A2 – Magnolia Campobasso in vetta solitaria: superata la Cestistica Spezzina

A2 – Magnolia Campobasso in vetta solitaria: superata la Cestistica Spezzina

Lo scontro diretto va alle molisane che hanno preso il largo nell’ultimo quarto guidate da una super Ciavarella

di Antonello Di Lella

Vola in vetta solitaria la Magnolia Campobasso. Alle molisane lo scontro diretto contro la Cestistica Spezzina arrivata al Pala Vazzieri a punteggio pieno come, d’altronde, le padrone di casa. Il finale fa registrare un netto 67-52 per la Magnolia che non rende a pieno l’andamento del match che è stato avvincente e combattutissimo almeno fino all’ultima frazione in cui le campobassane hanno dilagato infilando la sesta vittoria su sei gare disputate. Un ottimo biglietto da visita recapitato al Bologna in vista dello scontro d’alta quota di sabato prossimo in terra emiliana.

Partenza sprint per il Campobasso con un parziale di 6-0 e un canestro da applausi di Rachele Porcu. Le ospiti si rifanno sotto fino all’8-7, ma prima una tripla di Giulia Ciavarella e, poi, il secondo canestro in sospensione della Porcu ripristinano le distanze; sulla sirena del primo quarto, infine, arriva il centro di Emilia Bove a fissare il parziale sul 21-12.

Partita già chiusa? Neanche per sogno. La Cestistica Spezzina comincia a spingere sull’acceleratore facendo agitare non poco coach Mimmo Sabatelli costretto a chiamare il timeout per riportare un po’ d’ordine sul parquet. Detto fatto. Grazie soprattutto a una seconda frazione di grande sostanza di Sofia Marangoni che ha regalato punti e assist. Si va negli spogliatoi per l’intervallo lungo sul 29-23.

Terza frazione da brividi con la Magnolia che arriva fino a +10, salvo poi farsi rimontare fino al 33-32. Suda freddo il calorosissimo pubblico del Pala Vazzieri con la Cestistica Spezzina che sfiora il sorpasso con Silvia Sarni. A togliere le castagne dal fuoco ci pensa la Ciavarella che decide di salire in cattedra per offrire lezioni da tre punti. Prima la bomba del 36-32 e pugno alzato verso il pubblico che, qualche secondo dopo, alla seconda tripla consecutiva realizzata, si alza in piedi tributandole un coro personalizzato. È il tripudio del 39-32 con cui si chiude la terza frazione.

Negli ultimi dieci giri di lancette, però, le padrone di casa schiantano definitivamente le liguri. Ancora applausi per Porcu che, con un arresto e tiro in sospensione, manda fuori tempo l’avversaria e la palla a scuotere la rete del canestro. Sempre la playmaker di casa protagonista con una freschezza atletica che le consente di insinuarsi più volte nelle maglie della difesa avversaria. Il colpo del definitivo Ko è ancora della Ciavarella, sempre da tre punti, che sul 57-43 manda in archivio la gara. Il resto è pura accademia. C’è ancora tempo per una grandissima stoppata della Marangoni sulla croata Lana Pachovsky.  La playmaker croata, arrivata a Campobasso da top scorer della serie A2, però, è stata contenuta dall’ottima difesa della squadra di Sabatelli. Alla sirena grande festa con pubblico e giocatrici a cantare insieme appassionatamente.

CAMPOBASSO 65: Marangoni 16, Porcu 9, Sammartino, Ciavarella 23, Di Gregorio, Landolfi ne, Želnytė 2, Falbo ne, Bove 15, Mandolesi ne, Reani 2, Smorto. All.: Sabatelli.

CESTISTICA SPEZZINA 52: Packovski 9, Corradino, Templari 14, Tosi 4, Linguaglossa 5, Cadoni 4, Mori ne, Sarni 15, Olajide 1, Gioan ne. All.: Corsolini.

ARBITRI: Di Martino e Napolitano (Napoli).

 NOTE: presente in tribuna il coach dell’Italbasket maschile under 18 Andrea Capobianco.
PARZIALI: 21-12; 8-11; 10-9; 28-20.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy