A1F- Schio vs Lucca: talento, sacrificio, spettacolo e abnegazione per la nuova sfida del basket femminile

A1F- Schio vs Lucca: talento, sacrificio, spettacolo e abnegazione per la nuova sfida del basket femminile

Commenta per primo!

Un inedito. La finale scudetto del campionato di basket femminile n.82 è una “prima volta”, che mette fine a quella che avevamo ribattezzato la “storia infinita” tra Taranto e Schio, le due società che si sono contese il titolo nelle ultime tre stagioni.
Ed è una “prima assoluta” per Lucca: la squadra allenata da Diamanti che, al terzo anno di militanza nella massima serie, acciuffa il pass per la finale dopo un cammino autorevole, quasi da veterana dei piani alti della classifica, in tutta la regular season.
E proprio i valori espressi nella stagione regolare vengono confermati dall’atto conclusivo del campionato che parte questa sera dal PalaTagliate di Lucca: a giocare per il tricolore saranno la prima e la seconda classificata del campionato, entrambe senza errori e senza macchia in questi play-off. Per Lucca: 2-0 contro Chieti nei quarti e 3-0 in semifinale contro Parma, per Schio: 2-0 contro Orvieto e 3-0 contro Umbertide.

Da stasera però tutto si azzera. Tutto ricomincia. Iniziano i giorni senza domani, iniziano le battaglie crudeli che, spesso, non hanno un ritorno.
Inutile dire che il pronostico è tutto per Schio: squadra solida, profonda, piena di “talento diffuso”, completa in ogni ruolo per tecnica, talento, fisicità, unica squadra a poter assorbire senza grandi contraccolpi una perdita pesante come quella di Danielle McCray, out per il noto infortunio al tendine d’Achille. Schio dunque la squadra da battere, o forse la squadra imbattibile in questo campionato (solo una sconfitta in regular season, contro Parma: era il 28 ottobre). Davanti, però, Schio troverà un gruppo solido nei muscoli e nella testa, consapevole dei propri mezzi, fiero d’aver conquistato una finale storica per la società e la città e deciso a sbarazzarsi di paure e timori reverenziali per giocarsela, con gusto, fino in fondo.
I temi tecnico-tattici saranno tanti e si alterneranno di partita in partita, alimentando una sfida che è già molto accesa nella (sportiva) rivalitá.
La miglior difesa del campionato, Lucca (50,4 punti subiti) proverà a frenare il secondo miglior attacco del campionato (69,4 punti segnati, meglio ha fatto solo Taranto con 70,1): se una estrema sintesi tecnico-tattica della serie ci deve essere, è -almeno prima della prima palla a due- senza dubbio questa.
Le difese asfissianti e tatticamente perfette di coach Diamanti proveranno a mettere le manette ad un attacco che, per potenza, talento e propensione offensiva, appare quasi illegale…ma Lucca non è solo difesa. Le toscane, infatti, sanno trovare con continuità la via del canestro, grazie ad uno sforzo collettivo che permette di costruire buoni tiri con il contributo di tutto il quintetto. Tiri spesso ad alta percentuale, che fruttano 71.5 punti di media nelle partite vinte fra le mura amiche (65 in generale).
Tante le sfide nella sfida, come il duello fra Lavender e Ruzickova, un corpo a corpo appassionante per guadagnarsi il ruolo di regina del cielo dei canestri, o quello tra due playmaker “Made in Italy” di talento e illuminanti letture: Sottana, miglior giocatrice italiana “in carica” e la giovanissima Dotto, alla sua prima finale. Talento offensivo italiano anche sul perimetro con la coppia Macchi e Masciadri per Schio e Bagnara e Spreafico per Lucca. Senza dimenticarsi del grande ritorno di Ress, spesso “arma in più” di Lucca.
E poi la testa, le motivazioni, l’orgoglio e la capacità di gestire le emozioni: insomma, quelle mille piccole battaglie che si giocano anche solo con uno sguardo. Da un lato Schio, alla sua dodicesima finale scudetto, compagine che ha le sensazioni e le dinamiche di una finale bene impresse nella memoria collettiva, dall’altra Lucca, per la prima volta illuminata dalla luce, a volte abbagliante, della finalissima.
Gli ingredienti per un duello d’alto livello e di adrenalinica tensione ci sono tutti. A noi non resta che metterci comodi, che lo spettacolo abbia inizio…Buona finale a tutti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy