Finale A1 G2- Zandalasini schianta Ragusa, 2-0 Schio

Finale A1 G2- Zandalasini schianta Ragusa, 2-0 Schio

Ragusa lotta ma nulla può contro il talento della numero 15 azzurra, 19 punti per lei e vittoria 63-58 per Schio

di Andrea Fabbian

Famila Wuber Schio-Passalacqua Ragusa: 63-58 ( 16-17 15-13 12-18 20-10)

Famila Wuber Schio: Yacoubou* 10, Gatti, Tagliamento NE, Anderson*7, Masciadri 6, Hruscakova* 6, Zandalasini* 19, Ress 5, Dotto* 4, Macchi 6.

Passalacqua Ragusa: Consolini* , Gorini, Valerio NE , Spreafico 5, Formica, Miccoli, Soli* 4, Bongiorno NE, Hamby* 22, Kuster* 11, Ndour* 16.

Schio vince in rimonta gara 2 e mette una mini ipoteca sullo scudetto: Ragusa vende cara la pelle e spaventa a lungo le padrone di casa, alla fine però il talento delle padrone di casa è emerso e la differenza l’ha fatta una straordinaria Cecilia Zandalasini da 19 punti, buona prova anche per Anderson che cattura 11 rimbalzi. Per Ragusa il grande cuore non basta e nemmeno una Hamby da 22 punti.

Il primo quarto è all’insegna dell’equlibrio: il primo canestro è della solita Hamby ma prima Anderson e poi Zandalasini da tre rispondono presente. Ragusa prova a impostare la gara sulla corsa e su attacchi nei primi secondi dell’azione e a metà frazione il punteggio è pari a quota 9. Per le siciliane impatto positivo delle straniere con Hamby che crea numerose difficoltà in post e Ndour che strappa diversi rimbalzi in attacco; per Schio a segno Yacoubou e Hruscakova, che viene ancora preferita a Miyem. Negli ultimi minuti di gioco Dearica Hamby inizia a diventare un fattore per Ragusa e, battendo agilmente sia Ress che Hruscakova, segna da sola un parziale di 6-0 per le ospiti; proprio la slovacca di Schio riaccende la luce prima dell’ultimo canestro di Ragusa firmato Soli. Nell’ultimo minuto di gioco Schio si scuote e torna a contatto con un parziale di 5-0 firmato da Macchi, Zandalasini e Dotto.

La seconda frazione è ancora combattuta, Schio si aggrappa a Zandalasini che segna 5 punti in due minuti ma la Passalacqua non molla grazie ad Hamby e alla prima tripla di serata per Spreafico. Raffaella Masciadri però non sta a guardare e risponde dalla distanza, Ragusa continua ad essere reattiva a rimbalzo e da due di questi arrivano altri 4 punti di Ndour. Nella seconda parte di frazione Ragusa segna solo dalla lunetta con Hamby che fa 4/4 sfruttando la serata no in difesa di Yacoubou; per Schio c’è un canestro di Anderson ma soprattutto un momento magico per la rientrante Kathrin Ress. La numero 22 di Schio infatti segna 5 punti in poco più di un minuto, prima in appoggio da sotto e poi convertendo un gioco da tre punti ottenuto subendo fallo su un piazzato da Alessandra Formica; Recupido capisce il momento di difficoltà e ferma la partita, riuscendo a limitare i danni fino a fine quarto.

Il terzo quarto è il momento di massima difficoltà per il Famila: Recupido si becca un tecnico in apertura ma Ndour è un cecchino e fino a metà frazione segna solo lei con due triple e un canestro da due, sfruttando la poca propensione di Hruscakova ad uscire dall’area in difesa; Schio rimane aggrappata alla partita con i caestri di Hruscakova e Anderson e con i liberi di Zandalasini. Nella seconda parte della frazione  Schio trova solo due punti dalla lunetta di Yacobou ed è letteralmente in balia di Ragusa che scrive un parziale di 10-2 con 4 punti di Kuster e 4 di Hamby, a dare un po’ di ossigeno a Schio ci pensa ancora la capitana Masciadri che a pochi secondi dall’ultimo riposo trova 3 punti pesantissimi per Schio segnando dalla sua mattonella dall’angolo.

L’ultima frazione è al cardiopalma: Ragusa comincia subito 4-0 con le solite note Kuster e Hamby e Vincent decide di fermare la partita, in uscita dal timeout Schio inizia la rimonta con un parziale di 6-0 firmato da Zandalasini dalla lunetta e da un canestro a testa di Macchi e Dotto; Ndour però non è ancora doma e segna i due punti della speranza per Ragusa. Negli ultimi quattro minuti di gioco si risolleva Yacoubou che segna 4 punti da sotto riscattando una serata opaca, oltre alla francese però c’è anche una Cecilia Zandalasini formato extralusso che prima è abile a procurarsi e trasformare gli ennesimi liberi della serata poi a segnare una tripla importantissima per Schio. Recupido prova il timeout della disperazione ma Ragusa ormai non ne ha più e il canestro di Hamby serve solo a rendere meno amaro il finale a tinte orange con i canestri di Yacoubou e Macchi e con il libero a tempo scaduto di Dotto.

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy