Summer Basket @ Montegranaro: gli Harley Davidson trionfano su Lo Frico dei fratelli Vitali

Summer Basket @ Montegranaro: gli Harley Davidson trionfano su Lo Frico dei fratelli Vitali

Commenta per primo!

Una finale degna del grande spettacolo sugli spalti (oltre mille spettatori presenti) si è conclusa con la sorprendente vittoria della Harley Davidson, che si aggiudicano la 2° edizione del Summer Basket superando a sorpresa i Lo Frico in un finale al cardiopalmo. Per il team di capitan Luca Vitali, privo ieri dell’mvp del torneo Valerio Amoroso e di Emanuele  Marzetti ma con un Michele Vitali in più nel motore, una beffa che arriva dopo un torneo che li aveva visti presentarsi imbattuti all’atto conclusivo del torneo, con la speranza concreta di bissare la rocambolesca vittoria dell’edizione 2012. Gli Harley Davidson, però, hanno ampiamente meritato il successo, conducendo praticamente per tutti i 40 minuti, facendo valere soprattutto la maggior profondità del roster specialmente nel pacchetto “non tesserati”.

La cronaca della gara (rinviata da sabato a ieri sera per maltempo) ci parla di un avvio sul filo dell’equilibrio, ma basta l’ingresso dalla panchina di Principi al posto di un Magrini precocemente caricato di falli a dare all’Harley Davidson il primo allungo (20-12 al 7’). Vitali senior e Francesco Amoroso sono però due rebus per la difesa del team di coach Canali, il cui vantaggio, nel secondo periodo, fa l’elastico tra il +1 (24-23 al 14’) ed il +9 (42-33 al18’).

Ti aspetti la reazione dei Lo Frico nella seconda metà di gara ed invece ecco l’allungo Harley Davidson. Sfruttando l’evidente vantaggio che lasciava loro il terzo quarto (nel quale andava schierato un “tesserato”, due “non tesserati” e due donne), Temperini e soci stringono le maglie in difesa e, trasformando i recuperi in transizioni veloci concluse da uno scatenato Magrini (8 dei suoi 13 punti nel terzo quarto) toccano anche il +17 (61-44 al 28’).

Titoli di coda? Neanche per sogno. Negli ultimi 10 minuti i Lo Frico possono schierare i fratelli Vitali e Francesco Amoroso insieme e la partita cambia volto. Il play appena acquistato dalla Reyer Venezia costruisce, “Ciccio” (13 dei suoi 26 punti nel periodo conclusivo) non fa rimpiangere il fratello Valerio e in un amen i Lo Frico si rifanno sotto, piazzando un parzialone di 22-7 che li riporta a -2 (68-66) a 5’ dalla sirena. All’Harley Davidson si spegne la luce in attacco, ma due triple di importanza capitale di capitan Nicola Temperini ricacciano indietro i Lo Frico (74-66 al 37’). Amoroso è una furia sotto le plance, sono i suoi 6 punti in fila a riportare di nuovo i suoi ad un solo possesso di distacco, ma a meno di 2’ dalla sirena è lui stesso a fallire da due passi il canestro che sarebbe valso il pareggio a quota 74.

I secondi finali sembrano ricalcare quelli dello scorso anno. A 17” dalla sirena, Luigi Selicato va in lunetta sul 76-72 Harley Davidson, fa 0/2 ma strappa il rimbalzo d’attacco subendo un nuovo fallo. Altro 0/2 e sul ribaltamento di fronte, Michele Vitali subisce l’ingenuo fallo su tiro da tre da parte di Riccardo Principi. Mancano 9” e Vitali junior, col 3/3 dalla linea della carità, riporta i suoi a -1 (76-75). Fallo immediato dei Lo Frico che mandano in lunetta Veronica Perini. Dentro il primo, fuori il secondo, che lascia così spazio al possibile canestro del pareggio o della vittoria ai Lo Frico. Ancora Michele Vitali prova ad ergersi a protagonista, taglia tutto il campo e sceglie la tripla per cercare la vittoria senza passare dall’overtime. Il suo tiro sulla sirena si infrange sul ferro e con essa le speranze dei Lo Frico. Esulta l’Harley Davidson, per i Lo Frico solo una cocente delusione.

All’intervallo della partita, anche quest’anno si è tenuta la gara delle schiacciate, che ha visto la sfida tutta in casa Harley Davidson tra Principi, detentore del titolo dopo la spettacolare prova dello scorso anno, Magrini e Catakovic. L’ala dalla Naturino Civitanova ha trionfato anche quest’anno, vedendosi assegnato dalla giuria (Marco Pagliariccio, giornalista del Corriere Adriatico, Fabio Fortuna, area marketing Sutor, e Luca Vitali) il punteggio di 56 su 60 per le due schiacciate proposte. Il 360° in aria di Magrini e il travestimento da donna di Catakovic non hanno impressionato i giurati, che hanno assegnato ai due sfidanti 52 punti.

Durante la cerimonia finale, che ha visto a premiare l’assessore allo sport Salvatore La Porta e il main sponsor Quota Cs Sport con il titolare Simone Corradini oltre ai figli del compianto Stefano Bracalente (cui era intitolato il torneo), assegnati i riconoscimenti individuali. Miss Torneo è stata eletta Lucia Principi (Gli Amici de lu Gattu), mister torneo a Riccardo Di Angilla (Kippe Kappe), miglior giocatrice Giulia Moroni (Rimasti Team), miglior non tesserato Mirko Romani (Harley Davidson) e miglior giocatore, come anticipato, Valerio Amoroso (Lo Frico).    

TABELLINO FINALE

Harley Davidson-Lo Frico 77-75 (24-17, 18-22, 24-15, 11-21)

Harley Davidson: Trobbiani G. 3, Ianuà M., De Fenza 7, Temperini N. 17, Perini 11, Selicato, Principi R. 12, Catakovic 3, Romani 11, Magrini 13, Crocenzi. Coach: Canale.

Lo Frico: Moretti 7, Vitali L. 8, Di Furia 3, Ciferri 4, Zerella 13, Amoroso F. 26, Sanges 1, Marinelli, Vitali M. 13, Dillier.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy