EuroLeague: il Beretta Famila Schio si arrende al Fenerbahce

EuroLeague: il Beretta Famila Schio si arrende al Fenerbahce

Le turche, padrone di casa, si impongono con il risultato di 77-64

Commenta per primo!

Il Beretta Famila Schio perde in casa della temibilissima formazione del Fenerbahce per 77-64, dopo aver lottato contro Lavender e compagne, che sotto canestro hanno avuto la meglio, complice anche l’assenza di Yacoubou. Prestazione a corrente alterna quella delle scledensi, che hanno alternato momenti di ottimo gioco a pericolose amnesie, soprattutto in difesa.

CRONACA DELLA PARTITA

Per Schio scendono subito in campo Martinez, Anderson, Zandalasini, Macchi e Ress, mentre Fenerbahce risponde con Vardarli, Lavender, Gruda, Quigley e Stricklen.

Partenza sprint delle padrone di casa che dopo pochi secondi si portano subito sul 5-0: Macchi prova a spezzare il ritmo con un meraviglioso canestro in avvitamento, ma la furia turca non si arresta, e grazie ai canestri di Quigley e Lavender il risultato va sull’11-2 dopo tre giri di orologio. I canestri di Anderson e Martinez sono un piccolo break prima del ritorno di Quickley che porta per la prima volta in doppia cifra il vantaggio del Fenerbahce: 16-6. Jolene Anderson sfodera il pezzo forte della casa, il tiro da tre, riducendo parzialmente il divario, ma è la numero 30 in maglia gialla a colpire ancora dalla media distanza. Si abbassano i ritmi indiavolati dei primi minuti e c’è tempo per i canestri di Zandalasini e Macchi, prima che il quarto si chiuda sul 25-13.

Coach Mendez, che non aveva fatto cambi per tutta la prima frazione di gioco, manda contemporaneamente in campo Sottana, Masciadri e Miyem, facendo accomodare in panchina Ress, Anderson e Zandalasini. Il secondo quarto riparte sullo stesso canovaccio del primo, con Quigley e Ural che incrementano il vantaggio per le padrone di casa. Ci pensa Giorgia Sottana a tenere a galla le orange, con un piccolo break di quattro punti, frutto della trasformazione di un tiro libero e di una tripla. Entrano Bestagno e Tagliamento, ed è proprio la brindisina una delle più attive tra le scledensi: prima infatti fa centro dalla linea dei 6,75 e poi appoggia da sotto dopo una penetrazione lungo la linea di fondo. Nel mezzo il canestro di Masciadri, che con l’arresto e tiro dal pitturato di Macchi decretano il miglior momento del Famila nel primo tempo. Il divario torna a soli nove punti, 39-28, ma prima Gruda dalla lunetta, e poi Lavender dalla media distanza, riportano il vantaggio sopra la doppia cifra. Prima della sirena c’è tempo ancora per il canestro di Sottana, che fissa il punteggio sul 45-32.

Le squadre rientrano in campo dall’intervallo lungo, e la formazione ospite sembra quella più tonica dopo il riposo: Sottana segna due canestri nel primo minuto di gioco e con la tripla di Anderson, intervallata dal canestro di Gruda, il punteggio si porta sul 47-39. Ma le turche sfoderano un break di 10-0, con otto punti di Lavender e due di Quigley, che scuote il ritmo della partita: Masciadri riesce ad interrompere la striscia negativa e con il canestro di Macchi, si va all’ultimo riposo breve sul 60-44 con un buzzer beater di Cora.

Al rientro in campo è ancora la numero 3 in maglia Fenerbahce ad andare a segno, prima trasformando entrambi i liberi per un fallo subìto da Sottana, e poi con un tiro dal limite del pitturato: il punteggio va sul 64-44, con le padrone di casa in vantaggio di ben 20 punti. E proprio quando ci si può attendere il crollo di Schio, le ragazze di coach Mendez infilano ben nove punti consecutivi, senza neanche subirne uno, grazie al canestro di Macchi, alla tripla di Marzia Tagliamento e a Miyem, che prima viene imbeccata splendidamente dall’assist in penetrazione della numero 8 e poi si dimostra reattiva su un passaggio battuto terra di Capitan Masciadri. La panchina del Fenerbahce chiama time out ma al rientro è ancora la francese ad andare a segno, portando il punteggio sul 64-55. Le orange però pagano lo sforzo degli ultimi minuti e le padrone di casa tornano prepotentemente in vantaggio con Gruda e Cora. La partita si indirizza ormai su binari ben definiti e le transizioni iniziano ad essere più lente. Le veterane Macchi e Masciadri provano ancora una volta una reazione, ma i 2/2 dalla lunetta di Lavender e Quigley tolgono ogni speranza al Famila. L’ultimo canestro è una bellissima tripla di Masciadri, che fissa il punteggio finale sul 77-64.

Il Beretta Famila Schio rimedia una sconfitta su uno dei campi più difficili d’Europa, dimostrando in più fasi di riuscire a mettere in difficoltà anche una corazzata come Fenerbahce, infarcita di centri di peso, nonostante l’assenza sotto plance di Isabelle Yacoubou. Prossimo appuntamento in EuroLeague giovedì prossimo, ancora in trasferta, questa volta a Gyor, in una sfida che potrebbe risultare decisiva nella prosecuzione del cammino europeo delle campionesse d’Italia in carica.

Fenerbahce – Beretta Famila Schio 77-64 (25-13/45-32/60-44)

Fenerbahce: Bilgic 3, Cora 10, Korkmaz n.e., Gulcan n.e., Vardarli 7, Verameyenka 7, Canitez, Lavender 14, Gruda 17, Quigley 14, Ural 2, Stricklen 3.

Beretta Famila Schio: Martinez 3, Bestagno, Gatti n.e., Miyem 10, Tagliamento 8, Anderson 8, Masciadri 9, Zandalasini 2, Sottana 10, Ress, Macchi 14.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy