A2- Seconda vittoria consecutiva per Albino, espugnata Marghera

A2- Seconda vittoria consecutiva per Albino, espugnata Marghera

Commenta per primo!
Rittmeyer Giants MargheraFassi Albino6169 (11-13, 28-24, 45-54)
RITTMEYER GIANTS MARGHERA: Nicolini L. 2 , Chicchisiola C. 1 , Mattiuzzo I. 8 , Striulli E. 6 , Zussino G. 17 , Fabris C. 19 , Cecili G. 8 , Trevisanato G. , Stangherlin M. , Baldi B. , All. Iurlaro Francesco
FASSI ALBINO: Celeri I. , Birolini M. NE , Locatelli M. 1 , Fumagalli L. 28 , Silva E. 10 , Panseri A. NE , Devincenzi S. 5 , Lussana C. 9 , Marulli S. 5 , Carrara A. 11 , All. Pasqua Michele
ARBITRI:Valeria Lanciotti, Alice Fratalocchi,
NOTE:  Rittmeyer Giants Marghera tiri liberi 17/26 (65,4%), Fassi Albino tiri liberi 18/28 (64,3%)
Si tinge di luce biancorossa il faro di Porto Marghera, la nave “vittoria” è salpata con a bordo le fantastiche ragazze del Fassi Edelweiss Albino ed il suo timoniere Michele Pasqua… sono le 19.48 di una domenica invernale di metà gennaio, da altre parti è arrivata la neve, al PalaStefani invece ci ha pensato la mano infuocata di Laura Fumagalli alias Fumabomber a riscaldare il clima ed i cuori dei supporter seriani: 28 punti con 9/15 al tiro e 8/12 ai liberi, 7 falli subiti, 8 rimbalzi, 3 palle recuperate e 1 assist in 38 minuti di gioco a suggellare il TRENTACINQUE di valutazione totale!

Sembra la celebrazione di una prestazione monstre, in realtà alla sirena finale di “mostruosa” c’è solo l’esultanza davanti alla panchina: le “Stelle Alpine” strette in un lunghissimo abbraccio con la consapevolezza di aver dato veramente il massimo che il match e la situazione a dir poco complicata potessero concedere. Sui loro visi tanta fatica celata dietro una soddisfazione e felicità che, permetteteci, quest’anno non avevamo ancora colto…

Lo sa bene coach “Mike”, alla sua prima stagione sulla panchina seriana, che con soddisfazione si confessa al nostro taccuino: “torniamo a casa da Marghera con due punti importantissimi per la classifica, perché vengono in un periodo reso difficile dagli infortuni e soprattutto perché è il cuore che l’ha resa possibile. Il cuore che dopo un primo tempo complesso ci ha fatto iniziare in modo travolgente il terzo quarto” – ed aggiunge – “adesso con altrettanto cuore vogliamo affrontare la prossima partita contro Bolzano!”

Eh già, lo spirito del gruppo ha reso possibile questa piccola impresa ma soprattutto l’atteggiamento delle due leader che hanno guidato dalla terza frazione in poi l’Edelweiss con un carattere e voglia di vincere innati: delirio di onnipotenza cestistica nel 10-0 firmato Laura Fumagalli nei primi minuti dopo il rientro dall’intervallo lungo, immensa nonostante la febbre “the Lion Queen” Elisa Silva che ha ruggito dentro l’area catturando qualsiasi carambola le capitasse in zona (11 rimbalzi alla fine).

La chiave di volta la coglie però ancora il coach biancorosso: “è stato importante che ogni giocatrice abbia dato il suo contributo ma soprattutto la lucidità con cui abbiamo saputo affrontare i tentativi di rientrare delle avversarie” – e conclude –“abbiamo saputo aprire il campo per attaccare 1vs1, subire falli e tirare (segnando…) fondamentali tiri liberi”.

Onore delle armi alla coppia Zussino-Fabris che le ha provate veramente tutte per rompere le uova nel paniere seriano, proprio l’esperta pivot ad un certo punto sembrava potesse diventare un enigma irrisolvibile per la nostra retroguardia ma una volta di più capitan Locatelli e compagne hanno alzato il fortino trovando le contromisure adatte così come successo per una spenta ed imprecisa Striulli.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy