A2- Tra Albino e Marghera vincono le polemiche, in una serie di errori “arbitrali”

A2- Tra Albino e Marghera vincono le polemiche, in una serie di errori “arbitrali”

Finisce come peggio non poteva la partita tra Albino e Marghera, con le bergamasche che non festeggiano mentre Marghera è tutta schierata contro la coppia arbitrale per far valere le loro, giustissime, ragioni. Succede tutto nel quarto periodo, dopo che i primi tre quarti avevano regalato equilibrio in campo e un’ottima prova delle ospiti, che erano riuscite a mettere in seria difficoltà le padrone di casa. L’episodio che terrà polemiche nelle prossime ore e giornate è quello che accade a cinque minuti dal termine. Come testimonia il video (CLICCA QUI PER VEDERLO), Marghera è sotto 49-48 (1’47’15” nel video). A questo punto Fabris conquista due tiri liberi realizzandoli entrambi, scrivendo il 49-50. Sul tabellone di gioco però viene assegnato un misterioso 53-50 (1’48’39” nel video) A 1’48’43” cambia nuovamente il punteggio, diventando 53-46 per Albino. Qui iniziano le proteste in panchina di Marghera che si accorge dell’errore sul tabellone e cerca di capire cosa stia succedendo. Dopo due azioni, il gioco si ferma (1’50’00”) e inizia una discussione tra ufficiali di campo, allenatori e i due arbitri. Lo stesso commentatore delle padrone di casa a 1’50’ e 27” dice chiaramente “49-50 per Marghera”, a conferma che gli stessi giornalisti locali siano consapevoli del vantaggio delle venete. Lo stesso si ripete poco dopo (1’51’20” nel video), quando ai due punti di Bedalov segue con “Marghera a meno uno”.  A 1’52’ 14” Marghera prova nuovamente tramite il proprio staff a chiedere spiegazioni, ma il punteggio non cambierà. Gli ultimi 4’30” verranno infatti giocati a partire dal 55-46 per le padrone di casa. Marghera riaccorcia il punteggio, ma alla fine sul tabellone finisce con un 66-60 finale. Da notare a 2’05’38” che coach Iurlaro chiede alla propria playmaker di congelare il pallone nonostante il tabellone indichi meno sei, questo perchè gli ospiti sembrano convinti delle proprie ragioni. Nello scout finale, consegnato alle due squadre, il punteggio è però quello “corretto” di 62-64, ovvero con i quattro punti di differenza regolarmente attribuiti a Marghera e non ad Albino. Si apprende però che dopo vari colloqui gli arbitri abbiano “omologato” un misterioso 64-62 in favore di Albino. Marghera ha presentato ricorso nel post partita e, video alla mano, le ragioni sono tutte dalla parte della squadra veneta. A parziale discolpa di Albino va detto che probabilmente l’atteggiamento sarebbe stato differente negli ultimi cinque minuti di gioco partendo da meno uno e non più nove. La speranza è che alla fine possa valere il buon senso nel far rigiocare la gara da capo: probabilmente sarebbe la scelta migliore in mezzo a troppi pasticci che hanno penalizzato non solo la squadra ospite, ma anche un finale di gara che avrebbe avuto sicuramente emozioni differenti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy