A2- Aleotti protagonista, Ferrara torna al successo battendo Crema

A2- Aleotti protagonista, Ferrara torna al successo battendo Crema

Commenta per primo!

Inevitabili le recriminazioni quando si perde di due punti. Ma certe sconfitte pur se dolorose devono servire per migliorarsi e crescere ulteriormente. Nessun dramma assolutamente, complimenti alle avversarie e teniamoci strette le indicazioni positive che la squadra ci ha dato pur in una serata, diciamo non del tutto fortunata dove tutto ha girato, per meriti delle avversarie ma anche qualche demerito azzurro, storto. Partita esteticamente non brillante e parecchio bloccata ma caratterizzata da un finale intenso e palpitante che fino al suono della sirena ci ha tenuto con il fiato sospeso. Ferrara, lo si sapeva, è squadra solida, esperta, con individualità di spicco tra le sue fila tra le più importanti del girone. Reduce da una sconfitta non del tutto digerita e maturata solo nel finale a Broni e quindi motivata al massimo per mettere sotto la nostra formazione. Ne è venuta fuori una partita un po’ strana con le padrone di casa, nel bellissimo scenario del loro palazzetto, sempre avanti nel condurre la gara ma con il fiato sul collo continuo delle nostre ragazze che pur sbagliando tantissimo sono sempre riuscite a rimanere nella scia con uno svantaggio contenuto. In una serata dove la fase difensiva funzionava con sufficiente bravura e teneva ai minimi termini le loro “bocche da fuoco” Miccio e Mini solitamente in doppia cifra ai minimi termini purtroppo per ¾ abbondanti di gara purtroppo non si aveva analoga risposta positiva a canestro. Negli occhi abbiamo ben presenti conclusioni che “gridano vendetta” senza contare percentuali negative insolite (0/13 da tre, contropiedi buttati alle ortiche, conclusioni da sotto fallite inspiegabilmente). Ma in una serata così negativa, in una situazione comunque di emergenza, non possiamo comunque non sottolineare una prestazione dove il solito “cuore” azzurro ha continuato a battere forte arrivando al punto di darci la sensazione che si potessero anche raccogliere i due punti. Forse per le padrone di casa sarebbe suonata come l’ennesima beffa ma se alla fine, oggettivamente non pochi sono i rimpianti vuol dire che l’epilogo sarebbe potuto anche essere diverso. Non ci addentriamo come al solito in giudizi ed analisi tecniche che lasciamo agli esperti, non facciamo pagelle che potrebbero essere diverse da quelle fatte da altri ma possiamo tranquillamente concludere i nostri commenti nel fare i “complimenti” alle nostre ragazze che fino alla fine hanno cercato di dare il massimo dimostrando ancora una volta che le avversarie, il successo, se lo devono sempre sudare. Con questo gruppo siamo ben lontani da certi epiloghi del passato quando il ritorno a casa era disturbato da risultati pesantissimi con l’impressione che certe trasferte si erano rivelate delle gite fuori porta per vittime predestinate. Si è perso di due punti. Recuperandone 9 in 4’ dove certe scelte arbitrali (in verità nell’arco della partita compensate da decisioni abbastanza forzate e contrarie per entrambe le formazioni) che ci hanno lasciato un po’ perplessi. Naturalmente con i se ed i ma non si possono cambiare certi esiti ma ciò non toglie che con le percentuali ed il rendimento degli ultimi 4’ l’esito della gara sarebbe stato ben diverso. Inevitabile la delusione a fine gara anche se possiamo accogliere con serenità questo risultato che non modifica di una virgola un inizio di stagione che sapevamo e puntualmente trova conferma difficile. Ma sarà così anche nel proseguo. Girare pagina, tenere in considerazione certi insegnamenti che possono arrivare anche in serate non del tutto positive pur se accettabili e concentrarsi subito sui prossimi impegni. Considerando poi che ad attendere le azzurre c’è prima quello con la capolista che a questo punto, visto i risultati, appare come la “favoritissima” è evidente quanto debba essere tenuto alto il livello di guardia. Poi a seguire ci saranno le due “trasfertone” in terra marchigiana a Civitanova marche ed Ancona. Al termine di questo “tour de force” sicuramente ne sapremo di più augurandoci nel frattempo di poter “recuperare” qualche tassello mancante e che la sfortuna e gli imprevisti che hanno caratterizzato questo inizio ci lascino un po’ da parte.

PFF GROUP FERRARA – BASKET TEAM CREMA: 61-59 (20-16, 29-23, 45-37)

FERRARA: Colombani n.e., Coraducci 6, Gargantini, Pocaterra 2, Aleotti 20, Miccio 8, Laffi 8, Denti 2, Malavasi 8, Mini 7 – all.Piatti

BASKET TEAM CREMA: Zagni 14, Scarsi n.e., Capoferri 23, Giosuèn.e., Caccialanza 7, Sforza 2, Cerri n.e., Gibertini 2, Rizzi 1, Picotti 10 – all.Visconti

Fotogallery a cura di Marco Brioschi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy