A2-Geas ed Almo Nature NBA-Zena si affrontano per il primato e per confermare l’imbattibilità

A2-Geas ed Almo Nature NBA-Zena si affrontano per il primato e per confermare l’imbattibilità

Commenta per primo!

Prendete le 8 migliori giocatrici della squadra che ha dominato la scorsa Serie A3, aggiungete il sapore particolare della migliore 17enne d’Europa, irrobustite il tutto con il pivot della nazionale argentina ed eccovi, servita come un manicaretto da chef di gran classe, la formazione del Geas, cioè l’unica squadra che, con l’Almo Nature NBA-Zena, è giunta all’ultima di andata della Serie A2 con la casella delle sconfitte a quota zero.

E, per un curioso caso dato dal calendario, proprio queste due formazioni daranno vita al big-match (sabato ore 20:30, al PalaCarzaniga di Sesto San Giovanni) che sancirà la squadra regina del girone di andata.

Un big-match che mette a confronto due realtà dalla storia non confrontabile: l’NBA-Zena ha da poco compiuto 6 anni, è al suo primo anno di Serie A2, sta provando a dotarsi di una sua identità all’interno di un percorso che è ancora agli inizi.

Nei primi 58 anni della loro prestigiosa storia, le lombarde hanno collezionato 8 scudetti, 1 Coppa dei Campioni, 1 Coppa Italia, 15 scudetti giovanili, hanno strutturato una società con una solida organizzazione e non hanno rinunciato alla costruzione di un solido settore giovanile pur dovendo perseguire importanti risultati agonistici.

“Per me rappresenta il top ideale” -sospira il presidente Besana, con madre “sestese” e lui stesso tifoso in passato del grande Geas di Mabel Bocchi & C.- “è una società che ha saputo salvare la sua storia, in un momento di difficoltà economica, facendo un passo indietro e facendo leva sulla solidità del suo settore giovanile. Oggi è l’unica realtà che presenta, straniera a parte, giocatrici tutte provenienti dal suo vivaio. Noi non abbiamo questa potenzialità, e non so se l’avremo mai, ma abbiamo scelto di costruire una formazione per nove decimi ligure, che potesse dare un segnale di rappresentatività territoriale, e finora mi pare che la cosa stia funzionando. Comunque vada sabato, per noi è già un successo esserci; mi spiace solo non poter essere presente, per una fastidiosa polmonite, chiederò alle ragazze di resistere fino all’ultima di ritorno…”.

Più tecnica ovviamente la disamina di coach Pansolin: “Partite come quella di sabato prossimo sono quelle che danno significato al nostro lavoro: è molto bello e gratificante pensare di andare a giocare sul campo del Geas con in palio, oltre al primo posto della conference nord-ovest di A2, anche quella di rimanere l’unica squadra di A2 imbattuta in Italia. Non siamo al 100% è evidente, a causa del forfait di De Scalzi, ma la squadra può ovviare a questa assenza pesante con quel cuore e quell’abnegazione di chi esce dalla panchina che ha contraddistinto la prima parte della nostra stagione. Loro sono una squadra molto forte che ha individualità da categoria superiore, ma siamo a pari punti con loro e abbiamo vinto le stesse partite che hanno vinto loro con le loro stesse avversarie… Martina Bestagno – Burani è un duello a livello assoluto per il nostro basket (una nazionale italiana contro una nazionale argentina), ma anche Elena Bestagno – Arturi un paio di anni fa era una sfida che si svolgeva sui parquet di A1 con in campo Geas e Parma. Bisognerà limitare Zandalasini, è sicuro, le super prestazioni del Geas quest’anno sono sempre passate dal rendimento di questa ragazza classe 1996 ma credo che anche loro abbiano in agenda la necessità di limitare qualcuna delle nostre. Servirà tutto quello che abbiamo, dall’esperienza di Cerretti e Belfiore, al potenziale offensivo di Bindelli, dalla solidità di Principi (che contro il Geas in carriera non ha mai perso ma ha vinto due volte su due partite disputate) all’apporto in crescita di Piermattei ed Algeri, dall’entusiasmo delle due Under17 che avremo in panchina, fino al calore di chi ci seguirà fino a Sesto San Giovanni per godersi una sfida primato in A2 con in campo Genova.”

Niente altro da aggiungere?
Il big-match è servito!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy