A2 – Costa Masnaga, adesso è crisi vera. Castelnuovo Scrivia vince e l’aggancia

A2 – Costa Masnaga, adesso è crisi vera. Castelnuovo Scrivia vince e l’aggancia

Commenta per primo!

La miglior prestazione stagionale dell’Eco Program consente alle ragazze di Balduzzi di centrare il secondo, meritatissimo, successo in campionato e di conquistare, oltre ai due preziosissimi punti in palio, anche una buona dose di autostima che speriamo possa tornare utile per i prossimi impegni. Eco Program ancora senza Palacios e con Gabba e D’Amico in precarie condizioni ma comunque stoicamente in campo stringendo i denti; dall’altra parte Pirola deve invece rinunciare alla lungodegente Schieppati, a referto ma inutilizzabile (crociato). Avvio frizzante da ambo i lati con le castelnovesi che mettono a segno i primi 5 canestri con 5 giocatrici diverse mentre dall’altra parte, tolta la realizzazione iniziale di Pozzi, il fatturato è tutto sulle spalle del duo Maiorano-Canova; Porro fa subito capire di essere in serata sì (8 punti nel quarto con due triple) ma le compagne non sono da meno, con Bergante e Vitari a dare un contributo sostanzioso al 21-18 del 10?. Costa prova subito a rientrare, con Pozzi a dare manforte alle ‘solite’ Maiorano e Canova ma a quel punto sale in cattedra anche l’altra neo arrivata castelnovese, Vitari (top scorer e mvp della partita) che con 7 punti consecutivi lancia il primo, serio, tentativo di fuga delle padrone di casa, corroborato anche da una tripla di capitan Gabba; Costa sembra sul punto di cedere ma Maiorano, dall’alto della sua classe, tiene a galla la nave ed all’intervallo il divario tra le due compagini resta sotto la doppia cifra (37-29) con le ospiti a segno solo, fino a quel momento, con solo 3 atlete. Il rientro in campo dalla pausa lunga è, notoriamente, uno dei punti deboli del Bcc e non fa eccezione neppure questa partita con le lecchesi che piazzano subito un 5-0 costringendo un furibondo coach Balduzzi a chiedere un time-out, più psicologico che tecnico; l’Eco si carica di falli (soprattutto con Vitari e D’Amico, sacrificata sulla temibilissima Maiorano) entrando prestissimo in bonus e concedendo liberi su liberi alle avversarie che, nonostante 5 punti consecutivi di Vitari, riescono a mettere la testa avanti con una tripla di Tagliabue (44-42). Sul Pala Camagna, per un momento, cala il gelo ma Porro, sempre dall’arco, riporta avanti l’Eco che comincia un autentico show dai 6,75 al quale si iscrivono Bergante, Gabba (2 volte) e D’Amico; tra l’entusiasmo ritrovato del proprio pubblico il Bcc piazza un devastante 17-4 che permette alla formazione di casa di entrare nei 10? finali con un vantaggio appena superiore alla doppia cifra (59-48). Le ospiti però non hanno alcuna intenzione di alzare bandiera bianca anzitempo; le bombe di Maiorano e Frigerio e la precisione dalla lunetta di Canova consentono a Costa di rifarsi sotto pericolosamente nonostante, nell’altra metà campo, Gabba, Vitari e Porro segnino canestri importanti. La tensione, in campo e sugli spalti, si fa palpabile, ma l’Eco Program è brava a non perdere mai in concentrazione ed a restare con la testa nel match; Costa è condannata, in attacco, a non sbagliare più e quando questo avviene il ricorso al fallo sistematico delle ragazze di Pirola viene punito, dalla linea della carità, da Bergante, D’Amico e Porro con Vitari ad infilare poi i canestro della staffa. Game, set and match, la gioia delle giocatrici di casa e dei tifosi può legittimamente esplodere; l’Eco è viva e lotta con noi.

Eco Program Castelnuovo – B & P Autoricambi Costa Masnaga

78-68 (21-18, 37-29, 59-48)

Eco Program: Bergante 15, Brussolo, Gabba 16, Porro 19, Algeri, Gavio, Codispoti, Vitari 22, Paglia, Marciano, D’Amico 6, Scarrone. All. Balduzzi, v. all. Martinelli e Pozzi

B & P Costa: Novati, Schieppati, Longoni 5, Meroni, Lincomo, Tagliabue 6, Canova 21, Del Pero, Misto, Frigerio 6, Pozzi 11, Maiorano 19. All. Pirola, v. all. Fiorentino e Ranieri

Fotogallery a cura di Marco Picozzi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy