Giba attivissima per la Summer League di Imola

Giba attivissima per la Summer League di Imola

Commenta per primo!

La GIBA sarà presente alla Summer League di Imola, giovedì 13 e venerdì 14 giugno 2013, con un proprio stand dedicato alla consulenza legale gratuita per tutti gli atleti che ne avessero bisogno. All’interno del palasport ci sarà infatti un vero e proprio punto di ascolto, grazie alla preziosa collaborazione con gli organizzatori dell’evento.

Inoltre, giovedì 13 giugno 2013 alle ore 14, sempre a Imola – Hotel Donatello – si svolgerà un’Assemblea straordinaria della GIBA, eccezionalmente aperta anche ai non tesserati, con il seguente ordine del giorno.
1.Relazione del Presidente e confronto:
-I primi mesi della nuova gestione GIBA;
-Serie A: nuovi contratti e priorità del futuro accordo collettivo;
-Lega Gold/Silver: nuove regole – diritti da salvaguardare – come tutelarsi;
2.Iniziative GIBA per la stagione 2013/2014;
3.Varie ed eventuali.

Questo, in merito, il commento del Presidente GIBA, Alessandro Marzoli: «Il movimento del basket vive giorni molto importanti e noi della GIBA stiamo svolgendo una intensa attività, fatta sia di colloquio e trattative con Federazione e Leghe, sia di confronto con la nostra base. Dopo la partecipazione all’Improving Summer Camp di Caorle, nel corso del quale abbiamo avuto il piacere di ricevere nuove iscrizioni di giovanissimi, saremo a Imola per seguire la Summer League e per un’assemblea straordinaria con un importante ordine del giorno. Il momento è delicato, sempre più atleti sentono il bisogno di qualcuno che li tuteli, visti i tempi di crisi economica che si ripercuotono sul loro lavoro, e noi abbiamo scelto di mettere a disposizione un punto di ascolto e consulenza legale all’interno del Palazzetto».

Questo, in merito, il commento del Vice Presidente GIBA, Mario Boni: «Un sindacato che vuole essere davvero vicino ai bisogni della base non ha che una strada: la presenza continua e attenta, laddove è il movimento dei lavoratori del settore, dando tutto quel che è nelle proprie possibilità per tutelarli e per pianificare con loro un futuro che sia il migliore possibile. Continuiamo perciò a girare l’Italia e a incontrare istituzioni e giocatori, perché questo è quello che la nostra base ci chiede».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy