A2 – Selargius rischia un sacco a Orvieto ma vince nel finale con Cicic e Arioli

A2 – Selargius rischia un sacco a Orvieto ma vince nel finale con Cicic e Arioli

Terzo successo in fila per il San Salvatore Selargius, che torna vittorioso anche dalla trasferta di Orvieto.

di La Redazione

Terzo successo in fila per il San Salvatore Selargius, che torna vittorioso anche dalla trasferta di Orvieto e prosegue il suo percorso netto nel 2019. Le giallonere hanno dovuto faticare per arginare l’intraprendenza delle giovani umbre, ma alla fine – grazie anche ai 22 punti di un’ottima Arioli – sono riuscite a ottenere altri due punti che fanno ben sperare in ottica playoff.

LA GARA – Le giallonere giocano con buona sicurezza in avvio, con Brunetti che suona la carica per il break iniziale di 5-0. Il tecnico di casa chiede subito il timeout, ma la storia non cambia e il San Salvatore si spinge fino alla doppia cifra di vantaggio. A lungo andare le padrone si svegliano dal torpore e con la tripla mandata a segno da De Cassan accorciano fino al -3. I canestri di Cicic, però, ricacciano indietro le umbre (12-18 alla prima sirena).

L’approccio al secondo quarto del San Salvatore non è dei migliori, e l’Azzurra ne approfitta per mettere in piedi un parziale di 12-2 che la porta in vantaggio sul 24-22. Le selargine impattano subito con un canestro di Pinna, poi lottano punto a punto. Negli ultimi due minuti del primo tempo le ragazze di Staico – con Brunetti ancora sugli scudi – riescono a scavare un nuovo solco di 8 lunghezze, ma la bomba allo scadere di Meroni permette a Orvieto di tornare negli spogliatoi con fiducia nonostante il -5 (30-35).

Al rientro in campo Orvieto è determinata a ricucire il gap e piazza subito un parziale di 7-0 che la porta avanti (37-35). Con due canestri consecutivi di Manfrè il San Salvatore si tiene in scia, ma poi rischia di crollare quando Ceccanti manda a referto il canestro del +9 (51-42). Guidato da Arioli e Brunetti, il San Salvatore riesce a rosicchiare qualche punticino prima dell’ultimo mini-intervallo (53-47).

Ancora Arioli nei primi possessi del primo periodo regala alle sue il -2 (53-51). Orvieto cerca di respingere gli assalti gialloneri con la tripla di Meroni, ma Cicic, sempre dai 6,75 m, trova la parità a 56. A tre minuti dal termine la formazione di casa tocca di nuovo il +4 con il libero trasformato da De Cassan. Il San Salvatore però non ci sta e firma il sorpasso con Cicic. Nel concitato finale le umbre accusano l’aggressività difensiva di Lussu e compagne, mentre nell’altra metà campo Arioli si dimostra fredda dalla lunetta e sigilla il successo sul 64-68.

“Nei primi cinque minuti di gara abbiamo giocato molto bene – commenta coach Staico – poi a causa di alcune distrazioni e di un calo fisico abbiamo concesso a Orvieto di rientrare in partita. L’approccio al secondo tempo non è stato dei migliori, ma la squadra è rimasta sul pezzo e nel finale è riuscita a chiuderla grazie a una serie di buone difese. Sono soddisfatto, perché date le condizioni di emergenza sotto il profilo degli infortuni, non era facile battere una squadra che aveva vinto le ultime due gare casalinghe”.

Azzurra Orvieto-San Salvatore Selargius 64-68

Orvieto: Coffau 7, Meroni 12, De Cassan 15, Zovko 12, Grilli 3, Corbani ne, Cantone, Basili ne, Presta 2, Ceccanti 11, Avenia ne, Bambini 2. Allenatore: Sogli

San Salvatore: Cicic 15, Arioli 22, Gagliano 9, Brunetti 12, Lussu 2, Melis ne, Pinna 2, Loddo ne, Manfrè 6, Stoichkova ne. Allenatore: Staico

Parziali: 12-18; 30-35; 53-47

Arbitri: Posti e Silvestri

Agenzia Directa Sport

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy