A2 – Palermo torna a ruggire, Salerno espugnata

A2 – Palermo torna a ruggire, Salerno espugnata

Commenta per primo!

Serviva una prova di personalità, dopo la sconfitta con crollo finale contro Ferrara, la Maddalena Vision Palermo l’ha offerta a Salerno: vittoria schiacciante per 41-68.

Buonissimo primo parziale per Palermo che mette subito in chiaro le cose andando avanti 3-7 coi canestri di Manzotti e Bungaite. Quattro punti in fila di Russo danno coraggio a Salerno, ma è più sul pezzo la squadra
ospite con le sue esterne e la lunga lituana, in grande spolvero in attacco.  Il punteggio è di 10-18 dopo il primo periodo per la Maddalena Vision. Le palermitane, che per la trasferta si presentano con una rotazione più corta per i problemi al menisco di Ermito (non utilizzata da coach Musumeci), reggono benissimo anche nella fase successiva del match. Dopo i canestri di De Mitri e Rauti, inizia infatti la fuga della Maddalena Vision: parziale di 0-14 che taglia le gambe alla squadra campana e porta la formazione ospite sul +19 (17-36). Brillano in particolare la campana Elettra Ferretti, letale da dietro l’arco, e la lituana Bungaite, che fa il vuoto nel pitturato. Salerno non segna per oltre 5′, tira molto male (21% all’intervallo) e accusa il colpo: 18-40 per Palermo a metà match.

Dopo l’intervallo la Maddalena Vision si ritrova a dover gestire l’ovvia reazione di Salerno, squadra giovane ma con carattere da vendere: De Mitri e Russo da tre danno coraggio alla squadra di coach Braida, che arriva anche sul -15 (28-43) con altrettanti minuti da giocare. Il gioco è a ritmi elevanti e si tira tanto da fuori: Salerno addirittura prova 30 volte la fortuna da tre, contro le 26 da due, e ben venti tentativi portano la firma di Russo e De Mitri. Che però spesso sparano a salve: non è un terzo quarto brillante quello della Maddalena Vision, che tuttavia trova il modo di riallungare nei minuti precedenti alla sirena con quattro punti di fila di Manzotti e un libero di Costanza Verona. 28-48 a dieci dal termine.

Salerno a quel punto ormai ha dato tutto il possibile, e nell’ultimo quarto la Maddalena Vision può riprendere il filo del discorso: allungo decisivo per le palermitane firmato da tre conclusioni dalla distanza, una di Giulia Manzotti e due di Elena Riccardi. Le ospiti volano sul +26 (33-59) e possono gestire con tranquillità il match nei minuti finali, in cui le avversarie paiono aver abbandonato ogni tentativo di rimettere in piedi la partita. Finisce 41-68, quarta vittoria in campionato per la Maddalena Vision che manda in doppia cifra quattro giocatrici: Bungaite, Ferretti (top scorer con 16), Manzotti e Riccardi, quest’ultima da doppia doppia (10 punti e 12 rimbalzi). Prima trasferta andata, ora fari puntati sulla prossima a Viterbo.

CARPEDIL SALERNO-MADDALENA VISION PALERMO 41-68 (10-20; 18-42; 28-48)

SALERNO: Assentato 6, Sapienza, Rauti 2, Di Donato 1, Costabile, Dentamaro 5, Fabbricini, Costa 4, Russo 11, De Mitri 12.

PALERMO: Riccardi 10, Verona C. 3, Aleo 8, Ferretti 16, Ferrara, Manzotti 12, Verona M. 4, Ermito ne, Bungaitè 15, Tennenini.

Arbitri: Di Martino di Scafati e Belprato di Cercola.

NOTE. Falli fatti: 23-15. Rimbalzi: off 9-6, dif 22-35. Palle rec: 20-17. Tiri da 2: 8/26 (S), 18/31 (P). Tiri da 3: 7/30 (S), 7/19 (P). Liberi: 4/10 (S), 11/17 (P).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy