A1F- Fazio e Hicks stellari. Il derby contro il Geas è della Comense

A1F- Fazio e Hicks stellari. Il derby contro il Geas è della Comense

Commenta per primo!

Geas spento e sfiduciato col punteggio di 75-63. Dopo un inizio positivo, in cui le rossonere avevano toccato il +8 alla fine del primo periodo, la maggior freschezza e cattiveria di Como hanno preso il sopravvento. Per le nerostellate grande prova dell’americana Cameo Hicks (22 punti) e dell’italo-americana Melissa Fazio (18 con 8/10 al tiro e 5 recuperi). Tra le rossonere bene solo Summerton (22 e 8 rimbalzi) ma prestazione di squadra insufficiente.

L’inizio partita è equilibrato: il primo canestro della partita è di Wabara, schierata in un quintetto alto con Summerton e Ujhelyi. Hicks e Vilipic replicano subito, approfittando della svagatezza delle rossonere che concedono alla Comense 4 rimbalzi offensivi nei primi due minuti di gioco.

Sul 6-8 per il Geas, Fazio per due volte buca la mal schierata difesa avversaria. In attacco le cose vanno meglio: Summerton e Crippa sono efficaci dal mezzo angolo, la guardia rossonera con un bel taglio backdoor segna il canestro del 12-14 e il Geas prova la fuga. Ujhelyi, con un canestro dopo rimbalzo offensivo su suo errore, regala il +5 alle rossonere, che, grazie a un contropiede di Haynie e a un libero segnato
dalla stessa playmaker, chiudono il primo quarto in vantaggio 16-24.

A inizio secondo periodo comincia la rimonta della Comense: Spreafico e Donvito segnano dal gomito, Fazio segna un canestro difficilissimo e in equilibrio precario e Como si ritrova a -3. Summerton, molto positiva e precisa in attacco raggiunge la doppia cifra col canestro del 22-27 ma sul più bello il Geas si blocca. A metà periodo, grazie a Vilipic e a Hicks, brava in contropiede, Como raggiunge e supera il Geas grazie a un parziale di 12-3 (30-27) che costringe Montini al timeout.

Al ritorno in campo le rossonere provano a ricostruire le proprie fortune dalla difesa, in attacco Summerton e Haynie trovano buone soluzioni ma Como riesce a resistere
alla fiammata geassina e a chiudere il primo tempo avanti 36-35, anche grazie al 7/12 al tiro libero delle rossonere, imprecise anche da 3 (0/4).

Al ritorno in campo l’inerzia è ancora dalla parte della squadra di coach Barbiero: Hicks trova spazio nell’area geassina, Haynie le risponde tagliando alle spalle della difesa avversaria ma esce subito dal campo per il terzo fallo commesso. La difesa rossonera lascia troppo spazio alle nerostellate che ne approfittano prima con Stabile, poi con Melissa Fazio che in meno di un minuto segna 6 punti in fila, 4 dei quali in contropiede
dopo due perse geassine. Il vantaggio della Comense sale così a 13 punti (50-37) costringendo coach Montini a chiamare un altro timeout per fermare l’emorragia.

Dopo il minuto di sospensione Hicks realizza un personale parziale di 5-0 che porta a 15-0 quello della Comense. Twehues segna la tripla del 55-40 ma Stabile, troppo sola, le risponde immediatamente riportando Como sul +18. Nel finale di quarto Donvito e
Fazio vanno a segno dalla lunetta e solo il primo canestro dal campo di Zanoni permette al Geas di andare all’ultimo riposo della partita con un passivo inferiore ai venti punti (63-44).

Impressionanti, in negativo, le statistiche del Geas del terzo periodo: 3/15 al tiro da 2, 7 palle perse e 0 di valutazione complessiva di squadra, cifre che nonostante gli 11 rimbalzi non lasciano scampo alla squadra di Montini.

Nei primi minuti dell’ultimo quarto le due squadre non riescono a trovare il canestro. A sbloccare il punteggio è Hicks, che dalla lunetta porta il suo bottino personale a 22 punti. Twehues segna la seconda tripla personale ma la difesa rossonera regala troppo spazio a Zampella che segna il canestro del 66-47. Il Bracco Geas prova la reazione d’orgolio e va a segno con Crippa e Summerton, che trovano spazio e ritmo grazie alla
zona schierata da Montini. La Comense non si scompone e trova dalla lunetta i punti che le permettono di contrastare la fiammata rossonera, troppo discontinua per risultare efficace ai fini della rimonta (71-56).
Negli ultimi 2′ di gioco Haynie si rende tardivamente protagonista di giocate d’energia in attacco e in difesa, Summerton tocca quota 22 punti ma i troppi errori delle rossonere, soprattutto da sotto canestro (22/57, 39%, nel tiro da 2), vanificano l’ultimo disperato sforzo del Geas. È Zampella, con un 4/4 dalla lunetta, a chiudere una partita che, per il Geas, si conferma ”maledetta”. Per il terzo anno consecutivo infatti il Bracco Geas esce sconfitto dal PalaSanpietro, curiosamente sempre dopo un iniziale dominio.

Pool Comense – Bracco Geas S.S.Giovanni 75 – 63 (16-24, 36-35, 63-44)

POOL COMENSE: Pasqualin G. NE , Harmon J. (0/3), Hicks C. 22 (9/13, 0/2), Stabile S. 6 (1/2, 1/3), Fazio M. 18 (8/10), Spreafico L. 2 (1/2), Vilipic D. 14 (6/9), Zampella A. 6 (1/1, 0/2), Sowinski K. (0/1), Donvito V. 7 (2/2, 0/2), All. Barbiero Loris

BRACCO GEAS S.S.GIOVANNI: Haynie K. 15 (6/11, 0/1), Arturi G. (0/3, 0/1), Zanoni I. 2 (1/1), Twehues K. 4 (1/3), Summerton L. 22 (8/13, 1/1), Mazzoleni E. NE , Zanon M. (0/4), Crippa M. 10 (3/5, 1/3), Ujhelyi P. 4 (2/12, 0/1), Wabara N. 6 (2/8, 0/1), All. Montini Walter

ARBITRI:Matteo Degobbis, Christian Borgo
NOTE: uscite per 5 falli Vilipic Daliborka, Crippa Martina Pool Comense tiri da due 28/43 (65,1%), tiri da tre 1/9 (11,1%), tiri liberi 16/21 (76,2%), rimbalzi dif. 29, off 9, palle perse 24, rec. 20. Bracco Geas S.S.Giovanni tiri da due 22/57 (38,6%), tiri da tre 3/11 (27,3%), tiri liberi 10/19 (52,6%), rimbalzi dif. 17, off 21, palle perse 20, rec. 24.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy