A2Nord: Milano non riesce a impattare. San Martino corsara, è serie A!

A2Nord: Milano non riesce a impattare. San Martino corsara, è serie A!

Commenta per primo!

Lops Arredi Milano-Fila San Martino 56-62

SANGA MILANO: Pastorino 2 (0/2), Gottardi 16 (5/10, 0/2), Stabile 4 (1/4, 0/6), Pulvirenti ne, Falcone ne, Lepri 4 (2/4), Zanon 20 (8/19), Frantini 4 (2/4, 0/4), Montuori ne, Calastri 6 (3/10). All. Pinotti (tl 14/16).

BASKET SAN MARTINO: Costacurta ne, Pegoraro 3 (1/2), Granzotto 3 (1/1 da tre), Cattapan 3 (1/2, 1/7), Stoppa 6 (3/3, 0/2), Aleotti 12 (3/3, 2/7), Sandri 9 (3/5), Jagodic 16 (4/8, 2/2), Morao ne, Sbrissa 8 (3/6). All. Abignente (tl 8/13).
ARBITRI: Gaudino di Nocera Inferiore (SA) e Capozziello di Brindisi.
PARZIALI: 18-21, 32-31, 47-47.
NOTE: Nessuna uscita per 5 falli. Tiri da due: Milano 21/53, San Martino 18/29. Tiri da tre: Milano 0/12, San Martino 6/19. Rimbalzi: Milano 41 (20+21), San Martino 29 (24+5). Valutazione totale: Milano 62, San Martino 78.

Le Lupe sono in A1!!! In gara2 di finale play off San Martino si impone 62-56 a Milano, al termine di una partita tiratissima come lo era stata gara1. Ma alla fine è arrivato un altro successo meritato, e a fine gara può esplodere la gioia dei protagonisti e dei tifosi venuti a sostenerli.

Il primo canestro di gara2 arriva dopo quasi 2′, con un contropiede di Stoppa in seguito a un bel furto di Sandri. Replica immediatamente Aleotti, mentre dall’altra parte è Gottardi a inventarsi il canestro che rompe il ghiaccio. È con la tripla dall’angolo della stessa Aleotti che San Martino prova subito il primo mini-allungo (4-9 al 4′), anche se la risposta della padrone di casa è immediata. Allora si scalda Jagodic con 5 punti consecutivi, e poi il movimento sotto canestro di Sbrissa vale il massimo vantaggio sul +8 (8-16 all’8′), e costringe coach Pinotti al time-out. Al rientro Zanon si mette al lavoro, firmando 8 punti negli ultimi 3′ della frazione. Dall’altra parte arriva la bomba anche per Cattapan, e poi il taglio a ricciolo di Sbrissa vale il 14-21. Ma nel finale di quarto la brutta gestione di un paio di palloni permette a Milano di chiudere la prima frazione sul -3, oltre a mandare su tutte le furie coach Abignente.

In avvio di seconda frazione Gottardi firma il -1 dall’angolo, ma Granzotto risponde immediatamente con una bomba importantissima. Poi sul 22-24 il Sanga spreca più di un’occasione per pareggiare o portarsi in vantaggio, anche se Gottardi dalla lunetta riesce comunque a impattare al 15′, sul 26-26. Poi è Stabile a firmare il primo vantaggio milanese dell’intero incontro, ma sull’altro lato del campo Aleotti con una tripla rimette subito le cose a posto. Stesso copione poco dopo, Gottardi realizza in contropiede ma ancora l’ottima Aleotti (10 punti nel primo tempo) replica con l’arresto e tiro dal post alto. Il primo tempo tuttavia si chiude con il rimbalzo offensivo e il canestro di Lepri proprio sulla sirena, e all’intervallo Milano è avanti di un’incollatura.

Al rientro in campo Pegoraro dai cinque metri si iscrive subito a referto, e poi il 2/2 di Sandri vale il +3, e per poco non ci scappava il gioco da tre punti. Che arriva comunque con la tripla di Jagodic poco dopo, per il 34-38. Ora le Lupe sono in palla, e con un bel gioco da tre punti di Sbrissa e il contropiede di Cattapan si è di nuovo a +9 (36-45 al 25′). Dall’altra parte invece Milano sembra accusare un po’ di stanchezza, ma il gioco da tre punti di Zanon le ridà improvvisamente energia. E così, con qualche palla persa di troppo da parte del Fila e i canestri ravvicinati di Lepri e Zanon, il Sanga impatta sul 45-45 a 2′ dalla fine del terzo quarto, con un break di 9-0. Sbrissa e Pegoraro fanno solo 2/4 ai liberi, mentre è più precisa dall’altra parte Stabile, che pareggia ancora sul 47-47 prima dell’ultima pausa.

Si apre l’ultima frazione, e subito Gottardi va a segnare in contropiede, ma Jagodic risponde da sotto. Milano però ha l’inerzia dalla sua, e ancora con Zanon va a firmare il suo massimo vantaggio sul 49-53. È un furto di Pegoraro con contropiede ad Aleotti a permettere a San Martino di tornare a segnare dal campo dopo quasi 10′ di errori (52-53 al 35′). Dall’altra parte arriva il fallo in attacco per Calastri, e poi è Stoppa da sotto a riportare avanti il Fila sul 54-53, quando mancano 5′ alla fine. Jagodic trova un gran canestro in avvicinamento, ma Zanon dall’altra parte va col canestro con fallo, anche se sbaglia il libero (56-55 a 3′ dalla fine). Stoppa intanto si è ritrovata, e dall’angolo firma il 58-55, solo perché un piede è sulla linea al momento del tiro. Gottardi invece butta due palloni alle ortiche, e Sandri la punisce con il canestro del 55-60 quando si entra negli ultimi 2′. E poi anche Jagodic da centro area non fallisce, e quando manca poco più di 1′ le Lupe sono a +7, e i tifosi sono già in piedi e trattengono a stento le emozioni. Nella frenesia di recuperare, Milano commette più di un’infrazione di passi, e i secondi scorrono inesorabili. Finisce 56-62, il Basket San Martino è in Serie A1 per la prima volta nella sua storia!

Fotogallery completa a cura dei nostri inviati

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy