A2 – Crema non pervenuta, Castelnuovo Scrivia dilaga

A2 – Crema non pervenuta, Castelnuovo Scrivia dilaga

Netto successo delle piemontesi.

di La Redazione

Chapeau Giraffe!!! Vale la pena, una volta tanto, partire dal fondo per rendere il doveroso omaggio alla prestazione, ai limiti della perfezione, dell’Eco Program che ha letteralmente schiantato quella Tec-Mar Crema che, solo una settimana fa, alzava meritatamente al cielo la Coppa Italia appena conquistata. Ora, per amore della verità, è probabile che le lombarde, prive di Cerri (a referto ma inutilizzabile), abbiano accusato, con il passare dei minuti, le inevitabili scorie, fisiche e mentali, che la tre giorni di Alessandria ha portato in dote; in effetti anche l’andamento della partita, con una prima parte tutto sommato più che discreta ed un crollo verticale nei secondi 20′ (con un solo canestro dal campo dopo la pausa lunga), sembra convalidare questa tesi. Concesse le giuste attenuanti alle ospiti va altresì detto, però, che le giraffe hanno giocato la gara che probabilmente ogni coach sogna che la propria formazione disputi, con una feroce intensità difensiva ed una applicazione tattica ammirevole (e complimenti allo staff tecnico per come ha preparato la sfida) ma anche con grande lucidità e pazienza nella metà campo avversaria, trovando quasi sempre la soluzione giusta per battere la difesa cremasca, tanto da mandare a referto tutte le giocatrici scese sul parquet. E pensare che l’avvio era stato più di marca Tec-Mar con Ljubenovic, da sotto, e Madonna, dall’arco, a replicare ai canestri di Parmesani e Benic; e sono sempre loro due a tenere in scia il Bcc (10-10 al 5′ e 14-15 al 8′) mentre lo strappo successivo di Crema, figlio delle triple di Parmesani e Benic, viene ricucito da Katshitshi e da 5 punti consecutivi di Rosso con la prima frazione che si chiude con la squadra di casa sul -1 (19-20). Il secondo quarto si apre subito con il sorpasso delle giraffe, grazie ad un siluro di Giacomelli, subito assorbito da un appoggio di Rizzi, poi è Nori ad impattare il jump dall’angolo di Vitari ma pian piano l’inerzia sembra passare dalla parte delle ragazze di Pozzi con Ljubenovic e Corradini a firmare il + 4 (28-24 al 14′) che però una Nori on fire provvede a stoppare (28-28); il Bcc però sente che è il momento buono e così Colli prima segna in entrata poi ruba palla permettendo a Madonna (3/3 da tre nei primi 20′) di convertire dai 6,75, infine è Giangrasso, dopo un altro ‘furto’ a metà campo, a chiudere il 7-0 che scava un primo solco tra le due compagini (35-28 al 18′). Caccialanza prova ad accorciare ma è ancora Tay, dall’angolo, a mettere la bomba che manda l’Eco Program al riposo sul +8 (38-30) con la play guardia ex Vicenza già a quota 13 ma, soprattutto, con già ben 9 atlete a segno nei primi 20′. Alla ripresa delle ostilità la squadra di casa alza, di parecchie tacche, il volume della propria intensità difensiva, sciorinando un campionario di rotazioni, raddoppi ed aiuti davvero da manuale e mettendo in grande crisi il sistema di gioco delle cremasche; di Ljubenovic, Katshitshi e Colli sono i punti che portano il divario oltre la doppia cifra (46-32 al 26′) con la Tec-Mar a segno solo ed unicamente dalla lunetta. E sono ancora le due lunghe castelnovesi e Rosso a firmare addirittura il +19 (53-34) che mette decisamente in discesa il match per la formazione di casa; la squadra di Sguaizer trova il primo canestro dal campo con Benic al minuto 29 ma la situazione, per le ospiti, resta critica visto che dall’altra parte Giacomelli e Corradini tengono a distanza di sicurezza le avversarie siglando così il 57-38 del 30′. Nella gara di andata Crema ribaltò il match proprio grazie ad un ultimo quarto super (29 punti segnati) ed il ricordo di quella serata tiene ben alta la concentrazione in casa Eco Program, così la difesa continua ad essere un fattore decisivo e se in attacco le giraffe sembrano faticare maggiormente a trovare il fondo della retina, il divario resta sempre molto ampio e rassicurante; è anzi Borghi, dall’arco, a portare le compagne oltre il +20 (60-38 al 34′) e subito dopo è Giacomelli ad infilare un’altra banderilla nel corpo di una Tec-Mar che pare ormai allo stremo. Le ospiti trovano punti solo dalla linea della carità (negli ultimi 10′ nessun canestro dal campo) e così Ljubenovic e Katshitshi mandano definitivamente in archivio il match (67-40) con il pivot di origini congolesi a segnare poi i punti del definitivo 71-42 che permettono alle castelnovesi di ribaltare anche il -15 dell’andata, particolare che potrebbe risultare utile in caso di arrivo a pari punti alla fine. Cosa dire d’altro se non reiterare ancora una volta i complimenti ad un gruppo che giornata dopo giornata sta regalando grandissime soddisfazioni a tifosi e società; proprio contro Crema, lo scorso anno, le giraffe (si era alla 4a giornata di andata) disputarono una grande gara, lasciando intravedere quelle potenzialità che poi trovarono conferma nel resto di una stagione che fu ampiamente al di sopra delle aspettative. Speriamo che anche il successo di questa sera, ed anche il modo in cui è stato ottenuto, permetta alle nostre giocatrici di spiccare definitivamente il volo (sognare in fondo non costa nulla) fermo restando che quanto hanno già fatto finora è ben aldilà di ogni più rosea previsione; crediamo che nessuno, neppure il più ottimista, potesse sperare di trovarsi, a questo punto, al quarto posto in classifica. Peraltro con i due punti di stasera l’Eco Program è matematicamente salva e se questa annotazione potrà anche far sorridere qualcuno va ricordato che quello di una salvezza tranquilla era l’obiettivo primario; la società castelnovese, pur tra notevoli sacrifici, si sta confermando una realtà importante di questa categoria che, vale sempre la pena ricordarlo, è il secondo campionato nazionale. E quindi, ancora una volta, Chapeau Giraffe !!!

Eco Program Bc Castelnuovo Scrivia – Tec-Mar Crema 71-42 (19-20, 38-30, 57-38)

Eco Program: Corradini 4, Rosso 7, Katshitshi 12, Madonna 13, Vitari 2, Algeri, Borghi 3, Colli 4, Giangrasso 2, Ljubenovic 17, Giacomelli 7. All. Pozzi, v. all. D’Affuso

Tec-Mar: Nori 12, Visigalli, Togliani 3, Mandelli, Capoferri 6, Benic 9, Caccialanza 2, Parmesani 6, Cerri, Rossi, Rizzi 4. All. Sguaizer, v.all. Maccarana

Uff.Stampa Eco Program Bc Castelnuovo Scrivia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy