A2 – Un Geas strepitoso domina la Magika. Domenica match point per l’A1

A2 – Un Geas strepitoso domina la Magika. Domenica match point per l’A1

Il Geas che non ti aspetti passa a Castel San Pietro Terme con una maturità che ultimamente sembrava svanita. La delusione del primato smarrito ad Ariano sembra ormai cosa passata e in gara 1 la formazione di Zanotti ha regolato le padrone di casa in modo davvero convincente. Lo ha fatto trascinata da due protagoniste: la prima, Federica Tognalini, con una doppia doppia da 15 punti e 13 rimbalzi a far da contorno a due primi quarti perfetti. Stessi punti, ma determinante nella seconda parte di gara, per Gambarini: è lei di fatto che ha trascinato al successo le lombarde, cacciando indietro i tentativi di rimonta di Ballardini (22 punti) e compagne. Una Magika incapace di ripetere le belle prestazioni della Poule Promozione e chiamata ora all’impresa Domenica prossima, quando sarà con le spalle al muro per tenere viva la speranza del salto in A1. Il Geas invece si gode i meritati applausi dopo una partita del genere, consapevole che ora l’occasione è di quelle ghiotte e davanti al proprio pubblico può scrivere il finale più bello in una stagione da incorniciare.

MAGIKA-Vespignani- Mariella Santucci-Martina Santucci- Ballardini-Brunetti

GEAS-Arturi-Kacerik-Mazzoleni-Barberis-Laterza

GEAS MERAVIGLIA, E’ GIA’ FUGA-Servono oltre due minuti per sbloccare il punteggio, con Brunetti autrice del 2-0. Tognalini risponde con quattro punti di fila, ma il 2+1 di Ballardini tiene avanti le padrone di casa. L’inizio è però tutto di Federica Tognalini: sono due giochi da tre punti della numero sei a esaltare le ospiti, che piazzano il primo allungo sul 8-12, con la lunga già in doppia cifra personale. Si sblocca Laterza dalla lunetta, mentre Ballardini continua a predericare nel deserto, con la sua tripla che riavvicina la formazione di Seletti. Il finale è però tutto di Arturi, che con due piazzati regala il più otto alla prima sirena (11-19). Si segna meno nella ripreso, la Magika ci prova con Capucci ma l’inerzia è tutta per le rossonere che con Barberis e il canestro e libero supplementare di Arturi, allungano fino al più undici sul 13-24. La solita Ballardini colpisce dall’arco, ma la sinfonia del Geas è di quelle vicino alla perfezione: ancora Barberis a segno, poi Kacerik carica la squadra prima con una gran stoppata poi trovando un gioco da tre punti per il 16-28. Nel momento migliore però la stessa Kacerik è costretta a tornare in panchina per una botta alla caviglia e con lei anche Laterza, già a quota tre falli. La compagine di Cinzia Zanotti non si scompone e con Barberis, tocca i venti punti di scarto (17-37). Vespignani limita i danni, ma il dominio delle lombarde nei primi due quarti è impressionante e a metà gara è 21-37 sul tabellone.

GAMBARINI RISPONDE A BALLARDINI, GEAS 1-0- Il terzo periodo ricomincia con gli attacchi opachi del Geas, mentre le bolognesi piazzano quattro punti in un amen che portano Zanotti al timeout immediato. Le ospiti iniziano a sentire la pressione, ai tanti errori segue il tecnico sanzionato a Gambarini, che permette a Vespignani di timbrare il meno dieci in lunetta (27-37). A interrompere il digiuno di Sesto è Gambarini dopo oltre cinque minuti della ripresa, ma Vespignani risponde con la stessa moneta. E’ ancora Gambarini a prendersi sulle spalle la propria squadra, con due canestri che valgono nuovamente dodici punti di scarto sul 31-43. Le bolognesi però continuano a rosicchiare e con Ballardini on fire offensivamente e la zona difensiva, la squadra di Seletti torna a contatto sul 37-44. Gli ultimi giri di lancetta sono però a favore delle lombarde, che riscappano sul finire di quarto volando fino al 37-49. Arturi da una parte e Ballardini dall’altra danno il via agli ultimi dieci minuti di gioco. La partita s’infiamma, Mazzoleni dall’arco sceglie il momento migliore per sbloccare il proprio tabellino realizzando il più quattordici. La posta in palio inizia a farsi sentire e con essa aumentano anche gli errori sul parquet, col gioco che diventa più spezzettato. La Magika si avvicina fino al meno undici ma prima Gambarini e poi Arturi dalla lunetta, mettono la parola fine sull’incontro. L’ultimo giro di lancette serve solo per definire il punteggio finale di 50 a 65.

MVP BASKETINSIDE.COM: Gambarini

MAGIKA BASKET – GEAS 50 65 (11-19, 21-37, 37-49) 

MAGIKA-ALFAGOMMA CASTEL SAN PIETRO: Vespignani S. 5 (1/2, 0/3), Bardasi A. , Capucci C. 2 (1/3), Ballardini S. 22 (1/3, 4/8), Santucci M. , Franceschelli F. 4 (0/2, 1/2), Schieppati V. , Matic I. 3 (1/5), Vitari A. , Brunetti F. 8 (4/6), Pazzaglia K. , Santucci M. 6 (2/9, 0/4), All. Seletti Paolo

PADDY POWER S.S.GIOVANNI: Bonomi B. NE , Arturi G. 13 (4/4, 0/3), Tognalini F. 15 (3/5, 2/2), Kacerik M. 5 (1/3), Galli F. NE , Picco C. NE , Gambarini F. 15 (7/9), Mazzoleni E. 3 (0/1, 1/2), Beretta A. , Barberis B. 12 (3/8, 1/2), Laterza M. 2 (0/1), Giorgi G. (0/1), All. Zanotti Cinzia

ARBITRI:Marco Barbiero, Laura Russo,
NOTE: uscite per 5 falli Santucci Mariella, Laterza Maria Magika-Alfagomma Castel San Pietro tiri da due 10/30 (33,3%), tiri da tre 5/17 (29,4%), tiri liberi 15/27 (55,6%), rimbalzi dif. 21, off 5, palle perse 28, rec. 31. Paddy Power S.S.Giovanni tiri da due 17/28 (60,7%), tiri da tre 5/13 (38,5%), tiri liberi 16/28 (57,1%), rimbalzi dif. 34, off 6, palle perse 32, rec. 29.

Fotogallery a cura di Valerio Lelli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy