A2-Ginnastica Triestina: intervista a Francesca Rosellini

A2-Ginnastica Triestina: intervista a Francesca Rosellini

Commenta per primo!

Una “veterana” per la giovane Ginnastica Triestina. Intervista a Francesca Rosellini, che a 23 anni sogna un anno di responsabilità e risultati.

Francesca Rosellini, 23 anni, guardia. Pisana di nascita, la scorsa stagione ha giocato ad Alghero (sempre in A2), da quest’anno è in forza alla Ginnastica Triestina. Dopo i primi allenamenti abbiamo voluto conoscerla meglio e le abbiamo chiesto come si è trovata con le nuove compagne, i motivi che l’hanno spinta a scegliere Trieste e la Ginnastica. Ma anche che cosa ne pensa della città e, infine, siamo entrati più sul personale, chiedendole dei suoi studi, dei suoi interessi, delle sue passioni.

Allora – esordisce Francesca – la prima settimana di allenamenti è stata positiva e forse, per me, anche la più dura dal punto di vista dell’ambientamento. Sono sempre un po’ tesa i primi giorni perché devo conoscere le persone prima di sentirmi a casa. Comunque, posso dire che già dopo qualche allenamento ero più rilassata, grazie alle compagne che mi stanno dando una mano per farmi integrare il più velocemente e nel miglior modo possibile.

Ho scelto Trieste e la Ginnastica – così la giocatrice pisana – perché mi è piaciuto subito il progetto che mi è stato presentato. Il fatto di giocare in una squadra così giovane ed essere per la prima volta una “veterana” mi ha motivata moltissimo. Assumermi delle resposabilità e avere l’occasione di fare un anno da protagonista è quello che avrei sempre voluto. Per questo non vedo l’ora di iniziare. La città è bellissima. Ho girato il centro e mi è piaciuto subito. Amore a prima vista.

Per quanto riguarda la mia vita privata, studio scienze motorie all’Università telematica San Raffaele, facoltà che ho ripreso l’anno scorso dopo due anni di pausa per problemi di frequentazione. Amo i cani, mi destreggio in cucina, sono appassionata di motori, sia macchine e che moto, mi piace guardare partite di basket; maschile o femminile non fa differenza. Sono molto attaccata alla famiglia – conclude Francesca – e per quanto ami il basket, sono nove anni che abito via da casa e ci sono momenti in cui un po’ ne sento la mancanza.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy