A2Sud: La Spezia, buona la prima. Battipaglia sconfitta in gara uno di finale

A2Sud: La Spezia, buona la prima. Battipaglia sconfitta in gara uno di finale

Commenta per primo!

VIRTUS ELITE LA SPEZIA – MINIBASKET BATTIPAGLIA 65 – 57 (13-21, 32-31, 47-43.)

MINIBASKET BATTIPAGLIA: Di Battista 7, Orazzo 3, Di Cunzolo ne, Granieri 14, Riccardi 11, De Pasquale 2, Treffers 11, Paffi ne, Chiarella ne, Ramò 9.
Coach: Riga.

VIRTUS ELITE LA SPEZIA: Filippi 16, Favento 13, Montanaro 5, Accini 9, Canova, Quarta, Contestabile 4, Laterza 14, Gentile 2, Mugliarisi 2.
Coach: Barbiero.

NOTE: La Spezia: t2 22/48; t3 5/16; tl 6/10. Battipaglia: t2 18/38; t3 4/12; tl 9/13. Rimbalzi: La Spezia 31. Battipaglia: 39.

LA SPEZIA – Tutto fila liscio come l’olio. La Virtus non ha sbagliato un colpo in questi playoff e con la vittoria in gara 1, contro il Minibasket Battipaglia, è ora a un passo dalla promozione in serie A1. Il pubblico è quello delle grandi occasioni e il sostegno e il calore trasmesso è stato infinito. Finisce 65 a 57 per le spezzine, il primo incontro della serie di finale. A fare la differenza oltre alla qualità e alla quantità di gioco della squadra di coach Barbiero è stata senz’altro la grinta, la determinazione e la voglia di conquistare questo vantaggio.

L’inizio non è dei migliori. La partita è molto contratta e le bianco azzurre sbagliano diversi tiri sotto canestro lasciando troppo spazio alle avversarie che indirizzano quasi fin da subito il quarto in loro favore. Nonostante infatti il vantaggio iniziale, grazie ai canestri di Favento e Laterza, la squadra di coach Riga conduce la partita, mettendo anche a segno ben due tiri da 3 e chiude i primi dieci minuti sopra di 8. Si riprende a giocare e anche se per quasi tutto il secondo quarto la Virtus è ancora sotto, si percepisce che qualcosa sta cambiando. La reazione infatti c’è ed è quella giusta e l’atteso sorpasso arriva proprio poco prima della pausa lunga quando Filippi indovina un tiro che vale 3 punti. Al termine del secondo quarto il tabellone segna 32 a 31.
Nonostante non si abbia mai la sensazione di aver chiuso la partita, perché effettivamente il punteggio è sempre a rischio, la ripresa è tutta spezzina. La squadra mette in campo qualità e determinazione e mantiene il vantaggio praticamente per tutta la terza fase chiudendo per 47 a 43. Sono però gli ultimi dieci minuti quelli decisivi. Si gioca punto a punto e Battipaglia passa addirittura avanti facendo tremare i presenti. Ma la Virtus non ci sta e riesce a trovare lo spunto per portarsi avanti e per allungare le distanze. Filippi, Accini e Gentile protagoniste assolute e decisive negli ultimi quattro minuti. Battipaglia sembra accusare un po’ la stanchezza e più i minuti passano, meno sembra crederci. Al suono della sirena finale sul tabellone risplende il punteggio di 65 a 57 e il palamariotti esplode all’unisono in un grido di gioia.

“Gara 1 è sempre delicata perché ti giochi il vantaggio – commenta coach Loris Barbiero – noi lo abbiamo mantenuto ed è già una gran cosa. La squadra non ha fatto altro che dimostrare e mettere in pratica il lavoro svolto durante l’anno. Anche nei momenti difficili non è mai mancata la capacità di reagire. E questo rientra nello stile della nostra pallacanestro!
Ora loro sono sicuramente più sotto pressione di noi, perché la gara due diventa decisiva per il Battipaglia: o dentro o fuori. Noi cercheremo come sempre di imporre il nostro gioco e ce la metteremo tutta per raggiungere il traguardo”.

Tanta soddisfazione viene espressa anche da Lorenzo Brunetto, il patron della Virtus: “La partenza non è stata delle migliori, – dichiara, – la squadra era contratta ma questo rientra un po’ nel gioco della Virtus, infatti le ragazze sono rimaste tranquille. Ci accade spesso di non partire subito con il piede giusto ma poi viene fuori il vero valore della squadra. Ci siamo ricomposti e sul finale abbiamo dimostrato di avere più energie di loro, più determinazione, più qualità. È come se avessimo avuto un quarto in più di loro. I miei complimenti più sinceri sono rivolti a tutti, ma in particolar modo ad Accini che ha dato prova di avere carattere e grinta da vendere. Grande cuore, grande gruppo e grande coach”.

Adesso il sogno è davvero a portata di mano, basta afferrarlo! Giovedì alle 20 gara due al Pala Zauli di Battipaglia, per assistere alla gara che potrebbe metter fine a questa lotta!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy