A2 QF G1 – Ribaltato il fattore campo, Costa espugna Orvieto

A2 QF G1 – Ribaltato il fattore campo, Costa espugna Orvieto

Le ragazze di coach Pirola infliggono a Orvieto la prima sconfitta interna della stagione in gara 1 dei quarti di playoff e si guadagnano l’opportunità di chiudere la serie sul parquet amico.

di Lorenzo Petrangeli

Primo colpo di scena nei playoff di A2 femminile: la B & P Autoricambi Costa Masnaga ha espugnato in gara 1 dei quarti con il netto punteggio di 48-73 il campo della Ceprini Costruzioni Orvieto, che è caduto così per la prima volta in questa stagione sportiva. Grazie a un avvio fulminante e un primo quarto da ben 29 punti, di cui 18 firmati Rulli, la squadra di coach Pirola ha indirizzato in maniera decisa il match, che ha poi gestito nel corso dei quaranta minuti, con Orvieto che è riuscita a reagire con più convinzione solo nel secondo tempo.

Per Orvieto il quintetto iniziale è stato composto da Bonasia, Brunelli, Falanga, Manfrè e Mazionyte, a cui Costa ha risposto con l’ex Baldelli, Longoni, Del Pero, Rulli e Sesnic. Le lombarde sono partite subito fortissimo con un parziale di 0-5 firmato Del Pero e Rulli. Orvieto ha sofferto l’avvio ad alti ritmi delle ospiti, che hanno iniziato a difendere in maniera aggressiva specie negli aiuti sui pick and roll fin dalla palla a due. In questo modo coach Pirola è riuscito a limitare la circolazione delle biancorosse e a impedire ogni soluzione pulita. In attacco Costa è stata infallibile, con altissime percentuali dal campo grazie ai tiri aperti costruiti e con una Rulli inarrestabile, micidiale con il suo tiro piazzato dalla media. Orvieto non è riuscita a reagire all’arrembante inizio delle ospiti, sostenute da un  nutrito gruppo di tifosi venuti dalla Lombardia, e ha subito un pesante parziale, fino al 9-29 con cui si sono conclusi i primi dieci minuti. Da segnalare i diciotto punti messi a segno da Rulli, che avrebbe poi chiuso la partita a quota ventitrè.

La seconda frazione è iniziata sulla falsa riga della prima, con Costa che ha iniziato a pressare a tutto campo e ha causato molte palle perse di Orvieto. La mossa ha pagato i suoi dividendi con un parziale di 10-0 nei primi due minuti, che ha portato le lombarde sopra addirittura di trenta punti. Sul 9-39 Costa coach Romano ha speso il suo ultimo timeout della prima metà di gara. Dopo la sospensione Orvieto ha prodotto una timida reazione con due canestri consecutivi di Manfrè, ma ha continuato a soffrire nella propria metà campo, dove le ospiti hanno continuato a segnare con continuità e a trovare buone soluzioni, specie con tiri aperti dalla lunga distanza. Buono è stato anche l’impatto di Alessandra Visconti, che ha contribuito al 24-47 con cui le due squadre sono rientrate negli spogliatoi.

Al rientro dalla pausa lunga Orvieto ha prodotto una reazione guidata da Bonasia e Mazionyte, ma Costa è stata brava a non calare mentalmente e a rispondere colpo su colpo, senza mai far scendere il divario sotto i venti punti. In questi momenti la partita si è scaldata, con le due squadre che, sempre nei limiti della sportività, non si sono risparmiate e si sono contese senza tirarsi indietro ogni pallone. Dopo i primi minuti appannaggio di Orvieto, che ha iniziato a trovare fluidità in attacco e a aggredire il ferro con le iniziative di Bonasia, Costa ha reagito e si è attestata di nuovo intorno ai trenta punti di vantaggio. Il canestro allo scadere della giovane Colantoni ha segnato il 42-67 con cui le due squadre sono entrate negli ultimi dieci minuti di gioco.

Nel quarto finale Costa ha amministrato il vantaggio ottenuto e ha contenuto i tentativi di rimonta di Orvieto. Entrambi gli allenatori hanno dato spazio a tutte le giocatrici a roster, anche nell’ottica della decisiva gara 2 di giovedì prossimo in terra lombarda. In questo modo la partita si è conclusa per 48-73 per Costa, che al termine della gara si è concessa qualche momento di festa con i numerosi tifosi arrivati dalla Lombardia.

Le due squadre sono ora attese dalla decisiva gara di giovedì 27 aprile in casa di Costa Masnaga, che ha l’opportunità di chiudere l’upset sul proprio campo, dove aveva già battuto Orvieto in stagione regolare dopo un supplementare. Orvieto, che al netto dei grandi meriti di Costa ha risentito dei numerosi infortuni che hanno decimato il roster, su tutti quello di Manzotti, deve ribaltare il fattore campo per riportare la serie al PalaPorano. Si preannuncia una gara infuocata assolutamente da non perdere.

Ceprini Costruzioni Orvieto – B&P Autoricambi Costa Masnaga 48 – 73 (9-29, 24-47, 42-67) CEPRINI COSTRUZIONI ORVIETO: Grilli S. , Falanga M. , Mazionyte G. 15 , Bonasia V. 15 , Gaglio A. 3 , Colantoni G. 2 , Egwho A. , Manfre’ G. 7 , Brunelli G. 6 , Presta C. , All. Romano Massimo.

B&P AUTORICAMBI COSTA MASNAGA: Longoni M. 10 , Meroni L. , Rulli G. 23 , Tagliabue L. NE , Del Pero B. 8 , Baldelli V. 5 , Misto’ F. 3 , Visconti A. 11 , Sesnic D. 4 , Tibe’ A. 6 , Maiorano M. 3 , All. Pirola Gabriele

ARBITRI:Cristina Maria Culmone, Giulia Caravita.

NOTE: Ceprini Costruzioni Orvieto tiri liberi 14/16 (87,5%), B&P Autoricambi Costa Masnaga tiri liberi 19/24 (79,2%).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy