A2- Civitanova Marche sfiora l’impresa, ma il finale premia Vicenza

A2- Civitanova Marche sfiora l’impresa, ma il finale premia Vicenza

Non basta l’ottima prova della Fe.Ba per evitare una sconfitta contro la più quotata Vicenza.

Commenta per primo!

Infa Feba Civitanova MarcheVelco Vicenza 5455 (11-10, 21-30, 35-47)

INFA FEBA CIVITANOVA MARCHE: Orsili A. NE , Zaccari L. NE , Perini V. 12 , Bocola G. NE , Trobbiani J. , Ceccarelli S. 3 , Ostojic K. 20 , Scibelli C. 6 , Mataloni M. 13 , Marinelli E. , Stronati F. NE , All. Matassini Alberto
VELCO VICENZA: Diodati V. , Pegoraro M. 8 , Madonna T. 23 , Caldaro E. , Stoppa V. NE , Jakovina T. 9 , Nicolodi G. 5 , Ferri L. 2 , Pizzolato F. NE , Pieropan I. 8 , All. Corno Aldo
ARBITRI:Federica Servillo, Carlo Posti,
NOTE:  Infa Feba Civitanova Marche tiri liberi 8/9 (88,9%), Velco Vicenza tiri liberi 11/16 (68,8%)

L’Infa Feba Civitanova Marche arriva ad un passo dall’impresa. Al termine di una partita avvincente le ragazze di coach Alberto Matassini si arrendono per 54-55 alla Velcofin Vicenza. Le biancoblu hanno disputato una partita dai diversi volti e proprio nell’ultimo quarto sono riuscite a riaprire la gara dopo aver rincorso per quasi tutto il tempo.

Peccato per le ultime battute ma la Feba ha reso la vita difficile ad una corazzata come la compagine di coach Aldo Corno, che ha dovuto sudare per riuscire a portare a casa i due punti. La sfida è stata molto veloce fin dalle prime battute. Nel primo quarto le due formazioni tirano con delle percentuali molto basse ma negli ultimi minuti le biancoblu piazzano un break di 4-0 e chiudono avanti sull’11-10. Nella seconda frazione si accende Ostojic, fin lì sottotono, anche se dall’altra parte ci sono Madonna e Pieropan che mandano a largo le ospiti sul 21-30 con cui si chiude la frazione. Alla ripresa delle ostilità le ragazze di coach Matassini entrano con il piglio giusto ma Vicenza è una squadra ordinata e ben organizzata che con grande intensità limita le giocate delle avversarie. La Feba è paziente e Scibelli trova il canestro del 43-47 a 5’29 dal termine. Madonna continua ad essere un enigma irrisolto per la retroguardia di casa, in difficoltà sulle giocate della brasiliana, però Perini e Mataloni fissano il punteggio sul 46-50. La sfida è riaperta e si arriva così all’ultimo quarto. Pronti via e Ostojic risponde a Pegoraro, 48-52 dopo due minuti di gioco, con le biancoblu che non riescono a trovare la giocata giusta per mettere il naso avanti. Le ragazze di coach Matassini continuano a rincorrere fino all’ultimo minuto. Ostojic realizza il canestro del 52-53 tuttavia Madonna è ancora una volta letale e manda le ospiti di nuovo avanti sul 52-55 a 4” dalla fine. La Feba ha l’ultimo tiro per tentare di mandare all’overtime il match. Perini tenta la tripla che si trasforma in un assist involontario per la liberissima Ostojic che da sotto canestro realizza il 54-55 finale. “Siamo partiti bene nel primo quarto – commenta a fine gara coach Matassini – mentre nel secondo quarto abbiamo spento la luce, soprattutto in difesa, e Vicenza ha preso il largo. Ottima la reazione invece che abbiamo avuto nelle ultime due frazioni perchè non era facile raddrizzare un match contro un avversario di tale caratura. Purtroppo nel finale abbiamo pagato lo sforzo fatto per recuperare lo svantaggio anche se nei finali punto a punto può succedere di tutto. Comunque sono contento perchè abbiamo sfidato una squadra costruita per andare in A1 e noi, che abbiamo altre ambizioni, siamo riusciti a tenergli testa. Questa sconfitta potrebbe farci bene – conclude il tecnico biancoblu – perchè ci farà focalizzare sugli aspetti che abbiamo sbagliato e che dobbiamo migliorare.”

Uff.Stampa Fe.Ba Civitanova Marche

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy