A2 – Arioli monumentale, Selargius sconfigge Faenza

A2 – Arioli monumentale, Selargius sconfigge Faenza

Trascinate dai 26 punti di Cinzia Arioli le giallonere battono dopo un supplementare il Basket Project Faenza quarto in classifica.

di La Redazione

Cuore, grinta ma anche freddezza mentale: sono almeno tre degli ingredienti che hanno permesso al San Salvatore Selargius di inaugurare il 2019 nel migliore dei modi portando a casa lo scalpo della forte Basket Project Faenza. Non solo i 26 punti della solita Arioli: per riuscire a sconfiggere le romagnole all’overtime, le giallonere hanno saputo mettere in piedi una grande prova di squadra. Ogni giocatrice ha infatti messo il proprio mattoncino nel successo finale: da Lussu a Brunetti, passando per Mura e per la classe ’00 Pinna, più che positiva nei 19 minuti di grande responsabilità che coach Staico le ha affidato.

LA GARA – Un po’ per la temperatura semi-glaciale, un po’ per l’assenza di impegni ufficiali da due settimane, le due compagini partono con mani freddissime. Il San Salvatore fatica a trovare ritmo in attacco, ma grazie a un’efficace zona fronte pari non permette alle faentine di staccarsi nel punteggio. Ballardini e compagne, infatti, guadagnano un margine massimo di 5 lunghezze. Le padrone di casa però restano a contatto grazie a due importanti triple di Arioli e Cicic, e con il libero di Lussu vanno alla prima pausa sul -1 (12-13).

Nelle prime battute del secondo periodo le faentine continuano a soffrire la zona del San Salvatore, che pian piano prova ad accelerare fino a guadagnare il +4 (21-17). A 4’ dalla pausa lunga Ballardini chiama un timeout che si rivela efficace: anche la sua squadra infatti si schiera a zona, e in poco tempo ricuce lo strappo (parità a 22 con la bomba di Preskienyte). La sfida va avanti punto a punto, con le giallonere che al 20’ conservano una lunghezza di vantaggio con il canestro dalla lunetta di Arioli (30-29).

Dopo le prime schermaglie del terzo quarto la formazione di casa è vittima di una pausa difensiva che la porta a incassare un parziale di 6-0. Faenza ne approfitta volare fino al +9 con il canestro dalla media distanza di capitan Caccoli. Il San Salvatore non ci sta, e piazza un contro-break di 6-0 che lo riporta in scia. Meschi, nei secondi finali del periodo firma il +5 sul 39-44.

Negli ultimi 10 minuti le padrone di casa non riescono a produrre degli stop difensivi, e la partita sembra mettersi male quando Ballardini manda a referto la pesantissima tripla del +10 Faenza (45-55). Coach Staico interviene con un nuovo timeout che dà ben presto i suoi frutti: il San Salvatore lascia da parte la frenesia, sceglie meglio i tiri e, un poco alla volta, riprende Faenza (Arioli a segno per il 54-57). Ballardini non ci sta, e a poco più di un minuto dal termine guadagna un potenziale gioco da 4 punti (non convertito) che sembra dare il là al successo romagnolo. Dall’altra parte, però, Brunetti fa canestro con fallo, poi Arioli dalla lunetta sigla il nuovo -1 (59-60). A 40 secondi dal termine Faenza manda Mura in lunetta: l’ala del San Salvatore sbaglia il primo libero ma si rifà col secondo. Gli assalti finali di Preskienyte prima e Gagliano poi vanno a vuoto: si va al supplementare. Qui le faentine sembrano partire meglio, ma il San Salvatore recupera subito lucidità. La gara si fa intensissima: Brunetti trova il 70 pari con un tiro che si arrampica sul ferro ed entra miracolosamente, poi Lussu ruba palla e offre a Mura l’assist per il canestro del sorpasso. Ancora il capitano selargino allunga dalla lunetta sul +4, mentre Faenza – con la rimessa offensiva finale – fa scadere i 5 secondi. Finisce tra le urla gioiose del pubblico del PalaVienna: la brutta sconfitta nel derby ora è soltanto un ricordo.

“Ci tenevamo tanto a riscattare la sconfitta contro il Cus – afferma Cinzia Arioli, MVP della gara con 26 punti – c’è stata esattamente la reazione che volevamo. Convivere con una frattura scomposta al dito della mano destra non è semplice, ma grazie alla passione e all’aiuto di un tutore si può sopperire. Ora non dobbiamo sentirci appagate e tornare in palestra martedì con la massima umiltà”.

San Salvatore Selargius-Basket Project Faenza 74-70 d1ts

San Salvatore: Cicic 3, Arioli 26, Gagliano 4, Brunetti 16, Lussu 10, Melis ne, Mura 9, Pinna 2, Loddo ne, Salvemme ne, Stoichkova 4, Pandori ne. Allenatore: Staico

Faenza: Schwienbacher 2, Franceschini 8, Morsiani 12, Preskienyte 13, Ballardini 18, Franceschelli ne, Caccoli 4, Policari, Soglia 11, Meschi 2. Allenatore: Bassi

Parziali: 12-13; 30-29; 39-44; 60-60

Arbitri: Dario Di Gennaro di Roma ed Emanuela Tommasi di Palestrina

Agenzia Directa Sport

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy