A2- Ferrara, vittoria da grande: Magika battuta nel rush finale

A2- Ferrara, vittoria da grande: Magika battuta nel rush finale

Commenta per primo!

Abbiamo vinto, bene cosi. In un campionato che, almeno per quanto fa pensare la prima “parzialissima” giornata sarà spaccato molto presto in due tronconi (gap davvero ampi in quasi tutte le partite), vincere fuori casa e contro una diretta concorrente per i play off è fondamentale.

Brave quindi le nostre a crederci fino in fondo, un po’ come successo a Crema la scorsa settimana, nonostante le tante difficoltà incontrate. Allo stesso tempo, non si può sempre pensare di pescare il jolly e forse portare a casa i due punti con prestazioni più incoraggianti, lascerebbe più tranquilli per il futuro. In ogni caso è andata, e non era facile. Non è mai stato facile, sin dall’inizio. La cronaca:

La partenza è al rallentatore da parte di entrambe le squadre con la Magika che infila una lunga serie di palle perse mentre per le nostre mani sono abbastanza fredde. Ci vogliono sei punti di Rosset in un amen per portare le compagne in vantaggio, 9-11 al 5′. Sembriamo avere più qualità e a dispetto di una Bona piuttosto imprecisa sotto canestro le nostre sono brave ad allungare sino al 14-18 con cui si chiude il primo periodo.

L’apertura del secondo quarto vede ancora molta confusione tra le file biancorosse, che subiscono in difesa soprattutto a causa di evitabili distrazioni, costringendo la panchina al primo minuto di sospensione al 12′, sul +4 (19-23). Nemmeno la pausa giova però alla Pff Group che continua ad accumulare palle perse in serie, consentendo alle padrone di casa di rientrare (26-28 al 15′). Fortunatamente abbiamo davvero tanto talento dalla nostra perché nonostante i tanti errori riusciamo comunque ad allungare nuovamente, portandoci sul 31-37 al 17′ grazie a quattro punti consecutivi di Rulli, che diventa un illusorio +10, 31-41 con un cesto di Nori, prima del recupero del gruppo di Seletti (35-41 all’intervallo).

Pesano tanto per Miccio e compagne le perse e i rimbalzi offensivi concessi alle avversarie (saranno 21 alla fine), ‘magagne’ che consentono alla Magika di rimanere nel match. Purtroppo la pausa non schiarisce le idee alle ragazze che rientrano in campo ugualmente ‘scariche’ sia in difesa che a rimbalzo. Solo qualche spunto di Rosset e Rulli ci tiene avanti, 44-49 al 26′ ma a forza di sbagliare si paga dazio e il vantaggio delle bolognesi al 30′, 51-50, punisce meritatamente la poca presenza mentale di Miccio e compagne.

Fortunatamente Nori sotto canestro aumenta l’intensità e da sola tiene la squadra in linea di galleggiamento, ma sono davvero troppe le sciocchezze in difesa e Castel San Pietro ringrazia e porta a casa, rimanendo avanti al 34′, 55-54. Un libero di Pazzaglia guida la Magika al 58-56 al 38′, subito impattato da un canestro di Rosset. È il preludio della svolta perché un guizzo di Rulli dà il vantaggio decisivo alla Pff Group, 58-60 quando mancano 24 secondi al termine. Un fallo della difesa estense manda Pazzaglia in lunetta a meno di due secondi dalla sirena finale: l’errore sul primo la costringe a sbagliare volutamente anche il secondo, ma il tempo scade e le biancorosse possono esultare per lo scampato pericolo.

Magika Castel S. Pietro-PFF Group Ferrara 58-60

Magika Castel San Pietro 58: Panella, Gianolla 2, Michelini, Capucci 3, Melandri, Franceschelli 4, Visconti 7, Brunetti 3, Pazzaglia 9, Santucci 14, Pieropan 16, Furlani ne; All. Seletti

Pff Group Ferrara 60: Nori 3, Rossi, D’Aloja, Cecconi, Rulli 22, Savelli 3, Innocenti 1, Rosset 18, Miccio 10, Nako Moni, Bona 3; All. Stibiel

Tiri liberi: Magika 17/27, Pff Group 9/13

Parziali: 14-18, 21-23, 16-9, 7-10

Fotogallery a cura di Valerio Lelli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy