Alma Trieste-Bondì Ferrara la sala stampa: le parole di coach Dalmasson e Furlani

Alma Trieste-Bondì Ferrara la sala stampa: le parole di coach Dalmasson e Furlani

Coach Furlani nonostante la sconfitta è contento della prova fornita dai suoi atleti, meno soddisfatto Dalmasson che salva solo i due punti conquistati.

di Marco Novello

Adriano Furlani (coach Bondì Ferrara): “Oggi ci siamo presentati a questa partita un po’ corti, però nonostante tutto abbiamo dato dimostrazione di aver cuore ed un’idea di fare pallacanestro in una certa maniera. Abbiamo trovato forse una Trieste che all’inizio ci ha snobbato visto le nostre assenze e così ci ha permesso di stare in partita per tre quarti poi nel quarto quarto la diversa energia fisica ha fatto la differenza. Merito sicuramente va dato a Trieste, ma non demerito nostro perché non ce la facevamo più; sconfitta onorevole avendo giocato punto a punto gran parte dell’incontro nonostante fossimo sotto in maniera notevole siamo stati in grado di recuperare la partita purtroppo alla fine si è spenta la luce e le idee si sono annebbiate.”

Eugenio Dalmasson (coach Alma Trieste): “Apprese in settimana le sicure assenze di Roderick e Cortese siamo entrati in campo in maniera troppo soft e da lì cambiare mentalità in corsa non è mai semplice, ci siamo arenati nella nostra pigrizia e poca cattiveria agonistica. Ora abbiamo 38 punti, abbiamo vinto una partita giocata male ed un successo in questi casi è ancora più importante! Giocare bene e vincere spesso è una logica conseguenza, giocare male e vincere di 16 è importante; in questo momento della stagione dobbiamo essere concreti e fare risultato. Mancano due partite alla fine, ce la giocheremo fino in fondo ed alla fine vedremo quale sarà il risultato finale. Da questa partita cogliamo la cosa più importante che sono i due punti al di là del fatto che questi due punti siano usciti da una prestazione che sicuramente non è stata una delle migliori.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy