A2- Geas quanta sofferenza, ma alla fine arrivano i due punti con l’Astro Cagliari

A2- Geas quanta sofferenza, ma alla fine arrivano i due punti con l’Astro Cagliari

Commenta per primo!

Esordio ok e primi applausi per il Paddy Power Geas che nella prima partita del campionato di A2 batte Astro Cagliari 72-65 conquistando i primi due punti dell’anno grazie a una prova convincente nonostante le tante assenze e contrattempi. Oltre alle lungoconvalescenti Barberis, Kacerik e Picco, coach Bacchini è stato costretto a rinunciare all’ultimo minuto a Cassani, (sospetta frattura allo scafoide) e all’argentina Burani, fermata da problemi burocratici legati al tesseramento (giocherà regolarmente dal prossimo turno). Un Geas deciso e a tratti spettacolare è stato però più forte delle difficoltà, mettendo in campo una prova di maturità e orgoglio da A2, davanti a un pubblico caldo e numeroso. Una piccola, grande impresa considerando le non favorevoli premesse. Difficile indicare, in una partita cosí, una sola protagonista: benissimo Gambarini e Zandalasini, ottima Meroni sotto canestro, attenta ed efficace Beretta, coraggiosa Arturi, costretta a scendere in campo e a giocare ben 32’ in condizioni più che precarie, ma l’arma risolutiva è stata Elisabetta Mazzoleni, capace nell’ultimo periodo di prendersi molte responsabilità in attacco e, con alcune giocate difensive di grande energia, di respingere gli ultimi assalti di una coriacea Cagliari. A convincere è però stata la squadra, parsa decisamente più matura dello scorso anno, nonostante le numerose e importanti assenze.

Al di là del risultato favorevole e delle protagoniste individuali, va sottolineato un autentico record societario, che ha portato ad esordire in A2 praticamente tutta la formazione, a parte Zandalasini e Arturi, comunque a loro volta gioielli del vivaio. Un orgoglio per il club: nessuno in Italia può vantare una simile integrazione fra settore giovanile e prima squadra. Un ulteriore cameo: hanno giostrato insieme sul campo Elisa e Benedetta Bonomi: due sorelle che rinverdiscono le tradizioni rossonere, passate da Mabel e Ambra Bocchi e da Silvia e Cristina Tonelli. Entrambe sono andate a referto e per la più giovane, Benedetta, classe 1997, i primi due punti in carriera in questa categoria impegnativa sono arrivate su
assist della veterana (classe 87) Arturi, in un’azione che ha legato almeno tre generazioni di “made in Geas”.

“Siamo arrivati a questa gara con molte difficoltà – commenta coach Bacchini – ma devo dire che le ragazze hanno risposto benissimo. Ancor più importante è il fatto che in questa gara abbiamo fatto dei passi avanti piuttosto evidenti rispetto alle amichevoli di precampionato, nonostante fossimo contati e privi di giocatrici importanti. Cagliari ci ha dato filo da torcere e la partita non era affatto scontata: sicuramente abbiamo commesso degli errori, ma le cose positive sono sicuramente di più. Come l’anno scorso ci sono stati alti e bassi ma d’altra parte, se escludiamo Zandalasini, il roster di stasera era esattamente lo stesso della passata stagione. Nei momenti positivi abbiamo giocato un bel basket, fatto di ottimi contropiede e buone manovre; in difesa abbiamo fatto tutto sommato bene anche se troppo spesso una giocatrice ha smesso di difendere qualche secondo troppo in fretta, concedendo alle avversarie troppi tiri aperti e facili. Come spesso abbiamo detto, in A2 è difficile rispondere ai parziali, soprattutto per noi che siamo una squadra giovane: stasera abbiamo subito un 12-4 che ha messo a rischio la vittoria ma per fortuna siamo riusciti a venirne fuori. In questo dobbiamo migliorare ma il giudizio complessivo non può che essere molto positivo”.

A confortare maggiormente il coach geassino è una prova di squadra convincente, come dimostrano la distribuzione dei minutaggi e dei punti. “Sono contentissimo di aver visto un gioco corale, organizzato e veloce, come piace a noi dello staff: rispetto alle amichevoli abbiamo giocato decisamente meglio, gestendo bene il pallone con le esterne e a tratti appoggiandoci bene alle lunghe. Tutte hanno una parte importante di merito in questa vittoria, da Gambarini e Zandalasini, che oltre al solito talento hanno aggiunto tanta difesa, a Meroni e Mazzoleni, la prima brava e presente in area e a rimbalzo, la seconda grande leonessa soprattutto nell’ultimo periodo. Le assenze non sembrano averci penalizzato, ma siamo solo alla prima partita e dobbiamo continuare a crescere e migliorare per limare i difetti che inevitabilmente abbiamo”.

Davanti a una bella cornice di pubblico, tra il quale spicca il “quintetto” di indisponibili Barberis, Burani, Cassani, Picco e Kacerik, la prima palla a due della stagione viene vinta da Zandalasini. I primi canestri però sono tutti a firma Cagliari: la pivot slovacca Letkova e l’ala italo-argentina Marcello puniscono le due palle perse dall’attacco geassino, un po’ impacciato nelle prime azioni di gioco. Il primo canestro della stagione arriva grazie a Gambarini, che riscatta due palle perse grazie all’assist di Zandalasini. La giocata si ripete poco dopo, quando l’ala rossonera serve la propria play in transizione per il 4-6. I canestri delle due talentuose geassine sbloccano la squadra: Meroni, una delle più positive in avvio, va a segno dalla lunetta e fornisce a Zandalasini la palla del primo vantaggio Geas (7-6). I canestri galvanizzano la squadra che comincia a correre e a mettere in seria difficoltà le avversarie. Protagonista è ancora Gambarini, che con una decisa penetrazione si issa a quota 6 punti. Astro risponde però colpo su colpo e la fuga non arriva: le ospiti passano anzi in vantaggio grazie alla lucidità di Marcello, che segna la bomba del 13-18 approfittando di una tardiva rotazione della difesa rossonera. Nel finale di quarto però Meroni, assistita da un geniale passaggio di Gambarini, e Zandalasini, che piazza una bomba di pulizia estrema, riportano il punteggio in parità sul 18-18.

A inizio secondo quarto coach Bacchini dà spazio alla panchina, che risponde presente: Mazzoleni e Elisa Bonomi bagnano col canestro il proprio esordio in A2, ma Cagliari non molla la presa e va a segno con Letkova, spina nel fianco per un Geas schierato senza centri di ruolo. Dopo il canestro del 26-23 di Zandalasini arriva il terzo fallo di Meroni, appena rientrata in campo e costretta subito alla panchina. Il Geas si schiera con la zona 3-2 ma Astro trova le giuste vie per punire le rossonere: prima Martellini, con una tripla dall’angolo, poi Cirronis, con un gancione dal centro dell’area, ridanno fiducia alle ospiti, brave a rispondere alle sfuriate delle geassine. Sorpassi e controsorpassi si susseguono rapidamente, con le due squadre brave ad approfittare dei difetti e dei passaggi a vuoto delle avversarie: sul 30-34 a salvare il Geas è Beretta (bravissima con 7 punti), che piazza una gran tripla su assist di Arturi. Subito dopo arriva però il terzo fallo della capitana rossonera: senza di lei Gambarini e Mazzoleni si alternano in regia, dando vita a un miniparziale che consente al Geas di chiudere bene il primo tempo. Zandalasini si porta a quota 13 punti, mentre è Mazzoleni a mandare a segno un elegante palleggio, arresto e tiro a pochi secondi dalla sirena, utile a chiudere il periodo sul 39-36.

Nel terzo periodo il ritmo, altissimo nei primi 20’ di gioco, cala notevolmente, così come lo spettacolo: in 3’ minuti le due squadre segnano solo due canestri, uno per parte, e il punteggio resta sostanzialmente in equilibrio. Il rientro in campo di Zandalasini ridà vita all’attacco rossonero, che piazza il primo parziale importante della serata con quattro protagoniste diverse, ovvero Meroni, Beretta, Zandalasini e Gambarini, che segna in contropiede il canestro del 49-38, per un parziale di 10-0 che spacca la partita. Astro, squadra esperta, non si scompone e risponde con Marcello e con la tripla di Pacilio (49-43). La girandola di cambi decisa da coach Bacchini dà l’effetto sperato: prima Mazzoleni, con una bellissima linea di fondo, poi Benedetta Bonomi, su assist di Arturi in un contropiede 3vs1, bucano la difesa di Cagliari, che riduce lo scarto con l’ultimo canestro del periodo (53-45).

Sul +8 e in sostanziale controllo della gara, il Paddy Power Geas si blocca: le avversarie tornano in campo dopo il miniriposo con molta carica e spingono sull’acceleratore piazzando un controparziale di 6-0 che annulla il grande sforzo del Geas. A mettere in difficoltà l’attacco rossonero è la zona di coach Zedda, che vede le sue effettuare il sorpasso grazie alla mattatrice di serata, Patrizia Marcello (23 punti), che manda a segno il canestro del 53-55. A rispondere, con rabbia, è Mazzoleni, che piazza una gran tripla dall’angolo per il nuovo vantaggio Geas. Meroni torna in campo e si fa subito sentire, sia in attacco che in difesa: la pivot geassina segna il canestro del 58-53, cui fa seguito una gran giocata nel traffico di Gambarini. La tripla di Martellini rimette però tutto in discussione, nonostante un altro bel canestro dal mezzo angolo di Mazzoleni (13 punti a fine gara). A 2’ dalla fine Astro ripassa avanti nel punteggio, ma il Geas c’è e risponde: Meroni cattura un rimbalzo offensivo, trasformato in 2 punti, Gambarini buca la difesa avversaria in penetrazione per il +3 Geas. L’entusiasmo delle geassine e la carica del pubblico spezzano le gambe a Cagliari, che alla fine cede l’ultimo contropiede solitario a Zandalasini, che chiude la gara sul 72-65.

Primi applausi e primi punti per il Paddy Power Geas, che bagna l’esordio con una bella vittoria e una prestazione convincente. Ma il calendario, serrato e durissimo, impone concentrazione e poco tempo per festeggiare: sabato prossimo infatti le rossonere voleranno inSardegna per affrontare, alle ore 18, la Virtus Cagliari, sconfitta di un punto da Genova dopo un overtime nel pomeriggio (69-68).

Paddy Power Geas – Astro Cagliari 72-65 (18-18, 39-36, 53-45)

Geas: Arturi 2, Galli, Meroni 11, Gambarini 14, Mazzoleni 13, Beretta 7, B. Bonomi 2, Giorgi 2, E. Bonomi 2, Zandalasini 19. All: Bacchini

Astro: Cirronis 14, Gravina ne, Pacilio 7, Mura 1, Martellini 6, Marcello 23, Laccorte ne, Concu ne, Letkova 14, Ganga ne. All: Zedda

Fotogallery a cura di Marco Brioschi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy