Ragusa: buon test ieri contro Catania. Squadra in crescita

Ragusa: buon test ieri contro Catania. Squadra in crescita

Commenta per primo!

La Passalacqua Spedizioni Ragusa riprende lunedì la preparazione dopo la seconda amichevole precampionato che l’ha opposta nuovamente all’Olympia Catania di serie A2. I tifosi biancoverdi hanno avuto modo di apprezzare la prima uscita stagionale al PalaMinardi, applaudendo per la prima volta Giulia Gatti, Olesya Malashenko e Ashley Walker. Senza Riquna Williams, che sarà a Ragusa tra due settimane, e Alice Richter, bloccata da un problema fisico, la Passalacqua ha mostrato progressi sia dal punto di vista della tenuta atletica che dal punto di vista dell’assemblamento della squadra. Alla fine il tabellone ha indicato 88-57 (Micovic 22, Gatti, Mauriello 5, Galbiati 22, Malashenko 9, Walker 16, Mazzone, Soli 3, Valerio 8, Guerrera 1, Sorrentino 2). Bene già le esterne (Gatti su tutte, ma anche Galbiati, Micovic e Valerio), mentre Walker ha dato prova di grande classe sotto i tabelloni.

La prossima uscita sarà in occasione del quadrangolare “Ludovica Leone”, in programma a Frosinone il prossimo fine settimana. La Passalacqua si ritroverà di fronte altri tre quintetti di serie A1: Cus Cagliari, Cus Chieti e Umbertide. Prima dell’inizio del campionato, previsto per il 13 ottobre (nell’Opening Day di Cagliari le iblee affronteranno il San Martino di Lupari), si proverà a organizzare almeno un’altra amichevole per favorire l’inserimento negli schemi di Riquna Williams e per presentare “Miss 51 punti” al pubblico del PalaMinardi.

Coach Nino Molino è soddisfatto, anche se consapevole del lavoro che lo attende: «La preparazione – dichiara – prosegue. Sono contento dei progressi nella condizione e della crescita delle singole. Dal punto di vista tecnico-tattico sappiamo che abbiamo ancora da lavorare. Le nuove devono ancora inserirsi al meglio, anche se già abbiamo una nostra identità difensiva. Sarà molto importante il torneo di Frosinone perché ci consentirà di misurarci contro squadre di A1 e magari emergeranno alcuni difetti che sinora sono rimasti nascosti. Per questo ritengo questo test molto importante. Prima, però, dobbiamo concentrarci su una settimana di lavoro in palestra».

Fotogallery a cura di Eleonora Tumino

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy