Coach Iurlaro, il tifoso Pesarese che sta guidando la favola Borgotaro

Coach Iurlaro, il tifoso Pesarese che sta guidando la favola Borgotaro

 La storia di coach Iurlaro nasce infatti nella stagione 2008-2009, quando al suo primo anno da Head Coach proprio a Borgotaro, regala alla squadra di Parma un’insperata promozione in a2 vincendo 2-0 la finale contro Valmadrera. La scorsa stagione, da neo promossa, la squadra di Iurlaro chiude addirittura all’ottavo posto prima di uscire agli ottavi contro Cervia, condannata solo dalla differenza canestri tra andata e ritorno. Quest’anno un’altra stagione al di sopra di ogni aspettativa, con il settimo posto in campionato e un colpo esterno nel fortino del Carnera di Udine in gara 1, che regala così il primo match ball per accedere in semifinale. Noi l’abbiamo contattato a poche ore da gara 2, chiedendogli le sue impressioni su questi playoff.

Coach, parliamo subito di gara uno. Un primo tempo di marca friulana, con Borgotaro capace di rimanere a contatto prima di un ottimo secondo tempo, finito però con la beffa della tripla di Vincenzotti.

“ Siamo partiti a rilento, sbagliando tiri molto semplici da sotto. Poi con qualche recupero in difesa siamo entrati in partita anche in attacco.  Abbiamo avuto sin da subito problemi di falli con Iemmi, che è il nostro faro in attacco. Alla fine dei tempi regolamentari abbiamo subito la tripla di Vicenzotti evitabilissima, ma io avrei dovuto chiedere di fare fallo…”

Ha anticipato senza saperlo la nostra domanda. Sull’ultima azione, scelta sua di far difendere oppure aveva chiesto di far fallo e non siete riusciti a commetterlo?

“Col senno di poi avremmo dovuto fare fallo, ma nella mia testa andava bene anche far segnare loro un canestro da 2 facile perché mancavano pochi secondi e invece per una distrazione abbiamo preso la tripla quasi allo scadere”.

Una partita fisica, che ha visto tanti falli commessi. Quanto può aver pesato in una partita così importante la vostra maggior precisione dalla lunetta? 

“Esatto una partita molto fisica, la nostra precisione ai liberi è stata la chiave della vittoria”.

Guardando le altre partite, un parere sugli altri incontri ?

” Di solito sui pronostici non ci becco mai! Direi Bologna 2 a 0, e le altre a gara 3.  Sulla nostra per scaramanzia non mi esprimo”.

Tornando in casa Roby Profumi, anche a Udine Fritz si è dimostrata la leader di un gruppo che sta scrivendo una favola stupenda. Un commento alla prestazione di Judit e sulla sua stagione fino ad ora.

“Judit sta disputando un buon campionato, oltre al suo apporto in attacco io sono molto contento per quello che ci da in difesa con rimbalzi e recuperi.  E’ una ragazza che si allenerebbe anche di notte e vuole migliorare ”.

Oltre a lei, anche Catellani ha disputato un’ottima gara soprattutto nell’overtime, quando ha di fatto dato il via al vostro break.

“Cate ha disputato una partita super, è stato un vero punto di riferimento sotto le plance e anche lei è stata molto precisa ai liberi.”

Ora arriva gara 2, un nuovo capitolo da scrivere pur tenendo conto della fame di vittoria con cui arriverà la Desler.

“Sarà un’altra battaglia… La pressione però sarà sempre dalla loro parte, perché per loro in caso di sconfitta non ci sarà domani. Noi giochiamo davanti al nostro pubblico e non vogliamo di certo tornare ad Udine”.

Il probabile recupero di Dreimane in casa friulana, porterà a cambiare qualcosa nella preparazione della vostra squadra ?

“Dreimane è molto importante per loro e dovremo stare molti attenti al suo tiro e al suo agonismo”.

Per concludere, se ti chiedessimo di fare un nome nella tua squadra e un nome nelle avversarie, chi indicheresti come protagoniste di gara 2?

“Sono scaramantico, preferisco non rispondere.  Invito tutti a venire al palasport questa sera”.

Coach la ringraziamo per il tempo concesso , facendole l’in bocca al lupo per  gara 2.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy