A2- Ljubenovic non basta al Selargius, gara 1 va alla Virtus Cagliari

A2- Ljubenovic non basta al Selargius, gara 1 va alla Virtus Cagliari

Cagliari passa sul campo del Selargius.

Commenta per primo!

Iniziano in salita i playout salvezza del San Salvatore Selargius, che cade in gara 1 contro la Virtus Cagliari col punteggio finale di 53-58. Al PalaVienna le giallonere hanno condotto per larghi tratti il match, specie nella prima parte. Ma nelle fasi conclusive una difesa molto aggressiva ha permesso alle biancoblù di conquistare il primo round della serie. Già mercoledì, in via Pessagno, Lussu e compagne avranno una pronta occasione per riscattarsi e conquistare la “bella”.

LA GARA – Clima delle grandi occasioni e palazzetto colmo in ogni ordine di posto già a mezzora dalla palla a due. Staico schiera in quintetto Lussu, Di Gregorio, De Pasquale, Manfrè e Ljubenovic. Montemurro risponde con Ballardini, Masic, Pacilio, Scibelli e Sarni. A partire meglio sono le padrone di casa, che con un canestro in contropiede di Lussu e  una bomba di Ljubenovic si portano sul 5-0. La Virtus si tiene in piedi grazie a Sarni, che trova i primi due canestri dal campo usando la propria fisicità sotto le plance. Ljubenovic, però, continua a brillare, e la tripla realizzata da Di Gregorio permette al San Salvatore di toccare un illusorio +9 (16-7). Montemurro scuote le sue ragazze, che entrano in partita e con un parziale di 7-0 si riportano a contatto. Al primo mini intervallo, però, davanti c’è ancora il San Salvatore (17-16).

Il secondo periodo si apre all’insegna dell’equilibrio, poi la Virtus, con un canestro dall’arco, tenta l’allungo (21-24). Nelle difficoltà, le selargine trovano giocate importanti da capitan Lussu, che segna col fallo riportando subito sotto le compagne. Si va avanti nuovamente punto a punto, poi le ragazze di Staico accelerano in chiusura di tempo approfittando di un antisportivo di Sarni su Di Gregorio e di una bomba di De Pasquale sul possesso aggiuntivo (33-28 al 20′).

Al rientro in campo, le ospiti sono tarantolate in difesa e costringono il San Salvatore a perdere spesso palla per infrazione di 24”. Le giallonere però mantengono la calma e ritrovano il bandolo della matassa in zona offensiva, andando a segno con tre canestri in fila dalla lunga distanza. La Virtus non molla, e la situazione rimane sempre sempre in bilico (+3 San Salvatore al 30′, 46-43).

L’ex Ridolfi è grande protagonista in apertura di ultimo quarto, con cinque punti in fila che permettono alla Virtus di mettere la freccia e sorpassare sul 46-48. Montemurro sfrutta a dovere Sarni, che in attacco trascina le compagne realizzando il canestro del +6 (48-54). Il finale sembra scritto, ma Giorgia Manfrè regala speranza con la tripla del -3. Il San Salvatore ci crede, anche perchè dall’altra parte le biancoblù gettano incredibilmente palla su una rimessa dal fondo. Sul capovolgimento di fronte, però, De Pasquale non riesce a trovare lo spunto giusto a una manciata di secondi dal termine. Quindi Sarni – dalla lunetta – sigilla il successo virtussino sul 53-58.

“La delusione ci sta – commenta a caldo Fabrizio Staico, tecnico del San Salvatore – però questo era solo il primo atto della serie. Non facciamo drammi, cercheremo di mettere a posto quanto non è andato per il verso giusto e andremo al PalaRestivo per pareggiare i conti. Le mie ragazze hanno tutte le potenzialità per farlo. Servirà però un atteggiamento mentale ben diverso rispetto a quello mostrato oggi”.

San Salvatore Selargius-Virtus Cagliari 53-58

San Salvatore: Ljubenovic 20, De Pasquale 8, Lussu 10, Mura ne, Corda ne, Laccorte, Palmas ne, Zizola, Di Gregorio 8, Manfrè 7. Allenatore: Staico

Virtus: Masic 2, Fava ne, Pacilio 4, Mastio, Mura 4, Podda ne, Ballardini 8, Scibelli 15, Formisano ne, Ridolfi 11, Sarni 14. Allenatore: Montemurro

Parziali: 17-16; 33-28; 46-43

Arbitri: Bergami Matteo di San Pietro in Casale (BO) – Culmone Cristina di Bologna (BO)

Agenzia di Stampa Directa Sport e Sardegna Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy