A1- Venezia è troppo, niente da fare per Umbertide

A1- Venezia è troppo, niente da fare per Umbertide

Niente da fare per Umbertide, la Reyer si impone sulla squadra di coach Serventi.

Commenta per primo!

Pallacanestro Umbertide – Umana Reyer Venezia 58-75 (Parziali: 12-8; 29-42; 52-57)

Pallacanestro Umbertide: Tikvic 14, Cabrini, Dell’Olio 2, Moroni 3, Pertile 11, Milazzo 2, Simmons 24, Markovic n.e., Boni n.e., Fusco n.e,, Agunbiade 2
Umana Reyer Venezia: Carangelo 12, Christmas 19, Pan 6, Bagnara, Sandri, Formica 1, Ruzickova 19 , Dotto 4, Cubaj, Fontenette 14

Totali di squadra:
Pallacanestro Umbertide: tiri da 2 17/37, tiri da 3 4/22, t.l. 12/18, rimb. dif. 19, rimb. off. 10, p.p. 11, p.r. 19, assist 5
Umana Reyer Venezia: tiri da 2 15/31, tiri da 3 8/16, t.l. 21/22, rimb. dif. 31, rimb. off. 5, p.p. 18, p.r. 14, assist 2

L’Umana si “consola” da par suo dopo la sconfitta infrasettimanale patita in Turchia ed espugna il fortino di via Morandi al termine di una partita dalle molteplici sfaccettature. Gara subito improntata su ritmi elevatissimi in cui Umbertide sembre trovarsi maggiormente a proprio agio. Alla foga messa sul parquet da entrambe le squadre non corrisponde altrettanta precisione al tiro e, dopo i due tiri liberi messi a segno da Pertile, il punteggio “langue” quasi per metà quarto. Agunbiade muove il tabellone seguita da Pertile, ancora dalla lunetta per il 6 a 0 a-3,22. Col trascorrere dei minuti, il match assume connotati “surreali” con l’Umana Reyer bloccata a quota zero mentre le umbre vanno ancora a segno dai 6,75 con Simmons.

Entra Christmas tenuta inizialmente a riposo a causa di una non perfetta condizione fisica ed il suo ingresso da subito buoni frutti dato che, dopo quasi 8 minuti, le veneziane trovano finalmente il bersaglio, anche se dalla linea della carità ((9-2 a-2,06). E’ sempre l’ex Pertile ad osare sotto canestro guadagnando falli e tiri liberi mentre, sul fronte veneziano, Christmas porta il suo valore aggiunto in termini di “presenza”. Simmons “sparacchia” qualche tiro di troppo e Umbertide non riesce a prendere un vantaggio troppo consistente, anzi, l’Umana nel finale di frazione recupera qualche punto grazie a Ruzickova e Christmas che ricuciono pazientemente il divario e chiudono sul 12 a 8.
Le ragazze di Serventi iniziano bene la seconda frazione andando subito a segno con Tikvic ma la Reyer non è sicuramente quella dei primi 10’ ed infatti Carangelo piazza una bomba che riavvicina i propri colori. Umbertide mantiene un certo vantaggio grazie a Dall’Oglio e Simmons ma, improvvisa, arriva la “furia” oro granata, dapprima con le triple di Carangelo e Pan che spingono l’Umana al primo vantaggio della gara (18-19 a-7,17), seguito da un ulteriore “devastante” parziale di 16 a 0, con Fontenette e Ruzickova in grande evidenza rispettivamente con 4 e 9 punti, che sembra scrivere anticipatamente la parola fine sul match (20-35 a-3,27).

E’ Tikvic a rompere il digiuno in attacco delle compagne imitata a ruota dalla verve di Simmons che sale in cattedra riportando il divario sotto la doppia cifra. Il time out di Liberalotto è “furente” ed il biondo centro veneziano è il primo a rispondere alle esortazioni del proprio coach. Ancora Tikvic a bersaglio subito imitata da Fontenette che si esibisce in un coast to coast di pura potenza. La stoppata di Ruzickova è propiziatoria alla tripla, messa a segno in acrobazia e sul filo di sirena da Fontenette. La panchina veneziana “esplode” ed il periodo si chiude sul punteggio di 29 a 42.

Christmas apre la terza frazione dai 6,75 ma Umbertide, pur frastornata dalla potenza degli obici oro granata che hanno prodotto nel solo secondo quarto la bellezza di 34 punti, dimostra grande orgoglio e lentamente, ma inesorabilmente, inizia una rimonta che sembrava impossibile. Sono Tikvic, Pertile e Simmons a limare lo svantaggio nonostante Ruzickova lotti sotto le plance con tutte le forze e Christmas sia irrefrenabile nelle sue incursioni nel pitturato avversario. Umbertide ci crede e i tre tiri liberi di Simmons danno energia e ossigeno alle speranze umbre. Un ulteriore parziale a favore delle padrone di casa le riporta sul -4 (48-52 a-2,45). Purtroppo, dopo un bel canestro dal fondo di Pertile, il prodotto del vivaio veneziano frana a terra e la sua smorfia di dolore non fa ben sperare.
Show must go on…e nel prosieguo di gioco Christmas infila un canestro dalla lunga davvero provvidenziale soprattutto a livello psicologico cui seguono ulteriori due punti di Fontenette. Umbertide è ancora sul pezzo e controbatte con Simmons e Tikvic riportandosi sul -5 e palla in mano per l’ultimo possesso. La formazione di casa “ascolta” lo scandire dei secondi ma viene beffata dal ferro sul tentativo in “arcobaleno” di Simmons con il tabellone che rimane fermo sul 52 a 57.

Lo stesso anello “sputa” il tentativo dalla lunga sempre di Simmons con cui inizia l’ultimo quarto.
“Speedy” Simmons da prova di grande carisma ed è onnipresente in ogni parte del rettangolo di gioco. Ruzickova non fa però sconti dopo aver catturato un rimbalzo in attacco e Dotto è una forza della natura nella sua entrata a canestro che frutta il +8. La “furbata” da playground di Simmons, che appoggia la rimessa da fondo usando Pan come sponda, non sortisce l’effetto sperato, anzi, mette la giovane veneziana nelle condizioni di “ripagare” la diretta avversaria con una stoppata sul successivo tentativo di tiro.

L’inerzia della gara torna saldamente nelle mani dell’Umana Reyer che reagisce con energia agli ultimi disperati assalti di Umbertide guidati da Simmons e Tikvic. Fontenette è “abbonata” alle triple sul buzzer e affossa così le residue speranze delle locali. L’incontro si chiude con le oro granata che dilatano il divario sfruttando al meglio il bonus a loro favore e portando a casa due punti importanti ottenuti su di un campo da sempre ostico.
La gioia della vittoria viene purtroppo stemperata dal rammarico per l’infortunio di Giovanna Pertile che a fine gara viene subito circondata dall’abbraccio di tutto il team veneziano.

Ufficio stampa Reyer Venezia

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy