Pff Group, esordio in A2 con Civitanova

Pff Group, esordio in A2 con Civitanova

Commenta per primo!

Ormai ci siamo, ancora poche ore e la Bonfiglioli targata Pff Group farà il suo esordio assoluto nel campionato nazionale di A2, ricevendo sabato sera alle 20.30 al PalaMIT2B la Fe.Ba. Civitanova Marche. Emozione, tensione, eccitazione, impossibile davvero descrivere la varietà degli stati d’animo con cui il gruppo biancorosso approccia la partita. C’è la voglia di rivincita di chi la categoria l’ha già assaggiata in passato come Mini e Malavasi, il desiderio di rivalsa di chi ha vissuto un ultimo anno piuttosto amaro come Coraducci e Denti. Sicuramente è presente in Laffi e Aleotti l’auspicio di rivivere le emozioni provate vincendo il campionato rispettivamente con le maglie di Vigarano e San Martino di Lupari. Allo stesso tempo è facile immaginare la carica di Miccio e Gargantini, all’esordio ufficiale all’ombra del Castello. Certamente a loro si accompagna l’emozione provata dal manipolo di ferraresi guidate dal Capitano Giulia Pocaterra, ovvero Toselli, D’Aloja, Missanelli e Colombani. Soprattutto per Pocaterra, che gioca la sua nona stagione da senior Bonfiglioli, la soddisfazione di avere partecipato alla costante crescita del progetto ferrarese. Ora però la parola spetta al campo, e solo il parquet potrà dire che ruolo reciterà la Pff Group nel suo primo campionato di A2. A misurare lo stato di salute del gruppo di Piatti arriva l’insidiosa Fe. Ba. Civitanova, anch’essa neo-promossa, e di cui ovviamente non si sa tanto dal punto di vista tattico.

Per quanto riguarda le individualità però, è formazione da prendere decisamente con le molle, anche alla luce del positivo pre-campionato condotto. Magari il roster non è lunghissimo ma il quintetto presumibilmente schierato dalle ospiti, ovvero Perini play, Iannucci e Trebbiani esterne, oltre alle torri Veinberga (comunitaria) e Filippetti (vista lo scorso anno a Pesaro), potrà dare filo da torcere alle ferraresi. Biancorosse che peraltro arrivano alla già delicata sfida in condizioni precarie di roster, soprattutto sotto canestro. Pocaterra continua ancora ad avere il ginocchio che fa le bizze e sul suo impiego si deciderà solo all’ultimo, cosi come ridotte al lumicino sono le speranze di poter vedere Malavasi che ha appena ricominciato l’attività fisica dopo lo stiramento accusato a inizio preparazione. Piatti spera di potere far giocare almeno la prima, soprattutto per non snaturare l’assetto tattico dei quintetti che andrà a schierare e, ancora di più, per potere alzare il ritmo contro una Fe.Ba. che alla lunga potrebbe pagare le minori rotazioni. Proprio dalla capacità di Ferrara di giocare a tutto campo e di limitare la forza delle ospiti a rimbalzo passa quindi grande parte delle possibilità di conquistare i primi due punti in A2 per la Pff Group. In effetti, sarebbe un bel modo di salutare il ritorno di Ferrara in un campionato di alto livello tredici anni dopo la chiusura dell’avventura del glorioso Basket Ferrara.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy