A1- Venezia trascinata da Ruzickova, Cagliari demolita

A1- Venezia trascinata da Ruzickova, Cagliari demolita

Pronostico rispettato dall’Umana Reyer, che alla fine travolge sotto quasi 40 punti, più che doppiandolo, il fanalino di coda Cus Cagliari e mantiene saldamente la quarta posizione in classifica.

Commenta per primo!

Umana Reyer Venezia – Cus Cagliari 77-38
Parziali: 19-14; 45-27; 62-33

Umana Reyer: Carangelo, Porcu 2, Christmas 14, Pan 7, Bagnara 3, Sandri 6, Formica 9, Ruzickova 20, Dotto 5, Cubaj, Fontenette 11. All. Liberalotto

Cus Cagliari: Canalis ne, Romano 2, Zucca, Benic 9, Milic 11, Arioli 3, Gagliano, Chesta, Prahalis 13, Gombac. All. Restivo.

Pronostico rispettato dall’Umana Reyer, che alla fine travolge sotto quasi 40 punti, più che doppiandolo, il fanalino di coda Cus Cagliari e mantiene saldamente la quarta posizione in classifica.

Si può dire che la partita duri 11 minuti, visto che, dopo 38” dall’inizio del secondo quarto, le ospiti sono ancora a -1 (19-18) con Milic che fallisce dalla lunetta il tiro libero del pareggio. Risultato determinato, fino a quel momento, dal difficile avvio offensivo delle orogranata (primo canestro dal campo di Ruzickova al 4’42” sul 3-7 per le ospiti). Poi, le ragazze di Liberalotto crescono in difesa, provocano sette palle perse al Cus Cagliari e, sempre trascinate da Ruzickova toccano il massimo margine all’8’53” (17-11) con il decimo punto dell’ispiratissimo centro slovacco.
A spianare la strada all’Umana Reyer, dopo l’ultima parità, è un antisportivo di Benic all’11’42”. Il margine delle orogranata, in una partita in cui il gioco è ora sempre più sciolto, si incrementa sempre più, con Christmas e Fontenette ad affiancare Ruzickova in attacco e le italiane a spendersi con efficacia soprattutto in difesa (ottima Carangelo, che, pur senza segnare nessun punto, limita ottimamente la miglior marcatrice del campionato, Prahalis).
Il +15 dell’intervallo lungo è, a quel punto, il massimo vantaggio delle veneziane. Ma, al rientro dagli spogliatoi, viene progressivamente incrementato, con coach Liberalotto che può permettersi di tenere le straniere a lungo in panchina. Cagliari, che spesso viene portata a commettere infrazione di 24”, segna del resto appena 11 punti (6 nel terzo e 5 nel quarto parziale) in tutta la ripresa. Tutte le ragazze a referto, compresa la giovane Porcu, trovano così spazio in campo e si iscrivono a referto, con le sole Cubaj (uscita anche per 5 falli) e Carangelo a secco per punti segnati.

Uff.Stampa Reyer Venezia

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy