A2- Geas, inizio in sordina. Ci pensa Arturi a firmare nella ripresa la vittoria a Biassono

A2- Geas, inizio in sordina. Ci pensa Arturi a firmare nella ripresa la vittoria a Biassono

Commenta per primo!

Sorride a metà il Paddy Power Geas che torna da Biassono con una vittoria, ottenuta però con una prestazione non all’altezza di una capolista impegnata sul campo dell’ultima in classifica. Il risultato, 70-51, non racconta le difficoltà incontrate da un Geas partito male nel punteggio, con un parziale di 15-5 in favore delle padroni di casa, e soprattutto nell’atteggiamento. Cominciare forte, mettere subito in chiaro la differenza tecnica tra i roster, incanalare subito la gara sul binario giusto per non correre rischi e dare minuti a tutte: questo il piano partita alla vigilia, in gran parte non rispettato da una squadra che si è mantenuta per lunghi tratti con una concentrazione media ben al di sotto del livello di guardia.

In ogni caso nessun danno in casa Paddy Power, ma utili spunti di riflessione su una personalità e un giusto cinismo che sono ancora da formare. Sabato andrà in scena la super sfida con Genova, anch’essa vincitrice in questo turno e attualmente capoclassifica al pari del Geas: una sfida da non perdere e assolutamente da affrontare con altro spirito.
La cronaca della partita dice di un Biassono rapido, coraggioso e intraprendente all’inizio, con un primo parziale chiuso sul 15-11, e di un Geas in forte difficoltà nei primi due periodi, con percentuali e ritmo bassi a tarpare le ali di una squadra che, in partite con stimoli minori, pecca a volte, come sostiene coach Bacchini, di presunzione. Poi la svolta, guidata, anzi imposta, dalla capitana Arturi, e i punti che cominciano ad arrivare con una pressione difensiva finalmente degna di questo nome. Sorpasso nel terzo periodo, vantaggio che va sui 10 punti e si dilata nei minuti finali fino ai 19 punti. Tutto come da copione? Niente affatto: “L’unica cosa positiva della serata – commenta coach Bacchini – è che abbiamo dovuto giocare una partita vera e non un’amichevole, cosa che poteva accadere visto il rendimento di Biassono, cui invece vanno grandissimi complimenti. All’inizio le padroni di casa hanno giocato con rapidità, ferocia e grinta, segnando tanti canestri e mettendoci davvero in imbarazzo. Noi abbiamo completamente sbagliato l’approccio alla partita, cosa che spesso capita
nelle gare in cui siamo favoriti: se questa poteva essere una prova di maturità, l’abbiamo fallita. Per fortuna l’esperienza di Arturi ha fatto sì che a un certo punto la nostra capitana si prendesse sulle spalle la squadra e la portasse alla vittoria, ma l’atteggiamento delle altre non è stato quello giusto. C’è davvero poco da salvare e tanto da dimenticare, perché settimana prossima giocheremo una partita difficile e molto importante contro una Genova che, nella sua sfida con Astro Cagliari, non ha brillato ma che ha qualità tecniche e fisiche importanti. Siamo le due capoliste, quindi ci sono le premesse per una bella gara, a patto di scendere in campo con un’altra mentalità rispetto a stasera”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy