A2 – Colpo Campobasso, Reani stende Bologna

A2 – Colpo Campobasso, Reani stende Bologna

Una tripla di Reani firma la vittoria di Campobasso.

di La Redazione

La Molisana Campobasso – Progresso Bk Femm. Bologna 49 – 48 (22-22, 30-35, 39-44, 49-48)

LA MOLISANA CAMPOBASSO: Corsetti NE, Alesiani* 6 (3/5, 0/3), De Pasquale 2 (1/3, 0/4), Dentamaro, Ciavarella* 7 (2/6, 0/1), Di Gregorio* 18 (3/6, 4/7), Dzinic* 5 (2/5 da 2), Di Costanzo 4 (2/3 da 2), Reani* 7 (2/3, 1/1), Landolfi NE
Allenatore: Sabatelli D.
Tiri da 2: 15/31 – Tiri da 3: 5/17 – Tiri Liberi: 4/5 – Rimbalzi: 38 6+32 (Reani 11) – Assist: 11 (Di Gregorio 3) – Palle Recuperate: 5 (Alesiani 1) – Palle Perse: 23 (Alesiani 8)

PROGRESSO BK FEMM. BOLOGNA: D’alie* 19 (4/12, 2/8), Monterumisi NE, Cordisco* 3 (1/2, 0/3), Tassinari NE, Dall’aglio 1 (0/1, 0/1), Storer* 8 (2/7 da 2), Tava NE, Meroni* 2 (1/3 da 2), Brevini 5 (1/3, 1/2), Poletti NE, Nannucci* 10 (2/5, 2/8)
Allenatore: Giroldi G.
Tiri da 2: 11/33 – Tiri da 3: 5/22 – Tiri Liberi: 11/20 – Rimbalzi: 23 6+17 (D’alie 7) – Assist: 8 (Cordisco 2) – Palle Recuperate: 9 (Nannucci 3) – Palle Perse: 13 (D’alie 6)
Arbitri: Fiore A., Di Martino V.

L’indispensabile attitudine di saper interpretare le gare con raziocino, scegliendo il ritmo più adatto per la circostanza. La Molisana Magnolia Campobasso centra il secondo successo consecutivo sul parquet amico di Vazzieri e lo fa avendo la meglio sulla corazzata Bologna nel recupero della diciannovesima giornata.

Nella circostanza, #ifioridacciaio, con una prova da applausi, piegano una delle big del torneo che si presentava in Molise con un biglietto da visita di tutto rilievo: il terzo posto ex aequo in classifica con Palermo a soli quattro punti dalla vetta ed il secondo posto in Coppa Italia ottenuto a fine febbraio ad Alessandria. Le rossoblù ci riescono mutando pelle e mostrando grande capacità di adattamento: se contro Forlì,
infatti, avevano avuto una condotta da centometrista, di fronte alle felsinee le campobassane si travestono da consumate mezzofondiste, piazzando, in vista del traguardo, lo sprint decisivo.

LA ZONA, QUESTA ANTAGONISTA Con Tassinari e Tava a referto da spettatrici, il coach di Bologna Giroldi decide – a fronte di rotazioni più risicate – e per non spremere troppo la propria playmaker D’Alie, la cui presenza (o meno) sul parquet incide sulla convinzione delle compagne. Le magnolie, però, hanno letto al meglio le intenzioni delle emiliane e si portano subito avanti (5-0 in avvio). Le emiliane, però,
ritrovano la parità e vanno anche avanti, ma c’è buona circolazione di palla sul fronte rossoblù e così il quarto si chiude in perfetta parità (22-22).

L’ATTACCO BATTE IN TESTA Nel secondo quarto, però, l’attacco rossoblù inizia a perdere colpi. La palla circola meno e ristagna un po’ con troppe soluzioni di carattere individuale, spegnendosi definitivamente dal 30-27 del 15’. Le ospiti riescono a mettere assieme un break di 8-0 che le porta avanti di cinque (30-35) all’intervallo lungo.

POLVERI BAGNATE Le polveri restano bagnate – peraltro su entrambi i fronti – anche nel terzo periodo, dove, nella prima fase, le magnolie riescono anche a pareggiare i conti a trentasette (canestro di Di Costanzo), finendo poi per perdersi nell’epilogo del periodo di fronte alla tripla a fil di sirena di Nannucci che potrebbe rischiare di tagliare le gambe alle rossoblù.

FINAL COUNTDOWN Così non è, però, perché – nonostante le ospiti, oltre alla zona, inizino a ricorrere al pressing a tutto campo per avere ulteriori diversivi – con Di Gregorio play aggiunto (diciotto punti per la tarantina) le campobassane rientrano appieno nella contesa. Il finale è il regno di Reani. L’ala-pivot mette a segno la tripla del sorpasso definitivo (49-48) e cattura il rimbalzo sulla tripla di Nannucci che fa
scattare la festa sul parquet di Vazzieri tra i tanti sostenitori presenti sugli spalti nonostante la collocazione infrasettimanale (e pomeridiana) della contesa.

SABATELLI GIUBILANTE Un clima di entusiasmo che coinvolge appieno lo stesso coach delle rossoblù Mimmo Sabatelli. “A queste ragazze – argomenta – avevo chiesto una grande prova perché non era una gara affatto facile e perché questa squadra aveva bisogno di prendere simili certezze. Sono davvero contento per questo gruppo che dall’inizio della stagione sta lavorando sodo. Sarei stato particolarmente orgoglioso di loro, anche se avessero perso, perché hanno dato tutto sul parquet. Sono orgoglioso anche per questo pubblico: vedere tanta gente sugli spalti, nonostante fosse una gara infrasettimanale, ci rende semplicemente orgogliosi”. Poi, sulle insidie tattiche presentate dalle emiliane, aggiunge: “Abbiamo avuto la testa – aggiunge – sapendo soffrire. Le ragazze, però, hanno reagito alla grande e devo fare loro i complimenti: sono semplicemente fantastiche”.

ROTTA SU CIVITANOVA MARCHE Nella testa del coach campobassano, però, c’è già la proiezione sulla trasferta a Civitanova Marche nel giorno di Pasquetta in occasione del venticinquesimo turno, prima di due gare esterne consecutive. “Affronteremo le nostre prossime avversarie – sintetizza – con l’entusiasmo e con la consapevolezza di potercela giocare con tutti e di avere l’opportunità di cogliere grosse soddisfazioni, una convinzione che io ho sempre avuto e che, pian piano, è stata recepita anche dal gruppo”.

AREA COMUNICAZIONE MAGNOLIA CAMPOBASSO

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy