A2- Costa Masnaga cade sul campo del Selargius e subisce l’aggancio

A2- Costa Masnaga cade sul campo del Selargius e subisce l’aggancio

Giallonere vittoriose tra le mura amiche: Costa Masnaga battuta (64-61) e agganciata in classifica.

Commenta per primo!

Dopo un mese di digiuno il San Salvatore Selargius torna al successo. Al PalaVienna le ragazze di coach Fabrizio Staico battono Costa Masnaga col punteggio di 64-61, cogliendo due punti di grande importanza, che permettono di agguantare proprio le lombarde a quota 18 in classifica. Un successo sofferto ma meritato, giunto al termine di un match che Lussu e compagne hanno saputo condurre dall’inizio alla fine, mettendo in campo maggior fame di vittoria rispetto alle rivali.

Inizia bene il San Salvatore, che nelle prime battute si affida molto alle lunghe: Manfrè e Ljubenovic vengono sistematicamente servite spalle a canestro, e sono brave a portare a casa i punti che consentono alle selargine di costruire un piccolo margine di vantaggio sulle avversarie. Costa Masnaga, forse sorpresa dall’aggressività del San Salvatore, si scuote a fatica dal torpore. La slovena Ristic, col suo letale arresto e tiro dalla media distanza, e una difesa a zona particolarmente efficace consentono però alle ragazze di Pirola di rimanere a contatto fino alle ultime battute del primo parziale, quando il San Salvatore innesta nuovamente le marce alte: una tripla di Laccorte fissa il +10 alla prima sirena, poi l’ex Astro si ripete in apertura di secondo quarto, regalando alle compagne ben 13 lunghezze di vantaggio (24-11).

A quel punto Costa Masnaga inizia a registrare la difesa, specie sulle lunghe, e si fa nuovamente sotto, avvantaggiandosi anche di un piccolo calo delle selargine. Nei momenti di scarsa brillantezza allora ci pensa Di Gregorio (top scorer con 24 punti a referto), che consente al San Salvatore di rimanere avanti sul +6 (33-27) anche all’intervallo lungo.

L’elastico prosegue nel corso del terzo parziale: le ospiti vivono delle folate di Longoni e, soprattutto, Ristic (23 punti e 15 rimbalzi), che danno a Pirola l’illusione di poter arrivare al sorpasso, ma le giallonere rispondono con la solita Di Gregorio, che firma 7 punti consecutivi consentendo al San Salvatore di guadagnare 8 lunghezze di margine al 30′ (55-47). L’ultimo periodo si apre proprio con una bomba dell’ex Taranto, che regala il +11, poco prima dell’uscita di scena dell’ex Visconti per cinque falli. Selargius però commette il peccato di non chiuderla definitivamente, allora Costa Masnaga rientra in partita grazie a un’asfissiante press a tutto campo che mette in crisi le portatrici di palla giallonere. Maiorano e compagne tornano così a -5 a un minuto dal termine, ma 30 secondi dopo De Pasquale risponde con un provvidenziale canestro in penetrazione. Coach Pirola comanda il fallo sistematico: Ljubenovic fa 0/2 e, sul capovolgimento di fronte, Ristic realizza un’incredibile tripla appoggiata al tabellone. Sotto pressione, però, il San Salvatore non trema più, e i liberi di Di Gregorio consegnano una vittoria che consente di guardare con maggior fiducia al prossimo match in casa di Albino.

“E’ un bel sospiro di sollievo – dichiara al termine della gara Fabrizio Staico, tecnico delle giallonere -. Si tratta di un successo importante per la classifica, ma mi fa piacere soprattutto per le ragazze, che negli ultimi dieci giorni hanno veramente lavorato duro in palestra. L’unico, piccolissimo rammarico è quello di non essere riuscite a ribaltare la differenza canestri, ma va benissimo anche così. Oggi posso solo fare i complimenti alla squadra. Adesso andiamo ad Albino, a giocare contro una delle squadre più fisiche del torneo. Proveremo a giocarcela sfruttando il nostro dinamismo. Siamo ancora nel limbo della classifica, ma non la guardiamo più di tanto: l’unica cosa da fare è affrontare una partita alla volta e cercare di trarre il massimo da ognuna”.

San Salvatore Selargius-B&P Autoricambi Costa Masnaga 64-61

San Salvatore: Ljubenovic 12, De Pasquale 4, Lussu 7, Mura, Corda ne, Laccorte 6, Palmas, Zizola ne, Di Gregorio 24, Manfrè 11. Allenatore: Staico

Costa Masnaga: Longoni 11, Meroni ne, Tagliabue ne, Canova 12, Del Pero 5, Ristic 23, Mistò 1, Visconti 2, Pozzi, Maiorano 7. Allenatore: Pirola

Parziali: 21-11; 33-27; 55-47

Arbitri: Alberto Marsico – Marco Morassutti

Agenzia di Stampa Directa Sport e Sardegna Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy