A2- Canova e Ristic firmano il blitz di Costa Masnaga, Cagliari s’arrende nel finale

A2- Canova e Ristic firmano il blitz di Costa Masnaga, Cagliari s’arrende nel finale

E ora ci hanno preso gusto. Le ragazze di coach Pirola festeggiano per la terza volta consecutiva fuori casa e dopo aver vinto a Carugate e Milano, è il turno di Cagliari con il parquet della Virtus che viene violato con il punteggio finale di 62-72 al termine di una gara molto più complicata di quanto dica il divario finale. Una vittoria, la quarta nelle ultime cinque gare, che non solo da morale ma mette il 2-0 con la squadra sarda negli scontri diretti e proietta in piena zona playoff la squadra lecchese che aggancia provvisoriamente Albino a quota 12 punti e mette nel mirino il gruppone a 14. Due punti conquistati nonostante tutte le difficolta: all’assenza di Maiorano, che ne avrà almeno per venti giorni, si è aggiunta quella dopo tre minuti di gioco di Tagliabue, uscita in lacrime tenendosi il ginocchio. A trascinare le lecchesi ed mvp della contesa una meravigliosa Sara Canova, autrice di 24 punti, 7 rimbalzi, 29 di valutazione e un pregevole 4/7 dall’arco. Nel finale è poi salita in cattedra la solita Ristic, che con due triple dall’arco ha prima trascinato al pareggio, poi quando la palla pesava doppio ha messo la bomba che ha spianato la strada verso il traguardo finale. In doppia cifra anche Pozzi (12) e Del Pero (10) tra le lecchesi. Per quanto riguarda la Virtus, è l’ennesima sconfitta amara: una gara ben giocata in cui si sono messe in mostra non solo le bocche da fuoco Masic (20) e Scibelli (26+10), ma anche una buonissima Valentina Mura in regia. Si sono però nuovamente confermate le fragilità mentali più che le mancanze tecniche, con l’incapacità di conquistare per l’ennesima volta i primi due punti della stagione nonostante il buon vantaggio (più sei) e l’inerzia tutta a favore a cinque minuti dalla fine. Le ragazze di coach Montemurro sono ora attese dalla difficile trasferta sul campo dell’Alpo, ma la sensazione è che in settimana ci possa essere uno a o addirittura due aggiunte al roster cagliaritano.

Cagliari: Ballardini-Masic-Pacilio-Scibelli-Zizola

Costa Masnaga: Ristic-Canova-Pozzi-Tagliabue-Meroni

CANOVA PRIMA, RISTIC POI, E’ +3 COSTA AL 20’- Avvio equilibrato al PalaRestivo, con le due squadre che si rispondono colpo su colpo. Scibelli da una parte, Canova dall’altra sono protagoniste del break iniziale che vale l’8-9 in favore delle lecchesi. Dopo tre minuti arriva però un’altra tegola per coach Pirola, che deve inserire Del Pero in campo dopo che Tagliabue è costretta ad abbandonare il cambio in lacrime per una botta al ginocchio. Ed è proprio la neo entrata in lunetta a mettere un pieno possesso di scarto con un 2/2 dalla lunetta mentre fa il suo ingresso sul parquet Lussu al posto di Pacilio. Quattro punti di Masic e il canestro da sotto di Scibelli riporta davanti la squadra sarda (14-13), ma le ospiti rispondono con la solita scatenata Canova costringendo la Virtus a chiamare minuto di sospensione. Il finale è però tutto nel segno di Sara Canova: la numero nove si scatena e nel giro di due minuti trova tre triple consecutive che valgono il 18-24 con cui va in archivio la prima frazione di gioco. Il secondo quarto si apre con una tripla di Mura risposta dai due punti di Del Pero. Si sblocca anche Ballardini, ma è ancora Del Pero a bucare la difesa della Virtus scrivendo un nuovo più cinque. Scibelli da sotto tiene in scia la Virtus, ma quattro punti in fila di Pozzi riallontanano la formazione di Pirola avanti sul 26-32. Due giocate di Mura caricano le sarde che completano la rimonta sull’asse Scibelli-Masic, con la stessa Mura brava anche sul fronte difensivo dove costringe Meroni al fallo in attacco. Ristic dall’arco realizza il 34-36, ma un bel piazzato di Mastio vale la nuova parità. L’ultimo acuto è però di Ristic, a segno nuovamente da tre per il 36-39 della prima metà di gara.

RISTIC SERIAL KILLER, CAGLIARI CADE NUOVAMENTE- E’ Masic a mettersi in luce in avvio del terzo periodo: prima piazzando il meno uno, poi con un grande assist per Zizola che tutta sola deve solo appoggiare a canestro il 40-39. Costa Masnaga al contrario non riesce a trovare la via del canestro venendo punita prima da Pacilio poi da Scibelli, autrici del più cinque che obbliga al timeout coach Pirola. Nel momento di maggior difficoltà è Canova, prima andando a segno da sotto, poi con due liberi che valgono il 44-43. Ristic dalla lunga distanza torna a metter punti sul proprio tabellino, ma Scibelli risponde firmando l’ennesima parità a quota 46. Due palle perse dalla Virtus favoriscono il mini break ospite, con Pozzi e Del Pero che consentono a Costa Masnaga di chiudere sul 50-53 i primi trenta minuti. E’ Masic da tre punti a firmare subito il pareggio in avvio dell’ultima frazione. Scibelli sale in cattedra con sei punti di fila (59-53), ma è il canestro di Masic a valere la prima fuga cagliaritana. Pirola ributta in campo Pozzi, mentre Meroni in lunetta accorcia le distanze portando il punteggio sul 61-55. La partita s’infiamma, Ristic fa meno tre, Pozzi sempre dall’arco impatta sul 61-61 quando si entra negli ultri quattro giri di lancette. L’1/2 di Ballardini rimette Cagliari avanti, ma una tripla assurda di Ristic vale il controsorpasso biancorosso imponendo il timeout alla squadra di casa sul 62-64. Canova in lunetta non sbaglia mettendo due possessi di scarto, Cagliari sbaglia l’ennesimo attacco e viene prontamente punita da Meroni che tutta sola insacca il più sei. Del Pero fa le prove per i titoli di coda a un minuto dal termine, gli errori seguenti di Scibelli e Ballardini fanno il resto. Ristic in lunetta completa l’opera con i liberi del definitivo 62-72.

Coach Pirola: “Abbiamo avuto due infortuni in settimana e un terzo ad inizio partita. E’ scattato qualcosa all’interno delle mie ragazze, con alcune di loro che han saputo mettere qualcosa in più di quanto danno abitualmente, riuscendo così a sopperire all’assenza di Maiorano che per noi è fondamentale. L’infortunio di Tagliabue? Ora non sappiamo dare notizie. Faremo le valutazioni nei prossimi giorni sperando non sia nulla di grave”.

Coach Montemurro: “Noi ormai abbiamo il terrore quando entriamo in finali punto a punto. A mio parere loro l’hanno vinta a rimbalzo, conquistandone tantissimi offensivi che hanno generato secondi possessi spesso trasformati in punti. Questa è stata la chiave dell’incontro. Non riusciamo a reagire. Dall’altra parte i complimenti vanno a Ristic che ha trovato canestri incredibili quando la palla scottava. Mercato? Ne parliamo da troppo tempo ma non credo che un inserimento possa cambiare le cose. E’ un blocco mentale. E’ difficile perché avremmo bisogno di 2-3 vittorie di fila, ma siamo al 9 Gennaio e non vogliamo arrenderci. Dobbiamo reagire e provarci partita dopo partita”.

MVP BASKETINSIDE.COM: Canova

Virtus Cagliari 62 – B&P Autoricambi Costa Masnaga 72

Virtus Cagliari: Masic 20, Loi ne, Pacilio 2, Mastio 2, Mura 7, Podda ne, Pellegrini ne, Ballardini 3, Lusso, Scibelli 26, Formisano, Zizola 2. All: Montemurro

Costa Masnaga: Novati ne, Longoni 3, L. Meroni, Tagliabue, Canova 24, Del Pero 10, Ristic 17, Mistò ne, M. Meroni 6, Pozzi 12, Maiorano ne. All: Pirola

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy