A2 – Maffenini sugli scudi, Udine cade a Carugate

A2 – Maffenini sugli scudi, Udine cade a Carugate

Carosello Carugate – Delser Crich Udine 59 – 54

di La Redazione

Carosello Carugate – Delser Crich Udine 59 – 54 (17-20, 34-36, 46-43, 59-54)

CAROSELLO CARUGATE: Giulietti 3 (1/3 da 3), Michelini, Diotti* 5 (1/3, 0/6), Molnar* 6 (2/4, 0/1), Possali NE, Maffenini* 18 (3/5, 2/6), Tenderini NE, Gambarini* 9 (4/11 da 2), Fossati, Colombo 7 (1/1, 0/2), Albano* 11 (4/11, 1/4)
Allenatore: Cesari L.
Tiri da 2: 15/36 – Tiri da 3: 4/22 – Tiri Liberi: 17/23 – Rimbalzi: 34 5+29 (Maffenini 9) – Assist: 10 (Diotti 5) – Palle Recuperate: 9 (Maffenini 4) – Palle Perse: 9 (Gambarini 2) – Cinque Falli: Molnar, Albano
DELSER CRICH UDINE: Bianco* 5 (2/2 da 2), Vella* 4 (1/3, 0/2), Ivas NE, Sturma 2 (1/4 da 2), Bric 2 (1/1 da 2), Vicenzotti* 12 (3/7, 1/6), Thiam NE, Rainis* 6 (0/2, 2/5), Ljubenovic* 15 (5/10, 0/3), Seye NE, Romano 8 (3/4, 0/3)
Allenatore: Iurlaro F.
Tiri da 2: 16/33 – Tiri da 3: 3/19 – Tiri Liberi: 13/25 – Rimbalzi: 41 7+34 (Ljubenovic 11) – Assist: 11 (Vicenzotti 3) – Palle Recuperate: 3 (Rainis 1) – Palle Perse: 17 (Vella 9)
Arbitri: Galluzzo D., Lillo D.

Un sabato sera amaro per la Delser. A Carugate il punteggio finale recita 59-54 in favore del Carosello Basket. Per le friulane si è trattato di un match difficile – anche per le rotazioni limitate con cui coach Iurlaro ha dovuto fare i conti a causa degli infortuni e delle condizioni fisiche non ottimali – e controllato dalle udinesi solo all’inizio del secondo quarto. Pur avendo toccato il +11 (21-32), Vicenzotti e compagne non sono riuscite a dare continuità al proprio gioco, subendo facilmente la rimonta delle padrone di casa che poi hanno mantenuto l’inerzia a favore fino alla fine. Negli ultimi due minuti, sul 54-54 alla Libertas è mancato il guizzo giusto per chiudere la contesa a proprio vantaggio.
CRONACA. Partenza flash delle padrone di casa che spinte dalla coppia Gambarini-Albano si ritrovano subito sul +5 (5-0). Udine si affida ai centimetri di Bianco che nel pitturato vince alcuni duelli con le pari ruolo e accorcia le distanze, consegnando poi la palla del sorpasso a capitan Vicenzotti (5-6). Comincia l’equilibrio. A 6’05 si sblocca Maffenini, uno dei principali terminali offensivi di Carugate; dall’altre parte bisogna aspettare ancora qualche minuto prima di vedere a referto Ana Ljubenovic, quasi sempre top scorer tra le udinesi. Le squadre si equivalgono per parecchi minuti tant’è che il primo quarto si chiude con uno scarto di sole tre lunghezze in favore delle friulane (17-20). Nel secondo periodo Vicenzotti si prende la squadra sulle spalle e sigla sei punti di fila; per la formazione di casa ci pensa Gambarini a tenere Carugate a galla (19-26). La difesa a zona richiesta da coach Iurlaro comincia a dare i propri frutti: Udine difende bene il proprio canestro e in fase offensiva inizia ad essere più efficace. A 6’22 la Libertas con il canestro di Romano tocca il massimo vantaggio (21-32), salvo poi concedere spazio a Maffenini che dall’arco non perdona. Carugate prende fiducia azione dopo azione, Udine invece, soprattutto in attacco sembra inceppata. La Delser in sei minuti segna solo quattro punti, permettendo così al Carosello di strappare un break di 8-0 prima della pausa lunga e portare la partita in equilibrio (34-36).

Al rientro si segna poco. Gambarini completa la rimonta e firma il sorpasso (37-36), approfittando del fatto che le ragazze di coach Iurlaro faticano ad arrivare al ferro e anche da sotto misura non riescono a concretizzare le proprie azioni offensive. Udine poi prova ad imbastire una difesa a tutto campo per cercare di riprendere l’inerzia e solo dopo cinque minuti Rainis, dall’angolo, trova il fondo della retina da oltre l’arco (37-39). La situazione però non cambia: la Delser raggiunge il +5 sempre con Rainis ma subisce poi il contro parziale scivolando al 46-43 di fine terzo quarto, su buzzer beater di Giulietti. Le redini del match sono di Carugate anche all’inizio dell’ultima frazione: palle perse e falli non facilitano la vita alle friulane che devono fare i conti anche con le rotazioni limitate e un po’ di stanchezza. Dopo i due punti di Romano (46-45), Maffenini e compagne mandano a referto un break di 7-0 per il nuovo +8 (53-45). Udine non si arrende e grazie all’esperienza di Vicenzotti e Ljubenovic ricuce lo strappo. A due minuti dalla fine è perfetta parità (54-54). Nel finale, però, le udinesi non riescono a dare la zampata decisiva e Carugate porta a casa la vittoria sul 59-54.

Fotogallery a cura di Marco Brioschi

Cesari & Vicenzotti

Uff.Stampa Libertas Basket School

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy