A2 – Civitanova sbanca Forlì, romagnole retrocesse

A2 – Civitanova sbanca Forlì, romagnole retrocesse

Forlì saluta il campionato di A2.

di La Redazione

Medoc Forli’ – FE.BA Civitanova Marche 61 – 85 (29-27, 45-45, 56-61, 61-85)

MEDOC FORLI’: Boni* 8 (2/3, 1/3), Zavalloni* 14 (2/5, 3/4), Vespignani, Lolli Ceroni 3 (1/8 da 3), Ronchi NE, Aleotti* 9 (3/4, 1/4), Duca 7 (2/5 da 2), Balestra, Martines* 2 (1/3, 0/1), Juric* 9 (4/5 da 2), Duca 9 (3/6, 1/1)
Allenatore: Bagnoli C.
Tiri da 2: 17/32 – Tiri da 3: 7/21 – Tiri Liberi: 6/13 – Rimbalzi: 40 8+32 (Duca 9) – Assist: 13 (Aleotti 5) – Palle Recuperate: 6 (Aleotti 2) – Palle Perse: 25 (Aleotti 8)
FE.BA CIVITANOVA MARCHE: Maroglio, Orsili* 14 (6/9, 0/4), Ortolani* 15 (5/10, 1/4), Paoletti NE, Perini* 19 (3/6, 3/8), Bocola* 8 (2/4, 0/1), Trobbiani 5 (1/2, 1/1), De Pasquale* 11 (2/4, 2/5), Giuseppone 13 (5/8, 1/1), Pelliccetti, D’amico
Allenatore: Scalabroni N.
Tiri da 2: 24/44 – Tiri da 3: 8/24 – Tiri Liberi: 13/20 – Rimbalzi: 33 9+24 (Perini 7) – Assist: 15 (Orsili 6) – Palle Recuperate: 11 (De Pasquale 4) – Palle Perse: 10 (Orsili 3) – Cinque Falli: Trobbiani
Arbitri: Giordano A., Sidoli D.

La Feba Civitanova Marche inanella il secondo successo consecutivo. Le momò piegano con merito in trasferta il Medoc Forlì per 61-85 condannando le romagnole alla retrocessione. Una sfida intensa per le ragazze di coach Nicola Scalabroni che, al di là dello scarto finale, hanno avuto il loro da fare per piegare la resistenza della compagine di coach Bagnoli. Una prestazione in cui hanno avuto un ottimo impatto tutte le ragazze con Perini, 19 punti e 7 rimbalzi, ed Orsili, con 14 punti e 6 assist, sugli scudi. Si tratta della seconda vittoria consecutiva, dopo quella contro Palermo, che regala due punti preziosi per la corsa play-off. Avvio di gara molto equilibrato in cui si segna molto: Forlì tenta qualche allungo, 17-11 a metà frazione, ma le momò ricuciono lo strappo e chiudono il primo quarto sul 29-27. Nel secondo periodo le ragazze di coach Scalabroni tengono in mano il pallino del gioco toccando il +8, 35-43, ma nei due minuti finali le locali piazzano un break di 10-2 ed impattano sul 45-45 con cui si va al riposo lungo. Nel terzo quarto continua il botta e risposta tra le due compagini ma Orsili nelle ultime battute mette a segno il canestro del 56-61 che regala un margine alle biancoblu. Nell’ultimo periodo c’è un vero e proprio monologo della Feba con le locali che non ne hanno più: Duca mette a segno l’ultimo canestro delle romagnole, sul 61-65 dopo due minuti di gioco, poi Perini e compagne prendono il largo con un break di 0-20 che fissa il punteggio sul 61-85 finale. “Bene perchè era una partita difficile contro una squadra che doveva vincere per tenere vive le speranze di salvezza – commenta coach Nicola Scalabroni – Forlì ha iniziato a fare canestro da tre con alte percentuali, complice anche la nostra difesa meno attenta sulla linea dei tre punti. Sicuramente i nostri primi due quarti non sono stati buoni a livello difensivo mentre sono stati ottimi a livello offensivo. Poi quando abbiamo cominciato a difendere forte sull’uno uno contro uno ed a non concedere il tiro da tre punti, abbiamo disputato un ottimo terzo e quarto periodo dove abbiamo subito solo 16 punti, continuando a fare bene le nostre cose in attacco. E’ una grande dimostrazione di maturità da parte nostra sia da punto di vista del gioco che dal punto di vista mentale, perchè spesso queste sono partite difficilissime da giocare”.

Uff.Stampa Fe.Ba. Civitanova

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy