A1- Venezia ritorna al successo e stende Orvieto

A1- Venezia ritorna al successo e stende Orvieto

Commenta per primo!

Coach Liberalotto voleva una risposta convincente dalle sue giovani dopo la netta sconfitta contro Schio e l’ha ottenuta a chiare lettere. Le oro granate hanno disputato un match di grande carattere conquistando una vittoria per niente scontata contro una formazione che ha dimostrato di lottare sino alla fine.

L’inizio partita vede le due squadre equivalersi (4-4 a – 8,00), poi le laziali hanno uno sprazzo e con Panella e Sutherland allungano (4-11 a -5,25). Il time out del coach veneziano è efficace e Ruzichkova, Mandache e Pertile trascinano le compagne sul 15-11 a – 2,44.Orvieto si riporta sotto con Maznichenko, poi è Morris, autentica spina nel fianco della difesa veneziana a spingere la formazione di Valentinetti. Penna dalla media distanza e un assist di Ruzickova per Melchiori con conseguente canestro consentono all’Umana Reyer di chiudere in vantaggio, seppur minimo, il primo quarto.

Il secondo periodo inizia con due triple di Melchiori e Carangelo, Mc Callum in acrobazia segna in penetrazione e subisce fallo realizzando anche il tiro libero concesso. L’Umana Reyer sembra in trance agonistica e ancora Carangelo da 3 punti porta il punteggio sul 31-21 a – 7,43.

Il coach ospite corre ai ripari e “brucia” il suo secondo time out. Orvieto recupera, complice anche il ferro su cui si infrangono i tentativi lagunari (31-25 a -5,20 e 31-27 a – 4,28). Scaramuzza si danna in difesa riuscendo a limitare Morris, poi Pertile da 3 punti e Ruzickova riportano le lagunari sul + 10 (39-29 a -2,42). Morris carica sulle sue spalle la squadra ma Mc Callum non è da meno e Ruzickova chiude il quarto avanti di 13 punti.

L’Azzurra rientra sul parquet determinatissima e recupera qualche buon pallone.

E’ quindi la volta di Pertile e Melchiori, quest’ultima con un coast to coast entusiasmante, a ristabilire le distanze (50-34 a – 8,12).Pertile risponde a Gaglio e Mc Callum, che sostituisce la numero 7 veneziana, mette a segno 3 punti (61-40 a – 3,24). Un leggero calo di tensione delle veneziane consente la parziale rimonta di Orvieto (61-45 a – 1,02) ma Mc Callum dall’arco dei 6,75 fa ancora male. Sulla sirena, Ruzickova firma il 46 a 33 di fine quarto.

Orvieto non cede e nell’avvio dell’ultima frazione riduce lo svantaggio (66-50 a – 8,15). Mc Callum vola in contropiede e segna il 70.mo punto per i suoi colori. Le oro granata dimostrano una buona intesa anche se coach Liberalotto chiede un time out invocando difesa e concentrazione. Penna risponde all’appello e in 1vs 1 va a canestro (74-56 a – 5,15). Maznichenko da 3 illude ancora le compagne ma è l’assist di Carangelo per Ruzickova a far alzare in piedi il pubblico. Il coach veneziano da spazio a Peresson e Nicolodi che manifestano la loro grande emozione per l’esordio in A1 sul legno amico. Orvieto recupera qualcosa ma la partita rimane saldamente in mano all’Umana Reyer che porta a casa due punti davvero importanti.

UMANA REYER VENEZIA – AZZURRA ORVIETO (83 – 71) (PARZIALI 19-18;46-33;66-45)

UMANA REYER VENEZIA: Melchiori 11, Carangelo 6, Pertile 14, Peresson, Zara 2, Scaramuzza 4, Formica, Ruzickova 18, Mc Callum 14, Nicolodi, Mandache 8, Penna 6

AZZURRA ORVIETO: Buccianti 3, Puliti, Maznichenko 15, Gaglio 9, Sutherland 10, Ridolfi, Panella 3, Baldelli 3, Bove 12, Morris 16

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy