Grande Reyer, schiaccia Wasserburg e si qualifica ai Sedicesimi di Eurocup

Grande Reyer, schiaccia Wasserburg e si qualifica ai Sedicesimi di Eurocup

Commenta per primo!

UMANA REYER 80-61 TSV 1880 WASSERBURG (Parziali: 26-20; 36-30; 60-41)

Umana Reyer Venezia: Carangelo 5, Christmas 11, Pan 5, Bagnara 9, Sandri, Formica 2, Ruzickova 22 , Dotto 11, Cubaj 3, Fontenette 12
TSV 1880 Wasserburg: Peddy 8, Hindrakova, De Kleijn 10, Pavel 9, Raincock 7, Thoresen 3, Wagner , Sten, Brunckhorst 10, Lucet 10

Totali di squadra:
Umana Reyer Venezia: tiri da 2 21/45, tiri da 3 8/16, t.l. 14/18, rimb. dif. 29, rimb. off. 10, p.p. 13, p.r. 5, assist 20
TSV 1880 Wasserburg: tiri da 2 15/38, tiri da 3 5/17, t.l. 15/20, rimb. dif. 22, rimb. off. 13, p.p. 18, p.r. 7, assist 10

Grande spettacolo al Palasport Taliercio e basket di altissima qualità tra l’Umana Reyer e Wasserburg. Le lagunari riescono nell’impresa e passano al secondo turno aggiudicandosi meritatamente l’incontro grazie ad un’intensa prestazione corale che ha letteralmente entusiasmato i presenti.
Iniziano nel migliore dei modi le veneziane con la tripla di Carangelo. Brunckorst risponde immediatamente e De Klejin con un’azione da 3 punti firma il primo vantaggio tedesco (4-5 a-7,29). Anche Fontenette colpisce dall’arco ma Lucet dalla linea della carità ristabilisce la parità assoluta (7-7 a-6,57). Difesa “dura” del Wasserburg che torna sopra con De Klejn. L’Umana ribatte colpo su colpo senza farsi intimidire e con Carangelo e Ruzickova effettua un nuovo sorpasso (11-9 a-4,28. Brunckorst impatta ma le veneziane sono pronte ad un break che puntualmente si realizza con il centro ceco, Fontenette e Christmas (17-11 a-2,42). La bionda “cinque” orogranata viene imbeccata alla perfezione da Christmas per il +8 a-1,55. La supremazia dell’Umana si concretizza con lo sky hook di Formica che firma il vantaggio in doppia cifra (21-11 a-1,15). La giovane Cubaj difende alla morte sull’avversaria diretta e recupera alcuni palloni importanti. In chiusura di quarto Wasserburg ritrova il canestro dopo una lunga astinenza con Raincock e chiude sul 21 a 13.
Il secondo periodo si apre con Caterina Dotto a bersaglio in una delle sue classiche penetrazioni con arresto e tiro. Le tedesche trovano comunque la forza per reagire e in un battito di ciglia vanificano gli sforzi delle veneziane riportandosi sotto con un parziale di 5 a 0 sottoscritto da Lucet e Peddy.
La bomba di Dotto sembra rimettere le cose a posto ma Wasserburg ha ancora molta “birra” in corpo e De Klein e Raincock fanno valere la loro atleticità sotto canestro riportando i propri colori sul -4 (26 a 22 a -5,50).
Il time out di coach Liberalotto è tempestivo e serve a far rifiatare le sue ragazze che rientrano sul parquet con rinnovata foga.
Al “numero” di Fontenette seguono 4 punti vitali per le tedesche messi a segno da Pavel che riporta le compagne ad un possesso (28-26 a-2,57). Ruzickova è precisa ai liberi e subito dopo sfrutta al meglio il passaggio smarcante di Carangelo ricacciando indietro le avversarie. La frazione si chiude con il canestro in scivolamento di Cubaj che ferma il tabellone sul 36 a 30.
Esce di un nulla la bomba di Christmas ma è il preludio del volo orogranata che sfrutta il braccio “armato” di Bagnara per dilatare il vantaggio. E’ il momento migliore dell’Umana che abbina efficacia in attacco ad una pressione difensiva che disorienta le avversarie.
Le tedesche segnano solo dalla linea della carità e non sono nemmeno precisissime. Sulla sponda veneziana si assiste ad uno show di tutte le ragazze in campo ed a poco serve il minuto chiamato da coach Eichler. Il parziale di 17 a 2 annichilisce Wasserburg che segna su azione solamente dopo sette minuti con Bruckhorst. Il divario raggiunge il “ventello” e per ben due volte Fontenette si esibisce nelle sue accelerazioni brucianti trovando dopo uno slalom a tutto campo il fondo della retina. In chiusura Wagner mette dai 6,75 tre punti che tengono acceso un lume di speranza.
Gli ultimi 10’ si aprono con un’altra tripla di Thoresen e l’intensità delle bavaresi viene concretizzata in attacco da Peddy che si mette in bella evidenza con quattro punti consecutivi.
Pan e De Klejin ingaggiano dalla lunga un duello appassionante ma Wasserburg sembra ritrovare improvvisamente la sua forza in attacco riducendo lo svantaggio (68-56 a -4,02).
Ruzickova, questa sera in grande spolvero (saranno 22 punti e 12 rimbalzi al termine), inventa un semigancio che tiene distanti le avversarie e Christmas, nonostante una prestazione meno “stellare” rispetto al solito, è implacabile ai tiri liberi ed esprime un energia senza limiti nonostante la marcatura asfissiante cui viene sottoposta. Wasserburg capisce di non poter più recuperare e le stoppate di Pan e Cubaj fanno scorrere i titoli di coda su una gara avvincente in ogni sua fase. Il sigillo finale è di capitan Bagnara che insacca la sua terza bomba e chiude definitivamente il conto.
Un cenno va speso per il pubblico di fede reyerina che ha incitato a gran voce le ragazze ed un plauso va anche ai tifosi bavaresi accorsi numerosi per sostenere le loro beniamine e che a fine match hanno tributato alla loro squadra grandi festeggiamenti riconoscendo l’impegno profuso.
Per conoscere la prossima avversaria, sarà necessario attendere i risultati degli altri gironi e delle gare che verranno disputate domani.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy