Ancona si salva, College Italia, Alcamo e Ragusa a Gara 3

Ancona si salva, College Italia, Alcamo e Ragusa a Gara 3

E’ Ancona la prima squadra che può festeggiare. Le ragazze di coach Piccionne devono sudare quarantacinque minuti per festeggiare una meritata salvezza, che vede le doriche vincitrici di 8 partite nelle ultime 11. Una gara vibrante ed emozionante, decisa solo negli ultimi minuti di gioco quando Rende, nonostante i tanti errori dalla lunetta , aveva in pugno la partita. Le ospiti però impattano a quota 48, l’ultimo tiro è per la squadra di Lopez e qui succede di tutto. L’arbitro fischia passi, mentre la stessa Paparo manda a bersaglio il proprio tiro. Canestro non valido. Il pubblico sugli spalti esplode, la partita si fa nervosa ma ad averne le peggiori conseguenze è proprio Rende. Le calabresi nell’overtime non  riescono più a segnare, le marchigiane ne approfittano e con Aragonese e Servadio dilagano chiudendo con sedici lunghezze di margine. E’invece tutto più facile per il College Italia che liquida Firenze senza troppi problemi e in modo inatteso, sovvertendo così tutti i pronostici. Chi si aspettava un Fotoamatore caparbio e tenace, si è ritrovato invece una squadra presa letteralmente a schiaffi dalla grinta messa in campo dalle romane. Una partita a senso unico, con la squadra di Stella Campobasso che concretizza al meglio l’ottimo avvio che vede il 10 a 0 iniziale nel segno di Francesca Dotto, recuperata dopo l’assenza di gara 1 e subito protagonista. Nel terzo periodo di gioco il margine si fa sempre più ampio, la squadra di casa tocca anche i quindici punti di margine grazie ai canestri dell’altra Dotto, regalandosi così un ultimo quarto privo di timori e riportando la serie in parità prima di gara 3 in toscana. Vanno alla bella anche Alcamo e Battipaglia, con le campane brave a sfruttare al meglio il fattore campo. Un gara in perenne equilibrio, poi la Ciplast prova a scappare via nel secondo quarto quando trascinata da Manzini sigla un parziale di 8-0 che porta Battipaglia a condurre sul 33 a 25. La risposta di Alcamo arriva nella ripresa quando Fassina realizza il meno tre prima del meno uno di Mandache, nonostante Manzini continui a trovare la via del canestro con estrema facilità. Nell’ultimo periodo Zanardi e Chesta premono sull’acceleratore trascinando la Ciplast fino al più otto, ma la solita Mandache riapre i conti con la tripla del meno quattro. Inizia così la girandola di tiri liberi, dove la squadra di Sabatino si dimostra impeccabile riuscendo così a chiudere i conti. Senza problemi invece la vittoria di Chieti, con la squadra di Caboni che rispetta i pronostici e passa anche a La Spezia in modo agevole. Un’importante vittoria che permette così alle abruzzesi di accedere alle semifinale e preparare al meglio le final four di Coppa Italia che si disputeranno proprio nella città di Chieti Mercoledì e Giovedì prossimo. Priva ancora una volta di Gorla, la squadra di Agresti non da mai l’impressione di riuscire ad opporre una valida resistenza. Trascinata dall’ottima Georgieva e ben supportata da Gatti, il Cus chiude i conti già nella prima parte di gara quando le teatine hanno toccato anche venticinque punti di margine. Le liguri si svegliano però nell’ultimo quarto quando tornano a sole cinque lunghezze di distanza, prima che le ospiti infliggano l’ennesimo break di 11 a 0 che manda i titoli di coda. Senza problemi anche il colpo esterno di La Spezia, che chiude i conti contro Viterbo, che in gara due ha dovuto fare a meno di Baiocco per un problema al tendine accusato durante la prima partita. Non basta l’ottima prova di Rejchova in casa laziale, con la ceca che chiude con 22 punti e 11 rimbalzi all’attivo. Dopo i primi dieci minuti in sostanziale equilibrio, nel secondo quarto le spezzine trovano l’allungo grazie a Costa e Sarti, portandosi avanti di ben dieci punti (14-26 al 16°). La squadra di casa prova a rifarsi sotto, Boi si carica la squadra sulle spalle e ben supportata da Rejchova e Bonafede, riporta le laziali fino al -4 (42-46). E’ qui che le ragazze di Scanzani piazzano l’affondo decisivo, grazie ad un ottimo ultimo periodo di Sarti e Mariani. La parola fine la mette invece Eglite, che mette la sua prima tripla di serata nel momento più importante. Chiude infine la bella vittoria di Ragusa, con le siciliane che riportano così la serie con Orvieto sull’1-1. Passalacqua subito scatenata in avvio con un 10 a 2 che mette subito alle corde la Ceprini, costretta a richiamare Tripalo in panca a causa dei due falli nei primi cinque minuti. Le ospiti intanto continuano a condurre, Laffi e Yordanova provano a colmare il margine  ma nella terza frazione Buzzanca e Georgieva trascinano le siciliane fino al massimo vantaggio di quindici lunghezze. E’ il colpo di grazie, la squadra di casa non riesce più ad avvicinarsi è gara 3 deciderà chi potrà entrare in semifinale.

Mvp Basketinside.com girone Sud: Camilla Servadio (Ancona Basket)

PLAY OFF

Battipaglia- Alcamo : 77-70 (1-1)
La Spezia – Chieti: 50-63 (0-2)
Viterbo – Termocarispe La Spezia: 55-66 (0-2)
Orvieto- Passalacqua Ragusa: 61-72 (1-1)

PLAY OUT

Rende -Ancona: 48-64 (0-2)
College Italia- Firenze: 73-47· (1-1)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy