A2- Marghera resiste fino alla fine, ma cede alla legge della capolista Broni

A2- Marghera resiste fino alla fine, ma cede alla legge della capolista Broni

Commenta per primo!

OMC Cignoli Broni – Rittmeyer Giants Marghera 78 – 73 (29-12, 46-29, 66-55)

OMC CIGNOLI BRONI: Landi A. 11 , Galbiati V. 20 , Pavia E. 19 , Crespi C. NE , Dettori A. , Bratka M. 8 , Vanin G. NE , Savini S. , Zampieri A. 12 , Bonvecchio I. 2 , Soli A. 6 , All. Sacchi Roberto
RITTMEYER GIANTS MARGHERA: Nicolini L. 19 , Chicchisiola C. NE , Mattiuzzo I. 12 , Striulli E. 17 , Zussino G. 8 , Fabris C. 14 , Castria C. 1 , Biancat Marchet I. 2 , Trevisanato G. , Baldi B. , All. Iurlaro Francesco

ARBITRI:Lucia Barbagallo, Chiara Bettini,
NOTE: OMC Cignoli Broni tiri liberi 11/20 (55%), Rittmeyer Giants Marghera tiri liberi 10/15 (66,7%)

BRONI. E’ il quattordicesimo sigillo consecutivo per la OMC, ma domenica sera, a differenza delle altre volte i tifosi del PalaBrera hanno trepidato fino all’ultimo secondo, perché Marghera si è confermata avversario ostico, che sta attraversando un buon momento di forma e merita il quinto posto in classifica. Un successo ottenuto soprattutto con il cuore ed il carattere dalle ragazze di coach ‘Cico’ Sacchi, che hanno dimostrato di essere pronte in qualsiasi situazione. Broni è partita a razzo mettendo a referto 29 punti nei primi 10 minuti, con una Galbiati come sempre determinante: suoi i primi sette punti delle biancoverdi. Intensità in difesa, fluidità in attacco, sotto la solita sapiente regia di Agnese Soli, oramai una certezza per i tifosi sugli spalti che apprezzano le sue verticalizzazioni e la sua circolazione di palla. Dopo un secondo quarto estremamente equilibrato (17-17), ad inizio ripresa la partita si riapre improvvisamente perché Broni non trova più la retina e Marghera difende a tutto campo. Le ragazze di Iurlaro sfruttano la fisicità di Nicolini, poi rimangono in corsa grazie a tre triple di fila (Mattiuzzo chiude con 3 su 5) e il divario di 17 punti si riduce sino al -10. La sfida è riaperta ed i tifosi capiscono che la squadra ha bisogno del loro sostegno, i decibel all’interno del PalaBrera crescono con il passare dei minuti. Mentre sul parquet le due formazioni continuano a rincorrersi, anche se Broni rimane sempre davanti, è ancora una volta Galbiati ad estrarre dal cilindro un paio di giocate che fanno andare in delirio il pubblico. Nel finale Marghera ricorre al fallo sistematico, ma la OMC gestisce palla fino alla sirena. Sabato derby lombardo in trasferta contro il Sanga Milano, attualmente terza forza del campionato.

Fotogallery a cura di Marco Picozzi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy