A2- Mazzoleni show, Torino s’inchina al Geas che resta capolista

A2- Mazzoleni show, Torino s’inchina al Geas che resta capolista

Commenta per primo!

Il Paddy Power Geas fa 4 su 4 e batte anche Torino (65-55) al PalaNat, confermandosi al vertice del girone, condiviso con Genova. Le rossonere di coach Bacchini, dopo il turno di riposo, hanno ribadito le buone impressioni di inizio campionato battendo una delle avversarie piú agguerrite del raggruppamento: partita a lungo condotta dalle geassine, però con una serie di parziali e controparziali che hanno reso il match spettacolare e palpitante perché le piemontesi hanno saputo riemergere ottimamente dai primi due strappi delle padrone di casa. Alla fine a prevalere è stata la maggior lucidità del Geas, lanciato dalla grande prestazione di Mazzoleni, MVP della gara con 17 punti, 6/6 al tiro ma
soprattutto uno strepitoso 5/5 da oltre l’arco dei tre punti. Elisabetta si sta ritagliando un ruolo importante da guardia, col suo ampio assortimento di soluzioni offensive: contropiedista rapida e ottima in difesa, è l’ideale per blitz improvvisi, come quello che ha steso Torino.

In generale buona la prova di tutte le giocatrici di coach Bacchini che a turno hanno offerto lampi decisivi al cospetto di una Torino coraggiosa e intraprendente, cui non è servita ai fini della vittoria una partita da 24 punti e 10 rimbalzi dell’ottima Coen. Le piemontesi, ancorate per quasi tutta la partita ad una zona molto mobile, offrivano un banco di prova dai contenuti tecnici opposti a quello superato nel derby perché sono rapidissime, con le due guardie tascabili Montanaro e Quarta soprattutto, e spingono costantemente contropiede e transizione. Alla lunga le rossonere hanno saputo disinnescare anche questo tipo di gioco.

È quindi un Geas a punteggio pieno e col morale alto quello che esce da questa sfida e che affronterà nel prossimo turno le giovanissime di Biassono, ancora a quota zero. Troppo presto però per lasciarsi andare a facili previsioni, questo il motto di coach Bacchini: “Stasera non abbiamo ripetuto la prestazione impeccabile del derby, ma sono comunque molto soddisfatto: Torino ha preparato molto bene la partita, studiando degli adeguamenti al nostro gioco, cosa che per due quarti ci ha messo molto in difficoltà. Poi, trovate le soluzioni, abbiamo alzato il ritmo e piazzato il parziali decisivo: non è stato facile ma sapevamo che questa era una delle partite con le maggiori insidie in assoluto. Per le nostre caratteristiche, facendo 24 punti in un tempo soffriremmo contro chiunque, a maggior ragione contro una squadra organizzata e di talento come Torino. Ad ogni modo giocare come stasera è positivo, non possiamo e non dobbiamo aspettarci sempre partite come quelle col Sanga. Per il prosieguo dobbiamo restare concentrati, non pensare di essere imbattibili e mantenere la testa sulle spalle: la classifica è eccellente, ma non è il caso di fare calcoli e sperare di arrivare fino in fondo senza lottare e sudare sul campo. So però, anche grazie all’esperienza dello scorso anno, che le ragazze non si faranno ingannare da questo periodo di sole vittorie, abbiamo imparato a non sederci mai e ad affrontare ogni partita come se fosse la prima”.

La cronaca. Si inizia con la decisione di coach Bacchini di schierare Galli in un quintetto molto pesante, con l’ala geassina a premiare subito la scelta del suo coach col primo piazzato del match. Torino parte però forte e in pochi secondi si trova avanti 5-2 grazie alle giocate di Coen e Di Giacomo. Il Geas concede troppi rimbalzi sotto entrambi i tabelloni e fatica a trovare il momento giusto per concludere, fattori che ne imballano notevolmente il gioco. Le individualità risolvono allora i grattacapi di coach Bacchini: prima Burani, con un piazzato dalla media, poi Zandalasini, con un palleggio, arresto e tiro e una bomba in transizione, rilanciano il Geas regalando il vantaggio per 9-5. Il gioco però non decolla e Torino vola anche in contropiede: Coen domina sotto i tabelloni, Montanaro e Di Giacomo spingono sull’acceleratore e le ospiti si trovano a chiudere in vantaggio il primo periodo, grazie a un 12-13 ispirato dalla coppia di play di coach Petrachi.

Nel secondo quarto il parziale di Torino si allunga fino a toccare l’8-0 grazie alla conclusione fortunata di Montanaro e al piazzato dalla media di Caron. Sul 12-17 le geassine reagiscono di rabbia, piazzando a loro volta un importante parziale: Meroni gioca bene in post basso, Mazzoleni manda a segno una tripla, la sua seconda di serata, imitata poco dopo da Arturi e il 9-0 costringe Torino al timeout. Al rientro in campo Burani aggiunge 2 punti al parziale Geas, col punteggio ora fisso sul 23-17. È cosí Di Giacomo a stoppare l’ondata Geas, con un piazzato da dentro l’area. Torino ritrovare coraggio e risponde con veemenza, mandando a segno Coen e Montanaro e riportandosi sul +1 (24-25). Il Geas sbaglia tanto in attacco e lascia spazi enormi in difesa, spazi sfruttati dalle avversarie per chiudere il primo tempo avanti 28-24.

Dopo la pausa lunga, una svolta tecnica: Bacchini schiera il quintetto piccolo con Arturi, Gambarini e Mazzoleni contemporaneamente in campo. Lo schieramento meglio si contrappone alle velocissime avversarie, che possono essere contenute anche dalla difesa a uomo. Ed ecco il parziale che indirizza la partita a favore del Geas. Al rientro in campo Burani (eccellente doppia doppia con 10 punti e 10 rimbalzi) piazza due canestri in fila, il secondo su assist volante di una finora silenziosa Gambarini, Zandalasini manda a segno un’altra tripla, imitata subito dopo da Mazzoleni (3/3 fino ad ora) per il 10-0 Geas. Coen riduce lo svantaggio di Torino, ma Gambarini e un’altra tripla di Mazzoleni ricacciano le ospiti sul 39-30. Coach Petrachi abbassa il quintetto inserendo Di Giacomo e coach Bacchini può a questo punto inserire anche Meroni, protagonista ancora una volta di una buona gara (8 punti e 7 rimbalzi). La mossa è produttiva: Torino non riesce piú a dominare in area e il Geas, con piú varianti di gioco, si sblocca in attacco. C’è spazio per ammirare il talento di Gambarini, che manda a segno una giocata “da campetto” recuperando non si sa come un pallone che sembrava perso e incuneandosi a canestro. Il periodo si chiude cosí 45-38 in favore di un Geas lanciato verso la vittoria.

Nell’ultimo quarto Torino prova a tirar fuori le ultime forze ma si scontra con le triple di Mazzoleni, perfetta da lontano con 5/5, e Arturi. Ottima anche Meroni, che con energia conquista rimbalzi su rimbalzi mandando a segno anche canestri importanti in attacco. Utilissimo il lavoro di Burani che corona lasua partita con una stoppata in un momento topico. Il risultato, nonostante gli sforzi di Montanaro e gli exploit di Coen, non è più in discussione e il vantaggio tocca i 10 punti di vantaggio.

Ora per il Geas si profilano le ultime due partita per chiudere il girone di andata: prima del big match contro Genova, che condivide col Geas il primato a punteggio pieno, c’è la sfida di sabato prossimo contro Biassono, fanalino di coda del campionato.

Paddy Power Geas – Pall. Torino 65-55 (12-13, 24-28, 45-38)

Geas: Arturi 6, Galli 2, Cassani, Meroni 8, Gambarini 6, Mazzoleni 17,
Beretta 3, Giorgi, Burani 10, Zandalasini 13. All: Bacchini
Torino: Di Giacomo 9, Montanaro 14, Quarta 4, Coen 24, Tarsia, Balbo,
Caron, Albano, SaLvini 4, Michelini. All: Petrachi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy