Lucca tradita dalle proprie esterne, Wambe è micidiale e firma il 2-0 per Schio

Lucca tradita dalle proprie esterne, Wambe è micidiale e firma il 2-0 per Schio

Finisce tra le polemiche di coach Diamanti, che ai microfoni di RaiSport fa fatica a contenere l’amarezza per l’arbitraggio subito dalla sua squadra. La replica di Lasi non si fa attendere, con il coach di Schio che ribadisce che il suo collega non ha motivi per lamentarsi e farebbe meglio a pensare alle sceneggiate di alcune sue giocatrici. Insomma, benzina gettata su gara tre. Il campo alla fine dice che Schio è avanti 2-0, grazie a una gara due praticamente condotta dall’inizio alla fine. La Gesam, come in gara uno, insegue spesso e volentieri, salvo avere una reazione d’orgoglio nella terza frazione quando Rucickova ha provato a spingere le proprie compagne alla rimonta, prima di arrendersi a una quarta frazione in cui Schio ha alzato i ritmi costringendo Lucca a soli quattro punti realizzati. Sugli scudi Wambe tra le locali, che ha chiuso con 14 punti e ben 27 di valutazione. Per le ospiti bene Ruzickova e Johnson, ma ancora una volta è Bagnara a incappare nella serata negativa e se insieme a lei mancano anche Dotto e Gianolla (tutte e tre con valutazione negativa), è difficile pensare a come si possa riaprire la serie. Ora sembra ormai tutto deciso, con la Famila che tra 48h avrà il primo match ball.

Lucca: Gianolla-Bagnara-Andrade-Johnson-Ruzickova
Schio: Wambe-Masciadri-Macchi-Godin-Lavender

LUCCA HA UN ALTRO VOLTO, WAMBE SUBITO PROTAGONISTA- Sono di Lavender i primi due punti della serata. La replica di Lucca porta due azioni vincenti consecutive di Ruzickova, ma è ancora Masciadri dai 6.75 a rimettere avanti la propria squadra. Si continua così con un inizio equilibrato: Andrade e Bagnara s’iscrivono a referto, ma è ancora Lavender a far male sul fronte offensivo riportando avanti le orange. Mini break nel segno di Wambe, ma la tripla di Gianolla vale nuovamente un solo punto di scarto (14-13), prima dell’ennesimo controsorpasso firmato da Johnson, brava a recuperare due rimbalzi consecutivi in attacco e a convertire nei due punti il secondo. Schio nel frattempo continua a sbattere contro l’intensità difensiva delle toscane, che obbligano la formazione di Lasi all’ennesima palla persa. L’equilibrio però continua a farla da padrone e così il primo quarto va in archivio in perfetta parità (17-17).

WAMBE E’ DEVASTANTE, SCHIO ALLUNGA-E’ il botta e risposta tra Macchi e Ruzickova a riaprire la contesa. A suonare la carica è però Sottana, prima sbloccando il proprio tabellino poi trovando un gran canestro che regala alle locali il più cinque. Diamanti prova a così a mischiare le carte togliendo Bagnara e inserendo Spreafico, ma è ancora Godin a far la voce grossa sul fronte offensivo. A sbloccare l’attacco ospite servono così i primi punti di Spreafico, ma è Ress a salire in cattedra e a depositare a canestro il meno due (26-24). Schio prova comunque l’allungo, con Nadalin che piazza un 2+1 e Masciadri che trova il fondo della retina con una tripla pazzesca in faccia a Ress, rimettendo due possessi tra le formazioni (32-26). Lucca replica con quattro punti consecutivi di Johnson, ma Schio rimette la freccia e sospinta dalla solita Wambe e dall’ottima Macchi torna a macinare punti e così al riposo sono otto le lunghezze tra le due compagini (42-34), con Wambe già in doppia cifra (12) e coach Diamanti che deve fare i conti con il problema falli (Dotto 3, Bagnara e Johnson 2).

RUZICKOVA GUIDA LA RIMONTA DI LUCCA, SCHIO PERO’ E’ SEMPRE AVANTI-Anche la terza frazione si riapre nel segno di Schio, con Lavender a siglare il massimo vantaggio. Lucca però prova a cambiare l’inerzia: bomba di Bagnara, canestro di Gianolla e la Gesam ricuce il punteggio tornando a meno tre (44-41). Per il sorpasso è questione d’istanti, perché Ruzickova è on fire e prima piazza il 2/2 in lunetta che vale il meno uno, poi da sotto trova il sorpasso a quota 45. Le ragazze di Lasi ritrovano ossigeno nel finale e grazie anche alla precisione in lunetta tornano avanti, chiudendo sul 50 a 48 i primi trenta minuti.

BLACK OUT OFFENSIVO DI LUCCA, SCHIO VINCE FACILMENTE-Gli ultimi dieci minuti si aprono con sei punti consecutivi di Schio nel segno di Nadalin e Lavender, che permettono alla Famila di respirare e volare sul più sette (56-49). Lucca non trova più la retina, Lavender invece si e quando si entra negli ultimi quattro minuti di gioco, il vantaggio di Schio sale a quota nove punti. Nel momento di maggior difficoltà, è Andrade a ridare qualche speranza alla Gesam, con la bomba che rimette solo due possessi di margine. A mandare i titoli di coda è un discutibile fallo tecnico fischiato contro Bagnara: sia Nadalin prima sia Macchi poi si dimostrano impeccabili dalla lunetta ma a mandare definitivamente i titoli di coda ci pensa Masciadri poco dopo, piazzando dai 6.75 la tripla del più tredici (65-52) a meno di un minuto e mezzo dal termine. Lucca non ne ha davvero più e la squadra di casa trova addirittura l’allungo negli ultimi sessanta secondi, chiudendo con un netto e ingeneroso più diciassette (69-52).

MVP BASKETINSIDE.COM: Wambe

FAMILA SCHIO 69 – GESAM LUCCA 52

FAMILA SCHIO: Consolini , Sottana 4, Benko ne, Wambe 14, Masciadri 9, Ramon 5, Godin 12, Lavender 11, Nadalin 11, Macchi 14. All. Lasi

GESAM GAS LUCCA: Johnson 10, Dotto , Spreafico 3, Ress 8, Andrade 7, Favilla ne, Mei ne, Bagnara 6, Ruzickova 12, Gianolla 6. All. Diamanti

 

Fotogallery a cura di Euro Grotto

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy