Broni, coach Sacchi: grande prova delle ragazze all’esordio in A1

Broni, coach Sacchi: grande prova delle ragazze all’esordio in A1

“Avevamo bisogno di una prestazione così, per cominciare al meglio la stagione” dichiara ai nostri microfoni il coach delle lombarde.

Commenta per primo!

È stata sicuramente la sorpresa della’Opening Day, con la vittoria su Napoli, che è costata la panchina a coach Ricchini: Broni, è senza dubbio la prima favola che ci racconta questa nuova stagione agonistica. Presentata dal fragore dei propri tifosi, che sono entrati nel PalaTagliate di Lucca intonando cori e sventolando bandiere, tanto da distogliere l’attenzione dei presenti dal match in svolgimento tra San Martino ed Umbertide, la compagine di coach Sacchi ha dimostrato in campo di avere qualità ed entusiasmo degni della massima serie e di una tifoseria davvero unica.

Broni comincia così come aveva terminato la scorsa regular season in A2, imbattuta nelle ventisei giornate di campionato, mettendo i primi due punti della stagione in cascina.

Se penso a dove ci troviamo in questo momento”, dichiara ai nostri microfoni coach Roberto Sacchi, “per noi è davvero una favola. Nella nostra storia abbiamo trascorso venticinque anni tra A2 e B, e la possibilità di giocare questo campionato è una vetrina preziosa che dobbiamo assolutamente onorare con il massimo dell’impegn.”.

Sull’analisi del match contro le partenopee: “Dovevamo provare a fare bene, dovevamo provare a vincere l’incontro e questo è quello che tenteremo sempre di fare Siamo stati bravi a sfruttare le difficoltà di Napoli, che ha dovuto giocare senza Gray. Anche noi, però, siamo arrivati a questa partita senza Pavia, che è indisponibile da venti giorni, e in corso d’opera abbiamo dovuto fare a meno di Bratka, che all’inizio del terzo quarto è uscita per un infortunio e non è più rientrata. Avere due giocatrici in meno è difficile perché siamo già corti così, ma le mie ragazze hanno un cuore che non finisce mai, davvero immenso. Non per nulla oggi siamo qui dopo quanto fatto lo scorso campionato. È un risultato che ci dà tanto coraggio e tanta sicurezza, oltre che la consapevolezza nei nostri mezzi: avevamo bisogno di una prestazione così per cominciare nel migliore dei modi la stagione”.

Quando gli si fa notare come nel gioco si veda chiaramente la mano dell’allenatore, evita qualsiasi celebrazione e dà il merito alle proprie ragazze: “Sono loro le attrici della partita, sono loro che scendono in campo e danno tutto il possibile per portare a casa il risultato. Io cerco di fare del mio meglio e le sprono a dare tutto quel che hanno”.

Domenica prossima Broni sarà di scena a Ragusa, ma a chi intona cori inneggianti al primo posto in classifica ricorda: “Il nostro obiettivo è e resta la salvezza, non dobbiamo mai dimenticarlo. Siamo al primo anno di A1 e non può essere diversamente. Andremo in Sicilia a giocarcela come sempre e ad onorare l’avversario e la partita, ma l’unico obiettivo per il quale dobbiamo lavorare è la salvezza”.

Non mancano parole di apprezzamento e gratitudine per i supporters biancoverdi che hanno invaso un intero settore del PalaTagliate: “Questi tifosi sono spettacolari, con loro tutto diventa più semplice perché ci danno una carica ed un’energia unica. Noi abbiamo il dovere di dare sempre tutto in campo sia per loro, che per la nostra società”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy