A2: Costa Masnaga, debutto da urlo! Virtus Cagliari spazzata via

A2: Costa Masnaga, debutto da urlo! Virtus Cagliari spazzata via

Se il buongiorno si vede dal mattino, coach Pirola ha di che sorridere quest’oggi. Inizia come meglio non poteva l’avventura in A2 del Basket Costa Masnaga, promossa a pieni voti dal debutto interno contro la Virtus Cagliari. La formazione lecchese regola senza patemi una Virtus Cagliari mai pervenuta e che, complice le pesanti assenze di Scibelli e capitan Fava, nulla ha potuto contro l’esperienza e la solidità dell’B&P Autoricambi, dove l’unica assente è stata la sola Schieppati. Le padrone di casa partono subito col piede giusto, tanto che dopo quattro minuti c’è un netto 15-0 sul tabellone. Per vedere la prima marcatura ospite bisogna attendere altri due giri di lancette, ma il primo periodo è un monologo e il 24-7 dopo dieci minuti vale più di ogni parola. Schirru prova a svegliare le proprie ragazze e il secondo quarto, finalmente, ci regala una partita tra due squadre: Pacilio prende per mano la propria squadra siglando diversi canestri di ottima fattura mentre Costa Masnaga replica alternando le proprie protagoniste, da Meroni a Maiorano, passando per Mistò e Canova. La Virtus fa così suo il secondo parziale (13-16), ricucendo in minima parte il passivo (37-23 al 20′). Nella ripresa non c’è però storia: la Virtus tira malissimo (alla fine sarà un disastroso 10/44 da due) mentre Maiorano continua a sfoggiare giocate d’alta classe che tengono lontanissime le avversarie. Nell’ultimo periodo è la stessa numero ventidue a realizzare il più trenta, mentre a Cagliari non resta che alzare bandiera bianca, lasciando così la festa e i due punti a Costa Masnaga. Oltre a Maiorano, da sottolineare anche le prestazioni di Canova (12 punti e tanta difesa) e Marta Meroni (10 punti e 7 rimbalzi) all’interno di un collettivo che ha comunque ben figurato in tutte le proprie giocatrici. Per le ospiti unica in doppia cifra Pacilio con 19 punti, la sola a salvarsi insieme alla discreta prova di Valentina Mura.

Costa Masnaga: Longoni- Maiorano – Canova – Meroni

Virtus Cagliari: Ballardini-Masic- Pacilio- Mastio – Zizola

COSTA PARTE ALLA GRANDE– Inizia subito forte la formazione di casa: sblocca Pozzi, segna Meroni da sotto ma è il coast to cost vincente di Maiorano, a scrivere il 6-0 che porta Schirru all’immediato minuto di sospensione. Il copione è però sempre lo stesso: Maiorano segna anche il libero supplementare, Longoni colpisce dalla media distanza e con il quarto punto di Meroni, è 11-0 Costa Masnaga con la Virtus che continua a faticare sul fronte offensivo. Le lecchesi si esaltano, Maiorano trova la forzatura vincente, Canova una bella penetrazione e il punteggio vola sul 15-0, permettendo a coach Pirola già di ruotare le proprie giocatrici inserendo Mistò, Del Pero e Tagliabue. Masic in lunetta interrompe il digiuno ospite, ma è ancora la formazione bianco rossa a dettar legge e grazie a Mistò e una difesa eccezionale, la prima frazione vede un netto 24-7. Il secondo periodo riparte con il sesto punto firmato Canova, mentre la Virtus prova ad alzare i propri giri in attacco, bucando la retina prima con Zizola poi con Pacilio. Canova riscrive il più diciannove, Pacilio sale in cattedra con cinque punti di fila, ricucendo fino al 31-16. Le lecchesi però hanno un’altra marcia, Mistò si mette ancora in mostra con due canestri di fila allontanando nuovamente le cagliaritane. Pacilio raggiunge la doppia cifra personale, rimettendo solo dodici lunghezze di svantaggio, ma l’ultimo acuto lo trova Pozzi che a fil di sirena, ben imbeccata da Maiorano, piazza il 37 a 23 della prima metà di gara.

TROPPA COSTA PER LA VIRTUS, LE LECCHESI DILAGANO-Dopo la pausa lunga, è Meroni col piazzato a scrivere per prima il proprio nome sul tabellino. Ballardini trova i primi tre punti personali, ma Pozzi risponde prontamente siglando il 42-25. Pacilio torna a bucare la difesa di casa, ma è Longoni dalla lunga distanza a rimettere venti punti di distanza (47-27). La Virtus ormai non ne ha più e le padrone di casa allungano, sfruttando l’asse Maiorano-Meroni che produce il più venticinque (53-28). Costa Masnaga controlla e con il quindicesimo punto di Maiorano, è 58-31 dopo tre periodi. Gli ultimi dieci minuti non hanno nulla da dire. Maiorano dall’arco timbra il più trenta dopo pochi secondi, con coach Pirola che concede così minuti anche alle giovani Novati e Meroni. E’ proprio la numero sei a firmare il settantesimo punto, portando a trentacinque le lunghezze di scarto. Spazio quindi anche a Cincotto, che subentra all’applauditissima Francesca Pozzi. Finisce così tra la standing ovation del pubblico di casa, mentre il finale recita 72-40.

MVP BASKETINSIDE.COM: Maiorano (22pt, 6 rb, 31 di valutazione)

B&P Autoricambi Costa Masnaga – Virtus Cagliari 72-40

B&P Autoricambi Costa Masnaga: Novati 2, Schieppati ne, Longoni 5, Meroni 5, Cincotto, Tagliabue 1, Canova 12, Del Pero 3, Mistò 6, Meroni 10, Pozzi 6, Maiorano 22. All: Pirola

Virtus Cagliari: Masic 6, Loi, Fava ne, Pacilio 19, Mastio 2, Mura 8, Podda 1, Ballardini 2, Scibelli ne, Zizola 2. All: Schirru

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy