A2 – Ljubenovic sempre più leader di Udine, Costa Masnaga al tappeto

A2 – Ljubenovic sempre più leader di Udine, Costa Masnaga al tappeto

DELSER LBS UDINE 66 – B&P AUTORICAMBI COSTA MASNAGA 62

di La Redazione

La Delser rimane il tabù di Costa Masnaga. Come accaduto durante il girone d’andata (60-64), la Libertas Basket School ha vinto contro la B&P Autoricambi, ormai ex capolista del girone Nord, per 66-62, ritornando al successo dopo due sconfitte consecutive. Le ragazze di coach Francesco Iurlaro, tra le mura amiche del palasport Carnera, hanno disputato una prova di maturità, condita ancora una volta da grande cuore e da una spiccata determinazione corale. Nonostante le difficoltà – una su tutte l’infortunio di Giulia Ianezic, ferma ai box per una distorsione alla caviglia destra – Udine è riuscita a mantenere la concentrazione per tutto il match, recuperando dal -10 di inizio terza frazione (32-42) e rimanendo poi incollata alla gara fino alla fine. Nel finale (in parte simile a quello visto all’andata a Costa Masnaga) l’esperienza di Ljubenovic, la precisione di Rainis e la freddezza in lunetta di Vella hanno permesso alla Delser di firmare l’allungo decisivo per la vittoria. È stata comunque una partita molto equilibrata che per lunghi tratti si è giocata sul classico botta e risposta. Nella prima frazione le padrone di casa hanno spinto sull’acceleratore, trovando anche sette lunghezze di vantaggio con il buzzer beater di Sturma allo scadere del primo quarto (19-12); poi alcuni errori di troppo in attacco hanno concesso alla formazione ospite di trovare canestri facili in contropiede e di impattare sul 26-26. Nonostante la scossa di Rainis dall’arco per il 31-33, sfruttando soprattutto la fisicità della lunga Vente, Baldelli e compagne prima della pausa lunga si sono portate sul 32-38. Nella ripresa, Udine inizialmente ha faticato a riprendere ritmo, poi però, sulla strada aperta da capitan Vicenzotti, si è rifatta sotto fino al 45-48 di fine terzo quarto. Nell’ultimo periodo ad ogni tentativo di fuga di Costa, la Libertas ha risposto per le rime e, appunto, nel finale i cinque punti consecutivi di Ljubenovic hanno portato l’inerzia a favore delle padrone di casa che poi hanno concluso l’opera difendendo bene l’area e concedendo solo due punti alle avversarie. Dunque, un successo più che meritato.

Oltre all’ennesima prova corale della Delser (quattro giocatrici in doppia cifra), c’è da segnalare la prestazione della giovane Erika Bric che, nonostante la differenza fisica con le avversarie di pari ruolo, è risultata un fattore in termini di rimbalzi (5 catturati) e di energia profusa nel pitturato, soprattutto in difesa.

DELSER LBS UDINE 66 – B&P AUTORICAMBI COSTA MASNAGA 62
(19-12; 32-38; 45-48)

UDINE: Bianco 2, Blasigh, Vella 6, Sturma 2, Bric 2, Vicenzotti 13, Rainis 14, Ljubenovic 15, Romano 12. Non entrate: Thiam e Seye. Coach Iurlaro.
COSTA MASNAGA: Frustaci 5, Baldelli 20, Spinelli, Picotti 12, Vente 22, Discacciati, Balossi, Tibè, Longoni 3. Non entrata: Rulli. Coach Pirola.
Arbitri dell’incontro: Cristiano Giusto di Albignasego (PD) e Andrea Vigato di Este (PD).

Resp. Comunicazione – Michela Trott

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy