A2 Femminile: salta il fattore campo, Sandalia e Gea vicini alla finale!

A2 Femminile: salta il fattore campo, Sandalia e Gea vicini alla finale!

 

In cronaca. Partenza fortissima di Alcamo, con Mandache e  l’ex Fabbri, partita in quintetto, subito incisive sul fronte offensivo. La risposta del Cus arriva con Georgieva, ma Alcamo continua a pungere e con i canestri di Gattini vola via sul più nove (2-11). E’ ancora la squadra di Petipierre a sfruttare i tanti errori sul fronte offensivo della formazione teatina (0/5 da 3, 2/6 dalla lunetta) e grazie a una straordinaria Mandache chiude avanti la prima frazione di sette lunghezze (14-21). Dieci minuti stellari per la giocatice rumena che chiude con 14 punti e 3 rimbalzi. Si segna poco nell’inizio di secondo quarto, Mandache continua a trovare la via del canestro ma il Cus cambia volto e trascinato da Sordi rientra in partita tornando a soli quattro punti di distanza (22-26) , costringendo Petipierre a chiamare minuto. La pausa fa bene alle siciliane, perché al rientro in campo Mandache è ancora incisiva mandando a segno la bomba che ridà le sette lunghezze di margine. Arrivano anche i primi 3 punti di Caliendo, fino a quel momento ben contenuta, seguiti dal ventunesimo di Mandache e la Gea va in fuga: 24-34 a un minuto dal riposo. Segna anche Gaglio ed Alcamo, al riposo, è avanti di dodici. Nella terza frazione arriva anche l’allungo, con le siciliane che trovano in Gattini un’arma preziosa per bucare la difesa del Cus, arrivando fino al più quattrordici di metà periodo (30-44). Mini break di 4-0 delle locali e coach Petipierre decide di interrompere il gioco, chiamando time out. Alcamo al rientro risponde con la stessa moneta e nonostante la tripla di Georgieva, sono ancora Mandache e Gattini a suonare la carica e a trovare i canestri del 37 a 52. Ultimi tre punti che sono delle locali, ma a dieci dal termine Alcamo è ancora in controllo. Negli ultimi dieci minuti, il doppio errore offensivo di Prado, permette a Chieti di riportarsi sotto la doppia cifra (44-52). Chieti non accenna a fermarsi, trovando il meno sei grazie al sesto punto dell’incontro di Sordi. Le ospiti non riescono più a segnare e Chieti comincia a credere alla rimonta, con Bello che dai 6.75 insacca il meno tre che riapre totalmente l’incontro. Gattini dalla media distanza sblocca il punteggio, poi ci pensa Mandache dalla lunetta a confermarsi glaciale per il nuovo più sette (49-56). Le abruzzesi però sfruttano al meglio i tiri dalla lunetta per rientrare fino al meno quattro, poi arriva anche il meno due ma Mandache risponde presente, rimandando la squadra di casa a due possessi (54-58). L’assalto finale è però inutile, Alcamo dalla lunetta allunga e gara 1 va così alle siciliane. Salta il fattore campo anche a Bolzano, al termine di una gara condotta fin dalle prime battute dalle ospiti. E’ Bergante la prima ad andare a segno, ma Cagliari risponde con i quattro consecutivi di Azzellini, che valgono il primo vantaggio Sandalia. Bolzano impatta per due volte, poi le ospiti trovano il primo break grazie ai cinque punti di Fabianova che valgono il più quattro (9-13). Botta e risposta tra Brunetti e e Ribeiro, ma Cagliari è brava e concentrata a non disperdere quanto di buono ha costruito e grazie ai primi punti di Arioli, il primo quarto si chiude sul 12 a 16. Anche nel secondo quarto la musica non cambia, con le ragazze di Xaxa che sospinte da Fabianova, provano a scappare portandosi sul più otto (14-22). I primi canestri di Fall e Maron provano a ricucire il break, ma il Cus risponde con Oppo e Gilbertini lasciando invariato il margine. L’Iveco però non ci sta e prova ad affidarsi al talento offensivo di Bergante, tornando in gara prepotentemente e andando al riposo sotto di soli sei punti (22-28). Terza frazione con poche emozioni, Fall illude l’Iveco col canestro del meno due, ma Buscemi si carica la squadra sulle spalle e ben coadiuvata dalla solita Fabianova, anche a fine terzo quarto il punteggio vede Cagliari condurre (34-39). Il 2/2 di Kurpniece da il via all’ultimo quarto, con l’Iveco che  si riporta a meno tre (36-39). E’ ancora la stessa lunga lettone  a trovare il meno uno, ma Gilbertini e la bomba targata Fabianova ridanno il più sette alla compagine sarda. La partita però s’infiamma, Lazzari trova la prima tripla di serata nel momento migliore e la doppia cifra di Bergante, rimette un singolo possesso tra le due squadre (44-46). Il Cus però è bravo a non farsi prendere dalla foga, affidandosi all’ottima Gilbertini e alla concretezza di Fabianova nelle ultime battute di gioco. Bolzano è alle corde, Cagliari passa ed ora la finale è veramente ad un passo.

MVP BASKETINSIDE.COM: Mandache (Gea Alcamo)

Tabellini

Iveco Lenzi Bolzano – Sandalia CUS Cagliari 46 – 52

Basket Club Bolzano: Kurpniece 16, Bergante 10, Lazzari 3, Maron 2, Fall 8, Zambarda 0, Consorti 0, Ribeiro da Silva 5, Valerio 2, Schwienbacher ne. Allenatore: Michele Massai.

C.U.S. Cagliari: Gibertini 13, Fabianova 18, Piana 0, Buscemi 4, Azzellini 4, Oppo 4, Arioli 4, Brunetti 5, Sau ne, Mulas ne. Allenatore: Federico Xaxa.

C.U.S. Chieti – Gea Magazzini Alcamo 54 – 60

C.U.S. CHIETI: Marino M. NE , De Luca C. , Meloni A. , Sordi C. 11 , Georgieva D. 15 , Gatti V. 4 , Silva E. 7 , Bello M. 8 , Cordisco S. , David N. 9 , All. Caboni Giuseppe

GEA MAGAZZINI ALCAMO: Caliendo A. 7 , Mandache A. 27 , Milazzo O. , Gaglio A. 4 , Fazio F. , Prado F. 2 , Calabretta G. NE , Fabbri V. 5 , Fassina M. , Gattini C. 15 , All. Petipierre Andrea

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy