensione. Harmon in attacco subisce fallo da Sandri che gli arbitri non rilevano, poi sull’altro fronte Ruzickova abbatte Wojta. Azioni sintomo della grande carica della Reyer che allunga fino al 6-2, cercando di sfruttare le doti di Ruzickova sotto i tabelloni. Dotto e 4 punti di Wojta portano avanti Lucca, poi si sblocca Harmon e Gesam Gas&Luce chiude 12-10 il primo quarto.

Nel secondo è Wojta ad andare a canestro, poi però ci sono troppi errori di Lucca che perde un paio di palloni in modo banale e Venezia infila un parziale di 8-0 con Ruzickova, Formica, Bagnara e Christmas. Ma Lucca reagisce, Crippa, Wojta e Harmon piazzano un 6-0 che riporta il match in equilibrio.

Si va sul 22-22 all’intervallo lungo, dopo un primo tempo caratterizzato da tensione e nervosismo, con poca lucidità su entrambi i fronti. A Venezia non entrano i tiri da 3 (0-8), Le Mura in modo inusuale perde troppi palloni.

Le triple arrivano nel terzo quarto, che vive sempre all’insegna dell’equilibrio. Lucca allunga sul 27-32 al 23′, Venezia replica con un parziale di 8-0 (due triple di Pan e Sandri). Il punteggio vede le due squadre alternarsi, poi Caterina Dotto piazza la tripla del 44-42 a fine terzo quarto.

Si riparte e 4 punti di Francesca Dotto danno a Gesam il 50-46, ma come da copione dopo ne arrivano 6 di Venezia e c’è anche il quarto fallo della play di Lucca che comunque resta in campo. Si va avanti sul filo dell’equilibrio fino alle ultime azioni, Francesca Dotto sigla il 56-58 , le risponde Fontenette a 39″ dalla fine. Poi non segna più nessuno e si va all’overtime, come tre giorni prima.

Lo apre una tripla di Francesca Dotto, poi Harmon fallisce due liberi e Carangelo mette la bomba del 61 pari. Wojta porta Lucca a 63, Ruzickova con canestro e fallo firma il sorpasso. Quindi entra in scena Crippa, segna e recupera palla a Fontenette servendo Dotto che a 16″ dalla fine subisce fallo da Carangelo. La play realizza i liberi del 64-67. Palla alla Reyer, ma il tiro di Carangelo non va. Harmon conquista il rimbalzo e subisce fallo a 2 secondi e 5 decimi dalla fine. Basta un libero per sancire la vittoria delle Mura tra il tripudio dei tifosi giunti da Lucca.

Il tabellino:

Umana Venezia – Gesam Gas&Luce Lucca 64-68 d1ts (10-12, 22-22, 44-42, 58-58)

VENEZIA: Carangelo 9, Porcu ne, Christmas 8, Pan 3, Bagnara 2, Sandri 6, Formica 2, Ruzickova 19, C. Dotto 5, Zecchin ne, Cubaj ne, Fontenette 10. All. Liberalotto.

LUCCA: Viale ne, Templari, F. Dotto 18, Wojta 18, Reggiani, Harmon 17, Crippa 9, Gaeta ne, Laterza ne, Mandroni ne, Pedersen 6, Gatti ne. All. Diamanti.

ARBITRI: Castiglione di Palermo, Borgo di Vicenza, Costa di Livorno.

Fotogallery a cura di Roberto Liberi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy